16112018Ven
Aggiornato ilGio, 15 Nov 2018 7pm

Procuratore capo su il rosarnese Amato: “È un appartenente al clan, comunque è pericoloso”

Pubblicato in CRONACA
07 Novembre 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

“Valuteremo cosa sia stato decisivo per la resa e cosa no. Bisognerebbe capire che cosa stava cercando e che cos'ha avuto. Anche questo sarà elemento d'indagine". Così il procuratore capo di Reggio Emilia, Marco Mescolini, commenta il sequestro di persona messo in atto lunedi dal condannato a 19 anni e un mese di Aemilia: Francesco Amato, 55enne originario di Rosarno, ma residente da trent'anni nel reggiano è considerato dagli inquirenti uno degli organizzatori del clan emiliano di 'ndrangheta.
    L’uomo , dopo aver tenuto per ore cinque dipendenti chiusi nell'ufficio postale di Pieve Modolena sotto la minaccia di un coltello, si è consegnato ai carabinieri rilasciando incolumi tutti gli ostaggi. "Abbiamo tenuto il peggio fin dall'inizio, non era facile prevedere cosa potesse succedere considerando il fatto che si è rivelata lucida e coerente con la figura che è sempre stata: si tratta di un appartenente al clan, comunque pericoloso", ha detto.

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses