11122018Mar
Aggiornato ilLun, 10 Dic 2018 10pm

Operazione Lupus in Fabula, assoluzioni in appello

Pubblicato in ROSARNO CRONACA
07 Dicembre 2017
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

La Corte di Appello di Reggio Calabria ha emesso nella giornata di ieri la sentenza di secondo grado nel processo scaturito dall’Operazione denominata “Lupus in Fabula”.

I giudici di secondo grado (Gaeta presidente, Di Landro relatore e Cappuccio a latere) hanno riformato totalmente la sentenza emessa dal Gup di Reggio Calabria dott. Catalano nei confronti dei tre imputati rosarnesi arrestati nel novembre 2013 e considerati dagli inquirenti appartenenti alla cosca di 'ndrangheta dei Pesce di Rosarno ed, a vario titolo, indagati di associazione di tipo mafioso, porto e detenzione illegale di munizioni e di armi comuni da sparo e di armi da guerra, aggravate dalle finalità mafiose e tentato omicidio aggravato da finalità mafiose.

Arena Biagio, difeso dagli avv.ti Michele Novella e Pittelli, condannato in primo grado alla pena di 16 anni di reclusione, è stato assolto dalle accuse di associazione mafiosa e tentato omicidio, e condannato per armi, previa esclusione aggravante art 7, alle pena di anni 4 e mesi 8. Vincenzo Cannatà (difesa avv. Michele Novella) è stato assolto dai reati di tentato omicidio e detenzione di armi (11 anni in primo grado). Infine Rosario Rao (difesa Guido Contestabile e Gambardella), condannato alla pena di anni 14 in primo grado è stato assolto dall’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso e condannato in appello, previa esclusione dell’aggravante della metodologia mafiosa, alla pena di anni sei per il reato di detenzione di armi.

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses