24022020Lun
Aggiornato ilLun, 24 Feb 2020 4pm

Un giovane di soli 27 anni, Antonino Laganà è morto in un incidente verificatosi ieri lungo la tangenziale a Catanzaro.

Secondo le prime ricostruzioni sull’accaduto sembrerebbe che l’auto sulla quale viaggiava Laganà, una Fiat 600, abbia perso il controllo per poi andarsi a schiantare contro una  Bmw che viaggiava in direzione opposta.

Sul luogo dell’incidente sono giunti i soccorsi che però si sono rivelati inutili in quanto il giovane, sbalzato fuori della vettura a causa del violento impatto, è morto sul colpo.

La squadra mobile di Catanzaro ha disposto l'arresto di due uomini di etnia rom, Simone e Franco Bevilacqua, poiché ritenuti responsabili dei reati di sequestro di persona, violenza sessuale e riduzione in schiavitù. Secondo il racconto della ragazza, vittima degli abusi, le violenze nei suoi confronti erano iniziate quando lei e Simone Bevilacqua avevano deciso di andare a convivere. E’ stata la giovane, anche lei appartenente alla comunità rom catanzarese, a denunciare le violenze subite. Tra le mura domestiche infatti si consumavano violenze, sotto forma di percosse e minacce a mano armata, che si accentuavano nel momento in cui la donna rifiutava di prostituirsi negandosi ad un rapporto sessuale. Venerdì sera gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato Simone Bevilacqua e Franco Bevilacqua nella zona sud di Catanzaro, nei quartieri dove vive la comunità nomade.

Il presunto assassino di Marco Gentile, il diciottenne ucciso ieri a coltellate a Catanzaro è stato individuato e fermato dagli agenti della Questura del capoluogo calabrese. Il nome del fermato non è ancora stato reso noto, ma, sembrerebbe che tra i due fosse scoppiata una lite (per futili motivi) nei pressi dei giardini di San Leonardo a Catanzaro. Diverbio poi finito in tragedia.

Marco Gentile un giovane di soli 18 anni è morto a Catanzaro dopo essere stato accoltellato durante una lite. La discussione che poi ha portato all'accoltellamento mortale è avvenuta in un vicolo vicino ai giardini di San Leonardo, nella zona nord della città capolugo della Calabria, per motivi ancora da accertare. Il ragazzo, colpito al cuore, è stato trasportato in codice rosso in ospedale dove è stato ricoverato d'urgenza in rianimazione, ma non ce l'ha fatta, è morto poco dopo. L'aggressore, che sarebbe già stato identificato dagli inquirenti, è invece riuscito a scappare. Sull'omicidio indaga la Squadra Mobile.

Un giovane 18enne è stato arrestato dalla squadra mobile di Catanzaro per stalking e minacce nei confronti dell'ex fidanzatina 14enne. Un'attività persecutoria intensa ai danni dell'ex ragazza, messa in atto con innumerevoli telefonate e sms di minacce. L'arrestato, in un'occasione, si è anche introdotto nell'abitazione dell'ex fidanzata ed ha dato fuoco all'automobile della madre della giovane, continuando anche dopo nell'attività persecutoria ed attribuendosi la paternità del danneggiamento.

 Una donna 38enne di etnia rom, Rosanna Abbruzzese, è stata arrestata a Catanzaro insieme al suo compagno Cosimo Passalacqua. La donna aveva nascosto 40 dosi di eroina nel reggiseno che indossava. Un escamotage che non e’ bastato a evitarle l’arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nell’abitazione della coppia gli agenti della squadra volanti della questura di Catanzaro ha rinvenuto 430 euro in contanti e in totale circa 210 grammi di cocaina ed eroina, nascosti in parte dentro un calzino trovato dagli agenti sotto il letto. Entrambi si trovano adesso agli arresti domiciliari.


Un rifiuto a delle avances si stava trasformando in tragedia in provincia di Reggio Calabria. Una vedova di 64 anni è infatti stata arrestata dai carabinieri a Marina di Gioiosa Jonica con l’accusa gravissima di tentato omicidio nei confronti dell'autista di un autobus di linea in sosta. I carabinieri sono intervenuti mentre la donna, armata di un coltello con lama da 30 centimetri, cercava di colpire l'autista, un quarantenne di Catanzaro. Secondo gli inquirenti all’origine del gesto ci sarebbe stato il rifiuto dell'uomo alle avances da parte della donna.

Tre arresti per estorsione

Pubblicato in CALABRIA CRONACA
08 Settembre 2015

I carabinieri di Chiaravalle Centrale (CZ) hanno arrestato per estorsione tre straneri. Nariyana Zhelyazkova, 57 anni, ed i due figli, Zornica (27) e Zhiko (34), si sono recati in casa di un cinquantenne di Cardinale, dove, secondo la ricostruzione, avevano stabilito domicilio senza il consenso del proprietario. Quindi, sotto minaccia e dopo svariati episodi di maltrattamento denunciati, hanno preso dalla vittima 600 euro. Dopo il pagamento, i tre sono stati bloccati.

Si è incatenato per manifestare contro la decisione di Poste Italiane di rimodulare, cioè ridurre a soli tre giorni settimanali, l'apertura dell'ufficio postale del proprio comune. E' la protesta attuata da Luigi Riccelli sindaco di Sorbo San Basile, comune della Presila Catanzarese. "Siamo persone non numeri", 'L'ufficio postale non si tocca" e "gli sprechi sono altri" sono alcune delle scritte impresse su striscioni affissi davanti all'ingresso dell'ufficio postale.

Un gravissimo incidente si è verificato nel pomeriggio di ieri nei pressi di Magliacane, a Belcastro in provincia di Catanzaro. Teatro del sinistro per l’ennesima volta la strada statale 106.

L’impatto è avvenuto tra una Ford Fiesta  ed una Volkswagen Golf , a bordo del quale si trovava un bambino di soli quattro anni che è rimasto gravemente ferito ed è stato trasportato d’urgenza in ospedale in elisoccorso.

Sul luogo dell’incidente oltre ai sanitari del 118 sono intervenuti altresì i carabinieri per accertare la dinamica del sinistro.

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses