14102019Lun
Aggiornato ilDom, 13 Ott 2019 5pm

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, assieme ai colleghi del  Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori e alla verifica del rispetto della normativa ambientale e agroalimentare, con particolare attenzione alla corretta gestione degli animali da allevamento.

Militari della Stazione Carabinieri di Cinquefrondi con il supporto della Stazione dei  Carabinieri Forestali di Cittanova hanno proceduto al controllo di un allevamento di ovi-caprini sito ad Anoia accertando, con l’ausilio di personale dell’A.S.P.,  la mancata tracciabilità, attraverso identificazione e registrazione di 18 caprini e 8 ovini. Gli animali sono stati sequestrati elevando sanzioni amministrative.

L’attività svolta ha consentito poi di rinvenire attrezzatura e mezzi agricoli rubati, restituendoli ai legittimi proprietari. Nel terreno dell’allevatore, infatti,  è stata trovata una macchina cernitrice risultata provento di un furto commesso in una proprietà agricola a Cittanova il 5 febbraio, e l’uomo dovrà quindi rispondere anche del reato di ricettazione.

In un vicino terreno demaniale, inoltre, nascosto tra le sterpaglie è stato rinvenuto anche un motoraccoglitore per olive risultato provento di un furto commesso a settembre a Varapodio.  

I controlli continueranno anche nel prossimo futuro in tutto il territorio volti a ricercare attrezzatura e materiali agricoli rubati e a garantire il rispetto della normativa ambientale e sanitaria per la corretta e sicura gestione degli animali da allevamento.

Far conoscere alla comunità di Varapodio il messaggio di riscatto attraverso la cultura di cui è portatore il giovane musicista venezuelano Jonathan Gabriel Guzman. È questo l'obiettivo che si prefigge la Pro Loco cittadina che ha organizzato una due giorni con il violoncellista che, cresciuto in un orfanotrofio di Caracas, ha legato il suo nome all'impegno internazionale a favore dei bambini che vivono in condizioni di disagio. 

Venerdì e sabato l'artista non ancora 30enne sarà ospite dell'associazione guidata da Maria Rosa Ferraro, con un programma suddiviso tra esibizioni musicali, incontri formativi nelle scuole e conversazioni con i rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni. Si comincia il 2 marzo, alle 18.30, nella chiesa di Santo Stefano, con la proiezione di A Slum Symphony, il docu-film che ha reso noto al grande pubblico l'infanzia dolorosa di Guzman e il suo incontro salvifico con la musica all'interno della struttura di cui era ospite nel suo Paese. 

Approfittando della solenne atmosfera del tempio sacro, ci sarà spazio per un assaggio della bravura artistica del giovane concertista, formatosi nel conservatorio di Torino, che giunge a Varapodio grazie all’amicizia con il professore e maestro Emmanule Saccà, direttore artistico dell’accademia Musicale “Calliope” della Pro Loco, nonché per gli interventi del sindaco Orlando Fazzolari e del parroco don Gaudioso Mercuri, oltre che del pubblico. Per cogliere al meglio l'intento educativo della presidente Ferraro, Guzman sarà protagonista – nella mattinata di sabato a partire dalle 9.30 – di un incontro con le scolaresche dell'Istituto comprensivo di Oppido-Varapodio-Molochio. 

«Ospitando Guzman – dichiara la presidente della Pro Loco “La Coppa Vitrea” - creiamo l'occasione di un nuovo respiro internazionale per Varapodio, offrendo ai più giovani l'esempio di un ragazzo che ha scartato tutte le strade negative che la sua condizione gli ha posto davanti, incontrando la musica e facendo di essa e del dovere della testimonianza la sua ragione di vita».  

Il 25 febbraio 2016, a Varapodio (Reggio Calabria),  i Carabinieri hanno tratto in arresto NATALE Carmine, di anni 64 da Varapodio, già noto alle Forze dell'Ordine, per i reati di violenza o minaccia a pubblico ufficiale, esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle cose e violenza privata, in esecuzione al provvedimento di espiazione pena detentiva, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo. Natale dovrà espiare una pena di anni 2 e mesi 6 di reclusione in regime domiciliare.

 Nota stampa del Comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria

L'11 febbraio 2016, in Varapodio (RC), i Carabinieri hanno tratto in arresto NATALE Carmine, di anni 64 da Varapodio, già noto alle FF.OO., in ottemperanza all’ordine di esecuzione per l’espiazione di pena detentiva, emesso dalla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, dovendo espiare una pena di anni 1 di reclusione, in regime di detenzione domiciliare, per violenza o minaccia a Pubblico Ufficiale.

Dovranno ripetere la sfida, Chiara e Martina Scarpari, le gemelle di Varapodio che avevano già trionfato nel programma Rai "Ti lascio una canzone". Dopo aver superato ampiamente al televoto lo sfidante Giuseppe Sutera Sardo, le gemelle si troveranno a salire nuovamente sul palco. La Rai, infatti, ha deciso, dopo l’errore comunicato in diretta sabato scorso durante la sfida finale di Ti lascio una canzone, di ripetere la votazione. Dopo il banale errore sul nome del secondo finalista, prontamente risolto in diretta televisiva, sembra si sia alzata una protesta di alcuni telespettatori che hanno lamentato una disparità nei tempi che i concorrenti avrebbero avuto per farsi televotare. Pertanto i responsabili di Rai uno hanno deciso di ripetere la finalissima, invalidando lo schiacciante risultato di sabato scorso, che aveva visto le gemelle Scarpari prevalere con il sessanta percento delle preferenze, riaprendo la competizione per decidere chi volerà in Bulgaria il prossimo 21 novembre. Ancora qualche giorno di trepidazione per le gemelle Scarpari che sperano di rappresentare la canzone italiana allo Junior Eurovision Song Contest 2015 . L’intera regione è invitata a sostenerle. Giusto riconoscimento per due artiste che continuano a fare della Calabria la propria bandiera. Appuntamento per sabato sera alle 21.00 su Rai uno muniti di telefoni per votarle.

Chiara e Martina Scarpari, le gemelle di Varapodio (Reggio Calabria), hanno trionfato nella puntata speciale di “Ti lascio una canzone”, il talent televisivo condotto da Antonella Clerici che è andato in onda ieri in prima serata, su Rai Uno.

Le due quindicenni calabresi si sono esibite prima con “Senza Pietà”, il brano cantato a Sanremo da Anna Oxa nel 1999, e successivamente con una superba interpretazione della canzone “Una ragione di più”, successo di Ornella Vanoni scritto nel 1969 dall’indimenticato fenomeno della musica calabrese Mino Reitano.

Grazie alla vittoria di ieri, Chiara e Martina Scarpari parteciperanno al prossimo Junior Eurovision Song Contest che si svolgerà a Sofia, capitale in Bulgaria, dove il prossimo 21 novembre rappresenteranno l’Italia con un brano che sarà scritto per l’occasione da Gigi D’Alessio.

Giuseppe Iovino, 61 anni, originario di Varapodio (Reggio Calabria), ma residente a Messina è stato arrestato dagli agento della Squadra Mobile di Messina in esecuzione di un ordine di esecuzione di pena detentiva emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria.

L’uomo nel 2007 venne arrestato dai poliziotti della Squadra Mobile nel corso dell’operazione “Carmen”, che portò alla luce un traffico di droga con ramificazioni in tutta Italia, con l’accusa di spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate.

Concluso il procedimento penale nei suoi confronti, deve scontare la pena di 9 mesi e 19 giorni, in regime di detenzione domiciliare.

Si sono riuniti a Cinquefrondi i Sindaci dei Comuni di Cittanova, Cinquefrondi, Rizziconi, Rosarno, Varapodio per affrontare nello specifico la rilevante problematica relativa alla contrattualizzazione del lavoratori LSU e LPU, al fine di evitare che gli stessi possano ricadere nuovamente in una deprecabile precarietà.

La questione riguarda i circa 4.000 lavoratori già contrattualizzati e per i quali è ora necessario procedere al prosieguo dei contratti fino al 31 dicembre 2015.

I fondi all’uopo destinati dalla Regione Calabria (38 milioni di euro) sono già stati trasferiti ai Comuni ed agli altri enti ma rischiano di non poter essere utilizzati.

Come rilevato dai Sindaci, è infatti necessario che venga approvato, in sede di conversione del decreto legge sugli Enti locali, l’emendamento che parifica il finanziamento regionale a quello ministeriale, anche ai fini delle deroghe necessarie per prorogare i contratti fino al prossimo 31 dicembre.

I primi cittadini fanno notare che la Regione ha già trasferito ai rispettivi Comuni le somme necessarie per attivare la proroga ma prendono atto dell’impossibilità normativa di utilizzare dette risorse.

Serve urgentemente, giova ripeterlo, un semplice provvedimento legislativo che, tra l’altro, non comporta alcuna variazione di spesa per il governo.

Ricercando una positiva soluzione per questa delicata questione i Sindaci hanno immediatamente investito il Presidente dell’Associazione dei Sindaci della Piana Francesco Nicolaci affinchè venga convocata nell’immediato una riunione del Comitato dei Sindaci che affronti l’argomento e porti il problema all’attenzione del governatore Oliverio e dei competenti dipartimenti regionali.

Durante la mattinata del 19.05.2015, i Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Palmi, unitamente ai Carabinieri della Stazione di Varapodio, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale emessa dal GIP del Tribunale di Palmi, Dott. Paolo Ramondino, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Sost. Procuratore Francesco Ponzetta – coordinata dal neo Procuratore Capo Ottavio Sferlazza, a carico di Natale Carmine, originario di Varapodio (RC), il quale, dal 2012 sino a pochi giorni addietro, si è reso responsabile di reiterate condotte di molestia e minaccia nei confronti di due persone.

L’arrestato, infatti, ha molestato le vittime con numerosi sms e telefonate, e persino con  giornalieri pedinamenti, fino a cagionare un perdurante e grave stato d’ansia e di paura nelle vittime, costrette ad alterare le proprie abitudini di vita. Il Natale Carmine, dopo gli adempimenti di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione di Varapodio.

È tutto pronto per le prossime due iniziative, organizzate dal Servizio Diocesano per le Pastorale Giovanile, guidato da don Leonardo Manuli, che si terranno questo fine settimana, in ambito del cartellone delle manifestazioni dedicate ai giovani e agli studenti, che hanno avuto inizio domenica scorsa nelle frazioni di San Martino e Amato di Taurianova.

   La prima iniziativa avrà luogo questo sabato e consisterà in un dibattito sulla legalità, organizzato in mattinata presso l’Istituto Superiore “G. F. Gemelli Careri” di Taurianova, al quale parteciperanno: la preside M. Domenica Mallamace, il vescovo di Oppido M.- Palmi S. E. Mons. Francesco Milito, l’on. Angela Napoli e il magistrato dott. Rocco Cosentino della Procura di Palmi. In serata, invece, il gruppo dell’Agesci terrà uno spettacolo di animazione presso la Villa Comunale “A. Fava” di Taurianova.

   L’altra iniziativa, invece, è prevista per domenica mattina a Varapodio ed è denominata “Giornata dei Giovani e dello Studente”. Sarà un momento dove i giovani avranno la possibilità di conoscere i Movimenti e le Associazioni cattoliche presenti nel territorio della Diocesi e il lavoro da queste svolto per la Chiesa e per la società, e vivere, insieme ai ragazzi che animano i diversi gruppi,  momenti intensi di preghiera (come la celebrazione Eucaristica presieduta da S. E. Mons. Francesco Milito), ma anche giochi, canti e altre attività.

   Intanto un ottimo successo è stato riscosso dalla giornata di apertura, animata dei frati nelle rispettive messe a San Martino alle ore 11,00 e ad Amato alle ore 10,30, e che nel pomeriggio ha visto scendere nelle strade, dei rispettivi centri, un nutrito gruppo di giovani che, armati di megafono e di chitarra, hanno percorso gli abitati suonando e cantando con il ritornello: “Gesù è la nostra gioia”. Il tutto si è concluso con un cerchio di canti e balli nella piazza di Amato, e i ringraziamenti di Don Leonardo Manuli, direttore del Servizio di Pastorale Giovanile, ai frati francescani minori e alla Gioventù francescana di San Martino e Rizziconi, e con l’annuncio della Giornata Diocesana dei Giovani e dello Studente che si svolgerà domenica prossima a Varapodio.

Gaetano Errigo

Pagina 1 di 2

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses