21082018Mar
Aggiornato ilLun, 20 Ago 2018 10pm

Sciolto nell'acido a 12anni, 2.2 milioni di risarcimento alla famiglia

Pubblicato in CRONACA
23 Luglio 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

Il tribunale civile di Palermo ha stabilito un risarcimento di 2,2 milioni di euro (400 mila euro già versati come provvisionale) alla mamma di Giuseppe di Matteo, Francesca Castellese, e al fratello del bambino, Nicola.
    Per il giudice Paoli Criscuoli "ciò che è stata lesa è la dignità della persona".
    Giuseppe Di Matteo fu tenuto sotto sequestro per oltre due anni e poi sciolto nell'acido dai boss mafiosi nel 1996. Il risarcimento è stato addebitato al boss di Brancaccio Giuseppe Graviano, a Benedetto Capizzi, Cristoforo Cannella, Francesco Giuliano, Luigi Giacalone e al pentito Gaspare Spatuzza, tutti condannati per l'omicidio. Non disponendo beni (tutti sequestrati) i boss non potranno pagare e il denaro sarà attinto dal fondo speciale dello Stato per le vittime di mafia.
    Il piccolo Di Matteo venne rapito il 23 novembre 1993 - quando non aveva ancora compiuto 13 anni - per intimidire il padre del bambino, Santino, che aveva deciso di collaborare con la giustizia.

Ultima modifica il Lunedì, 23 Luglio 2018 08:32

Ultime Notizie

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses