08042020Mer
Aggiornato ilMar, 07 Apr 2020 6pm

Ieri 21 dicembre 2015, in Polistena (RC), i Carabinieri hanno tratto in arresto NAPOLI Saverio, di anni 51 da Cinquefrondi, in esecuzione al provvedimento di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria - Direzione Distrettuale Antimafia, per associazione di tipo mafioso. Il predetto era irreperibile dal 15 dic 2015, quando si era sottratto all’esecuzione del provvedimento giudiziario emesso nell’ambito dell’operazione convenzionalmente denominata “Saggio Compagno”.

Nella giornata di ieri 1 Dicembre 2015, in Polistena (Reggio Calabria), i Carabinieri traevano in arresto FRAZZITTA Leonardo, di anni 21 da Trapani (TP), già noto alle Forze dell'Ordine, per i reati di rapina, danneggiamento e furto aggravato, in esecuzione all’ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo dovendo espiare la pena residua di mesi 10 di reclusione.

Anche l’Amministrazione Comunale di Cittanova parteciperà alla Manifestazione Popolare denominata SU LA TESTA in difesa del presidio ospedaliero, indetta dal Sindaco di Polistena.

All’iniziativa che si svolgerà sabato 24 ottobre 2015 a Polistena sarà presente il Sindaco Francesco Cosentino in rappresentanza del nostro Comune.

Lo stesso ha volutamente sensibilizzato la partecipazione al corteo da parte delle associazioni cittadine di Cittanova, per manifestare unitamente contro le ipotesi di taglio dei servizi sanitari pubblici..

La manifestazione, tesa a salvaguardare l’Ospedale di Polistena, il diritto alla salute e  la sanità pubblica dei cittadini della Piana di Gioia Tauro, avrà inizio alle ore 9.00.

Al corteo pubblico, che partirà dal Piazzale antistante l’ospedale, è prevista anche la partecipazione dei vari Sindaci delle città limitrofe, delle istituzioni sindacali, delle scuole.

Sabato 26 settembre a Polistena (Reggio Calabria), i Carabinieri traevano in arresto, in esecuzione di provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Palmi, ZERBI Antonio,  di anni 55 da Polistena, già noto alle FF.OO, per  usura continuata in concorso ed intermediazione illecita.

Il predetto deve espiare una pena residua di anni 1 (uno) mesi 9 (nove) e giorni 10 (dieci) di reclusione presso il proprio domicilio.

Lo stesso giorno, sempre nella cittadina della Piana i Carabinieri traevano in arresto altresì RASO Michele, di anni 44, già noto alle Forze dell’Ordine, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in quanto, nel corso di una perquisizione domiciliare, veniva trovato in possesso di un involucro di cellophane contenente gr. 71 (settantuno) di sostanza stupefacente tipo canapa indiana, già suddivisa in dosi, nonché la somma di € 80 (ottanta) suddivisa in mazzette, quale provento dell’attività di spaccio.

La sostanza stupefacente è stata sequestrata mentre il prevenuto è stato tradotto presso la casa circondariale di Palmi (RC).

L’ospedale di Polistena deve essere salvaguardato e in questa direzione siamo impegnati come Amministrazione provinciale, ma come rappresentanti di questo territorio siamo costretti a scontrarci con una gestione commissariale burocratica e sorda”. E’ quanto affermato dal presidente della Provincia di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa, nel corso del suo intervento telefonico al programma “Quinta colonna” di Rete 4 condotto dal giornalista Paolo Del Debbio e in cui era ospite il sindaco di Polistena. “Sappiamo che le prospettive per questo ospedale – ha proseguito Raffa - non sono delle migliori. D’altra parte esiste il progetto per la realizzazione a Palmi dell’ospedale unico della Piana che però, nella migliore delle ipotesi, vedrà la luce solo fra dieci anni. Un tempo inaccettabile ma, soprattutto, una soluzione che non appare sufficiente a tutelare il diritto alla salute dei cittadini di Polistena e del comprensorio che usufruisce dei servizi di questo presidio. Altro che chiusura – ha aggiunto Raffa -: quella realtà necessita di una implementazione dei servizi”.

 

Il Presidente dell’Ente intermedio ha aggiunto: “Il vero nodo per la sanità reggina è legato ad un generale processo di desertificazione dei servizi sanitari essenziali che, oltre Polistena, riguarda anche Locri, Melito Porto Salvo,  Scilla e altri centri del reggino.  Processo che non sembra però preoccupare più di tanto chi oggi ha la competenza e dunque il potere di decidere sulle sorti della sanità calabrese, ovvero il commissario ad acta, Massimo Scura. In questo quadro – ha sottolineato Raffa - ritengo che sia necessario potenziare le strutture ospedaliere territoriali e garantire un diritto alla salute che oggi appare una mera enunciazione di principio”. Secondo Raffa, “il piano di rientro che ci è stato imposto dal governo e dalla Regione Calabria è assolutamente irrealizzabile. Ribadiamo il nostro impegno – ha poi concluso il presidente della Provincia -, e ricordo che sul tema nei prossimi giorni si terrà una manifestazione al fianco dei sindaci e delle comunità reggine, affinché nella nostra provincia non resti solo sulla carta la salvaguardia del più importante dei principi della Carta costituzionale: quello alla salute e, dunque, alla vita”.

Una tragedia avvenuta in un clima di festa, quella che ha colpito la cittadina di San Giorgio Morgeto in provincia di Reggio Calabria. Un bimbo di 10 anni C. G durante i festeggiamenti della Madonna della Montagna, ha perso conoscenza, dopo aver avuto un malore. A riportare la notizia l'emtittente locale telmia. Dalle prime informazioni sembra che il piccolo soffrisse di una cardiopatia congenita. Immediatamente trasportato presso il vicino ospedale a Polistena, il bimbo è deceduto poco dopo il ricovero sotto gli occhi increduli di tutti.

 

Tanto tuonò che piovve. Alla fine nonostante le proteste di amministratori, operatori del settore e cittadini l’annunciato blocco dei ricoveri dei reparti di pediatria e ostetricia all’Ospedale di Polistena è calato sui duecentomila abitanti della Piana come una mannaia.

Come spesso accade tagli e chiusure sono puntualissimi nelle tabelle di marcia, a differenza di ampliamenti e strutture nuove che invece marciano a passo di tartarughe con innumerevoli soste qua e là nella foresta selvaggia dell’iter burocratico.

Subito dopo il blocco il sindaco di Polistena Michele Tripodi con una dura nota stampa (che si riporta integralmente) ha attaccato il provvedimento chiedendo l’immediata revoca della disposizione

“Riteniamo gravissima la disposizione n. 59328 a firma del Direttore Sanitario dell'Asp di Reggio Calabria, con la quale si stabilisce il blocco dei ricoveri del reparto di Pediatria con conseguente disattivazione del reparto (gemello) di ostetricia dell'ospedale di Polistena.

Incredibile è anche la motivazione espressa nel provvedimento dove si legge che la "carenza di personale" stia all'origine del blocco dei ricoveri, in un momento dove proprio il Commissario Scura non fa che annunciare a bocca piena lo sblocco di 600 assunzioni nella sanità calabrese. Evidentemente alle parole non seguono fatti e atti concreti, anzi corrisponde l'opposto, meno servizi, meno ospedali, meno diritti per i cittadini con la gestione commissariale che inevitabilmente antepone scopi economici al diritto alla salute ed alle cure mediche delle persone.

Avevamo lanciato l'allarme già a giugno, nel corso dell'occupazione simbolica degli uffici amministrativi con tanti Sindaci e cittadini al seguito. In quell'occasione e anche successivamente, i medici dell'ospedale di Polistena, preoccupati, avevano responsabilmente ribadito all'Azienda le criticità e le carenze, paventando a ragione, i rischi che si potevano correre ove non fossero state assunte iniziative in controtendenza rispetto al passato, tra cui il reperimento di personale per coprire i vuoti di organico dovuti a malattie e pensionamenti.

Ora i fatti confermano che le promesse dai Commissari Scura e Gioffré rimangono tali, anzi le procedure di assunzione risultano inspiegabilmente rallentate, nonostante nei nostri ospedali i disagi siano ricorrenti e i cittadini-utenti spesso si ritrovano senza adeguata assistenza talora anche con rischi enormi per la propria incolumità.

La disposizione in questione oltre ad essere lesiva del diritto alla salute è folle poiché é da pazzi e irresponsabili chiudere l'unico punto nascite pubblico nella Piana di Gioia Tauro ed il reparto di pediatria rimasto con un solo medico, il primario dott. Minasi, al quale ci sentiamo di esprimere gratitudine e vicinanza per aver retto sinora il reparto in condizioni di emergenza.

Chiediamo per questi motivi al Commissario Gioffre l'immediata revoca della disposizione, ed il ripristino entro poche ore della piena funzionalità del reparto di pediatria e di ostetricia, assumendo tutte le iniziative necessarie in tal senso.

Diversamente, il mantenimento del blocco, suonerebbe come un oltraggio nei confronti dell'ospedale di Polistena ed un ulteriore attacco alla sanità pubblica nella Piana di Gioia Tauro, che noi, prima che come persone impegnate nelle istituzioni, come cittadini, non permetteremo.”

Francamente non sappiamo come andrà a finire, ma nei fatti, con nosocomi chiusi e/o ridimensionati, con un ospedale unico che sembra sempre più un miraggio che una concreta realtà, un’adeguata assistenza sanitaria nella Piana invece che un diritto è diventata un’illusione.

Angelo Zurzolo

La sezione locale del Partito Comunista d’Italia “A.Gramsci” organizza la Festa Rossa, appuntamento di ogni estate giunto alla diciassettesima edizione a Polistena, dal 1998 in avanti, anno cioè della fondazione del Partito dei Comunisti Italiani.

Quest’anno sarà il logo del PCI, con la storica bandiera che fu del glorioso e grande partito comunista, a campeggiare a Villa Italia, con l’auspicio che l’unità di tutti i partiti comunisti possa realizzarsi quanto prima in Italia, per rilanciare una sinistra di classe ed un’opposizione vera al governo Renzi.

La presenza dei comunisti a Polistena che governano nell’amministrazione cittadina, viene ribadita e rilanciata attraverso un programma della Festa Rossa di Polistena, che si svolgerà a Villa Italia dal 19 al 22 agosto, ricco di iniziative che vanno dai dibattiti all’intrattenimento, dai giochi agli spettacoli, dalla gastronomia alla pratica sportiva.

Per la prima volta infatti il 21 agosto è prevista la “Rossa Campestre” una corsa non competitiva che parte dall’area della Festa e si correrà su un circuito in parte urbano in parte extraurbano.

I dibattiti saranno come sempre occasione di approfondimento di temi importanti e di attualità politica.

MERCOLEDI 19 AGOSTO Ore 22.00 DIBATTITO

“Istruzione e lavoro. La cattiva scuola di Renzi e il jobs act colpiscono il diritto alla studio ed il diritto al lavoro garantiti dalla nostra Costituzione”

Coordina: Emilio Filardo (segreteria di sezione PCdI)

Partecipano: Roberta Coriani (direttivo di sezione PCdI), Carmelo Cozza (Segretario regionale SUL), Nelli Creazzo (Assessore Comunale Polistena), Giuseppe Politanò (capogruppo Avanti Polistena), Luigia Politanò (referente locale referendum abrogativo legge buona scuola),

Conclude: Lorenzo Fascì (segretario provinciale PCdI)

Seguirà il concerto di COSIMO PAPANDREA accompagnato dai TARANQUARTET

GIOVEDI 20 AGOSTO Ore 22.00 DIBATTITO

Rilanciare la sanità pubblica nella Piana di Gioia Tauro, ripartendo dalla difesa e dal potenziamento dell’ospedale di Polistena”.

Coordina: Angelo Borgese (Presidente del Consiglio Comunale Polistena - segreteria di sezione PCdI)

Partecipano: Loredana Carrera (Direttore Sanitario P.O. Polistena), Antonino Coco (Primario Ostetricia P.O. Polistena), Domenicantonio Cordopatri (Primario radiologo P.O. Polistena), Francesco Nasso (Primario Medician Interna P.O. Polistena) Rocco Polimeni (Primario Cardiologo P.O Polistena), Francesco Toscano (Assessore Comunale Gioia Tauro)

Conclude: Michele Tripodi (Sindaco di Polistena – direzione nazionale PCdI)

Seguirà il concerto del gruppo GIOIA POPOLARE

VENERDI 21 AGOSTO Ore 22.00 DIBATTITO

“La parabola del Governo regionale e le prospettive di risalita per la sinistra, per la Calabria e per il Mezzogiorno”.

Coordina: Lucio Musolino (Giornalista de “Il Fatto Quotidiano”)

Partecipano: Maria Carmela Lanzetta (già ministro della Repubblica), Nicola Limoncino (segretario provinciale Rif. Comunista), Giovanni Nucera (consigliere regionale “La Sinistra”)

Conclude: Michelangelo Tripodi (segretario regionale PCdI – segreteria nazionale PCdI)

Seguirà il concerto del cantautore Otello Profazio.

Sabato 22 agosto alle ore 23 si chiuderà con il comizio di chiusura “Avanti Polistena”, lo slogan ed il nome del gruppo che hanno accompagnato il trionfo alle ultime elezioni comunali della lista espressione del PCdI guidata dal Sindaco Michele Tripodi.

A seguire il concerto del cantautore Mario Venuti chiuderà gli spettacoli della Festa Rossa di Polistena.

Prosegue incessantemente il piano di azione nazionale e transnazionale denominato “Focus ‘ndrangheta”.

La scorsa settimana la Polizia di Stato ha continuato i servizi integrati di controllo del territorio impiegando  nei comuni di San Giorgio Morgeto, Rosarno, Molochio, Polistena, Melicucco, Santa Cristina d’Aspromonte e Oppido Mamertina, complessivamente 14 equipaggi dei Commissariati di Cittanova, Gioia Tauro, Palmi, Polistena e Taurianova, 38 equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Siderno, 6 equipaggi della Polizia Scientifica di Gioia Tauro, 6 unità cinofile antidroga della Questura di Reggio Calabria nonché equipaggi e velivoli del 5° Reparto Volo della Polizia di Stato di Reggio Calabria.

Le attività operative si sono concretizzate effettuando posti di controllo straordinari durante i quali sono state controllate 311 persone, 139 autoveicoli, ed effettuate 9 perquisizioni personali sul posto.

Inoltre sono state eseguite 27 perquisizioni domiciliari con 1 denuncia all’Autorità Giudiziaria per omessa custodia di armi legalmente detenute. Sono stati, altresì, elevati 6 verbali per infrazioni al Codice della Strada.

Nella città di Reggio Calabria il personale dell’ Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, impegnato in servizio di controllo del territorio, ha arrestato in flagranza per i reati di detenzione abusiva di una pistola con la matricola abrasa e per lesioni aggravate, un trentanovenne che aveva colpito, poco prima, con il calcio della suddetta arma l’ex compagna per la quale è stato necessario l’intervento dei sanitari del locale Pronto Soccorso per curare le ferite lacero-contuse provocatele alla testa.

Giovedì 30 luglio alle ore 20.30 si terrà una cena di Beneficenza organizzata dalla Comunità Luigi Monti presso il Parco sito in via Vescovo Morabito a Polistena (Reggio Calabria).

Dopo il grande successo dello scorso anno che ha consentito l’acquisto di una piscina per i ragazzi della comunità, quest’anno l’obiettivo è ancora più ambizioso.

Il ricavato della serata sarà devoluto totalmente alla Comunità ed impiegato nell’acquisto di un pulmino utile per le attività di tutto l’anno.

Un appuntamento quindi da non perdere!

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses