14112018Mer
Aggiornato ilMer, 14 Nov 2018 8am

Carabinieri, controllo del territorio: due arresti

Pubblicato in CALABRIA CRONACA
17 Ottobre 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

Continuano i servizi di controllo straordinario del territorio disposti dal Comando Gruppo Carabinieri di Locri ed effettuati tramite le compagnie di Bianco, Locri e Roccella Jonica, finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in genere, con particolare attenzione a quelli di natura predatoria e a quelli attinenti agli stupefacenti e le armi.

Negli ultimi giorni numerose pattuglie dei Carabinieri hanno effettuato perquisizioni domiciliari, veicolari e personali, rastrellamenti e posti di controllo nelle arterie stradali più importanti, nonché ispezioni a aziende agricole in odor di ‘ndrangheta in collaborazione con i reparti speciali dell’Arma.

In tale ambito:

− i Carabinieri della Stazione di San Luca, assieme ai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno rinvenuto, in quella località Napurdà, una piantagione di canapa indiana, precedentemente individuata dai Carabinieri Elicotteristi, composta da due piazzole contenenti residui di piantine, già estirpate, nonché una tenda adibita ad essiccatoio all’interno della quale vi erano 15 piante di un metro di altezza e 8 chili di marijuana già essiccata;
− i Carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica, assieme a personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, hanno denunciato F.G., 27enne di Grotteria, per furto e ricettazione. I Carabinieri, nel corso di una perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto un ciclomotore da cross risultato il compendio di una truffa nonché un allaccio abusivo alla rete elettrica;
− i Carabinieri della Stazione di Locri, assieme ai colleghi del NAS di Reggio Calabria e della locale Stazione Carabinieri Forestali, hanno denunciato C.G., imprenditore del posto, per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e omessa registrazione della movimentazione dei bovini. L’uomo, titolare di un’azienda agricola, avrebbe omesso la registrazione di numerosi capi di bestiame, violando, nel contempo, la normativa sullo smaltimento dei rifiuti prodotti dall’azienda stessa. Allo stesso, inoltre, sono state impartite prescrizioni penali e comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di svariati migliaia di euro;
− i Carabinieri della Stazione di Careri, assieme ai colleghi del NAS di Reggio Calabria e della Stazione Carabinieri Forestali di Locri, hanno denunciato V.T., imprenditrice di Benestare, per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e omessa registrazione della movimentazione dei bovini. La donna, titolare di un’azienda agricola gestita dal figlio, avrebbe omesso la registrazione di numerosi capi di bestiame, violando, nel contempo, la normativa sullo smaltimento dei rifiuti prodotti dall’azienda stessa. Alla medesima, inoltre, sono state impartite prescrizioni penali e comminate sanzioni amministrative per un importo complessivo di svariati mila euro.

Infine,

Ultima modifica il Mercoledì, 17 Ottobre 2018 15:29
Grande2
banner grande 3

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses