14112018Mer
Aggiornato ilMer, 14 Nov 2018 8am

Aziende “colluse” con Ndrangheta, sequestro beni

Pubblicato in CALABRIA CRONACA
08 Novembre 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

Sarebbero "collusi con alcune cosche di 'ndrangheta", secondo la Dda di Reggio Calabria, i due imprenditori ai quali stamattina la Guardia di finanza, in esecuzione di provvedimenti emessi dalla Sezione Misure di prevenzione del Tribunale reggino, ha sequestrato beni per un totale di 212 milioni di euro.
    I due imprenditori destinatari del provvedimento di sequestro, la cui attività riguarda il settore della fabbricazione e della distribuzione di conglomerati bituminosi e del calcestruzzo, sono Domenico Gallo, di 62 anni, di Bovalino, e Gianluca Scali, di 46 anni, di Roccella Jonica.
    Il patrimonio che é stato sequestrato dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e dello Scico, il Servizio centrale investigazione criminalità organizzata delle fiamme gialle, riguarda un voluminoso complesso di imprese commerciali e disponibilità finanziarie, oltre ad una lunga serie di beni mobili e immobili.

Ultima modifica il Giovedì, 08 Novembre 2018 13:17
Grande2
banner grande 3

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses