10042020Ven
Aggiornato ilGio, 09 Apr 2020 3pm

Riceviamo e pubblichiamo

Il Vice Sindaco e gli Assessori Fabrizio, De Maria, Bonelli, in merito alla querelle sulla mancata costituzione di parte civile nel processo scaturito dalla lettera del Sig. Rocco Pesce, chiariscono che la questione √® stata valutata dagli stessi insieme al Sindaco e che, concordemente e unitariamente, hanno deciso di non costituirsi, perch√© avevano gi√† esercitato la costituzione di parte civile nel processo principale ‚ÄúAll Inside‚ÄĚ, in corso in quel periodo e nel quale il sig. Rocco Pesce era tra gli imputati, ritenendo, quindi, superflua ogni altra azione processuale, nei confronti dello stesso.

Intervista al Sindaco di Rosarno Elisabetta Tripodi.

Sig. Sindaco che ruolo ha la politica oggi a Rosarno?

Credo molto nella politica intesa nel significato letterale ossia di un'attivit√† che si occupa della polis e dei suoi bisogni, politica come servizio alla cittadinanza. Oggi nelle nostre comunit√† √® sempre pi√Ļ difficile trovare persone¬† che siano disposte a prestarsi al servizio del bene comune.¬† Questa difficolt√† si acuisce di fronte¬† ad una politica nazionale incapace di dare risposte concrete ai problemi reali, aumentando il distacco tra cittadini e istituzioni.¬† Questa lontananza si riflette inevitabilmente anche a livello locale. La sensazione¬† ‚Äúdi una politica che √® solo far carriera‚ÄĚ √® andata consolidandosi in amara constatazione di meccanismi creati appositamente per mettere al sicuro rendite e privilegi. Rosarno deve capire che bisogna ridare alla politica la sua profonda dignit√†. Non occorrono eroi, ma persone libere e giuste, capaci di mettere l‚Äôinteresse collettivo davanti al proprio, e pronte a rimboccarsi le maniche per un progetto di grandi orizzonti. Un impegno chiaro in questa direzione potr√† rafforzare¬† e catalizzare nuove energie sane, presenti e operanti nei nostri territori. Oggi, assistiamo ad una crisi dei partiti politici¬† ed un allontanamento della gente, proprio perch√® si √® perso di vista il rapporto con la popolazione, e, questa situazione √®¬† italiana, Rosarno non fa eccezione.

C'è, secondo me, la necessità in ambito locale di  recuperare  un dialogo con tutti coloro che, al di là delle appartenenze, vogliono  contribuire alla crescita del nostro  paese. In questi anni, ciò non è avvenuto, alcuni hanno puntato alla contrapposizione aspra e violenta a tutti i costi,  indipendentemente dal valore di ciò che si faceva.

 Si è venuto a sapere che è in corso un’indagine della Dda sull’appalto della raccolta differenziata. Può spiegarci meglio cosa è accaduto?

Abbiamo come comune capofila, su sollecitazione della prefettura e in accordo con essa, creato un accordo con altri 3 comuni (Cinquefrondi, San Giorgio Morgeto e San Ferdinando per la gestione associata dell'appalto della raccolta differenziata spinta porta a porta, al fine di consentire il riassorbimento di parte dei lavoratori dell'ex società mista Piana Ambiente e allo stesso tempo avere  un servizio decoroso e rispettoso dell'ambiente.

L'appalto ha richiesto quasi un anno a livello burocratico ed è stato gestito dalla Stazione Unica Appaltante provinciale  che ha trasmesso gli atti per la stipula del contratto, una volta verificata la correttezza  documentale, tecnica e di legge.

Il comune di San Ferdinando, si è accorto che il costo  comunicato  dal loro responsabile nella fase del bando era troppo elevato rispetto a quello degli altri comuni  e ha ritenuto di non stipulare il contratto e prendere le distanze da quanto fatto precedentemente.

Preciso che ciascun comune ha redatto in proprio il capitolato e il costo che lo riguardava, così come ciascun comune sottoscriverà contratti singoli.

Ho appreso dalla stampa dell'indagine avviata¬† e non ho altri elementi di conoscenza, spero¬† che si¬† faccia chiarezza e se ci sono stati comportamenti ‚ÄĚscorretti‚ÄĚ vengano perseguiti. Come amministrazione affronteremo un costo¬† che¬† rispetta quanto gi√† speso precedentemente e garantiremo la continuit√† occupazionale a 12/14 lavoratori rosarnesi e , a breve,inizieremo con il servizio di differenziata spinta, eliminando¬† i cassonetti¬† dalle strade.

Cosa intende fare l’amministrazione nei confronti delle famiglie disagiate?

L'amministrazione in questi anni ha adottato una politica di aiuto alle famiglie numerose e disagiate sia cercando di contenere l'aumento dei tributi che consentendo ampie rateizzazioni sul loro pagamento.

Vorrei ricordare l'IMU prima casa allo 0,2% e la Tarsu diminuita del 20%. Abbiamo stipulato una convenzione con il Banco delle opere di Carità e distribuiamo generi alimentari alle famiglie in difficoltà. Attraverso i servizi sociali promuoviamo il lavoro delle donne inoccupate nei servizi alla persona e nelle scuole. Questo  sta consentendo a molte donne rosarnesi di avere  un lavoro saltuario e part time  tramite l'utilizzo dei fondi  del sociale. Abbiamo  con la Croce Rossa  una convenzione per il trasporto dei dializzati  in maniera gratuita e abbiamo concesso  all'Unitalsi  l'uso  del taxi sociale per il trasporto dei disabili la domenica. Assegniamo, nella scarsità delle risorse, contributi in denaro, principalmente a coloro che hanno problemi sanitari documentati che li costringono a curarsi fuori regione.

E sull’emergenza immigrati?

La situazione √® sempre di emergenza¬† nel periodo invernale e a questo si √® aggiunta la massiccia presenza di immigrati neocomunitari, bulgari e rumeni in particolare. Monitoriamo la situazione per evitare la creazioni di ghetti all'interno del centro abitato e tensioni con i residenti¬†¬† perch√® non debba pi√Ļ ripetersi ci√≤ che accaduto. Tuttavia vorrei precisare che la mia amministrazione ha affrontato il problema dell'accoglienza sempre con risorse finanziare date in passato dal Ministero o dalla Regione e¬† non si √® gravato sul bilancio comunale. Definisco fantasie assurde la leggenda che passassimo un sussidio mensile di 25 euro ad immigrato.

Chi soffia sul fuoco della contrapposizione tra rosarnesi e immigrati, in un periodo di difficoltà economica come questo, non si rende conto di quanto  questo gioco sia pericoloso  per l'intero paese.

Quali sono i progetti immediati e futuri per la Città?

Progetti moltissimi, opere pubbliche già appaltate e finanziate per un totale di 23 milioni di euro che possono cambiare il volto della città e che vorrei riuscire a concludere entro la fine del mandato.

Il centro sportivo i cui lavori inizieranno nei primi mesi del 2014¬† √® quello pi√Ļ ambizioso: dotare finalmente la citt√† di una piscina, anzi due, perch√® una √® destinata ai bambini, campo¬† da tennis e pallavolo, pista ciclabile¬† immersa nel verde, qualcosa che √® sempre mancata a tutti noi, tutto cio'¬† mi rende orgogliosa del lavoro fin qui fatto.

Leggere polemiche sui giornali che avremmo perso i fondi Pisu è una delle solite falsità che viene veicolata ad arte per attaccare la mia amministrazione.

Non solo i fondi non sono stati persi ma tutte le opere sono state appaltate e due (anfiteatro e percorsi pedonali da Bellavista ) sono in corso.

Entro febbraio verrà ripristinato l'intero tratto di via Elena che va dalla farmacia all'edificio Ex-inam, con fondi recuperati da un finanziamento regionale che era fermo.

Un'attenzione particolare alle scuole e alla sicurezza dei bambini che le frequentano, intervenendo con ristrutturazioni su tutti gli istituti cittadini, una scuola è stata completata, un'altra è in corso, poi, partiremo con la scuola di Bosco e la materna di via  Maria zita.

La mia speranza pi√Ļ forte √® per√≤ un'altra: questo paese ha bisogno dell'impegno di tutti, non solo di chi amministra, che ha le responsabilit√† maggiori, ma del cittadino che deve decidere che se vuole far vivere qui i suoi figli non pu√≤ rassegnarsi ma deve collaborare per la sua parte per cambiare le cose.

Le primarie del Pd a Rosarno hanno visto vincere  Pittella un commento sull’esito del voto nella città da lei amministrata e a livello nazionale. Chi vede favorito tra Renzi e Cuperlo?  

Le primarie nel circolo PD di Rosarno hanno visto la vittoria di Pittella di misura su Cuperlo per una scelta, in questa prima fase, tesa a premiare l'unico candidato meridionale ma anche Renzi è stato sostenuto dagli iscritti.

Purtroppo al voto non hanno partecipato  coloro che in  polemica con l'amministrazione e con il segretario del circolo  sono usciti dal consiglio comunale e dal direttivo del partito. E' ovvio che Renzi è il favorito, dipenderà dalle percentuali nelle varie zone d'Italia, non dimentichiamo che sono primarie aperte, alle quali potranno partecipare i simpatizzanti e tutti coloro che si riconoscono nelle idee del PD.

Per concludere, varchiamo i confini nazionali, pensa di candidarsi alle elezioni europee?

Ho sempre affermato, non creduta, che la mia unica ambizione era quella di svolgere per intero il mandato amministrativo. Quello è l'impegno che ho preso con la cittadinanza e cercherò di onorarlo.

 Grazie mille e buon lavoro.

Grazie a voi.

 Giada Zurzolo

Ultime Notizie

 

I Pi√Ļ Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses