01042020Mer
Aggiornato ilMer, 01 Apr 2020 3pm

Inquinamento ambientale in Calabria- Sversavano rifiuti pericolosi, sequestrato depuratore

Pubblicato in CRONACA
14 Febbraio 2020
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

I Carabinieri Forestale di Cosenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica, hanno sequestrato l'impianto di trattamento rifiuti liquidi speciali di proprietà della Consuleco srl e il depuratore comunale ubicati nel comune di Bisignano, in provincia di Cosenza.
    L'attività investigativa ha portato all'emissione di due misure cautelari di obbligo di dimora nei confronti dell'amministratore e del direttore generale della Consuleco srl, società affidataria anche della gestione dell'impianto comunale di Bisignano ai quali è stato contestato il reato di inquinamento ambientale. Secondo quanto emerso dalle indagini i due, fornendo illecite direttive ai dipendenti, anch'essi indagati, si sono resi responsabili del reiterato sversamento nel fiume Mucone di ingenti quantitativi di rifiuti speciali pericolosi. Sono in corso perquisizioni e sequestri di materiale probatorio presso tredici siti industriali ubicati in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.
   

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses