14082018Mar
Aggiornato ilLun, 13 Ago 2018 5pm

Carabinieri controllo del territorio, arresti a Rosarno, San Ferdinando

Pubblicato in TUTTO PIANA CRONACA
17 Maggio 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

8 arresti, 6 denunce in stato di libertà, oltre mille persone e 600 veicoli controllati, vari esercizi pubblici ispezionati, elevate sanzioni amministrative per 10 mila eurodai numerosi controlli effettuati dalle 200 pattuglie impiegate sul territorio. È questo il bilancio di un servizio straordinario di controllo del territorio disposto dal Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro nel corso dell’ultimo fine settimana.

In particolare:

− i Carabinieri della Compagnia di Gioia Tauro hanno: 
• arrestato in flagranza di reato FALL SAER, 56enne, pregiudicato, DIAGNE THIERO, 25enne, senegalesi, e DIALLO SADIO, 27enne della Guinea, tuttidomiciliati presso la vecchia tendopoli di San Ferdinando, perché sorpresi mentre tentavano di asportare delle lamiere in alluminio dalla sede della ditta  APOC di Rosarno. Al termine delle formalità di rito, i prevenuti sono stati  sottoposti, a seguito della celebrazione del rito direttissimo, all’obbligo di firma;
• arrestato, in ottemperanza all’ordinanza di aggravamento di pena detentiva emessa dall’Ufficio di Sorveglianza di Reggio Calabria, SURACE DOMENICO, 29enne, pregiudicato di San Ferdinando, per plurime violazioni della misura della detenzione domiciliare cui era sottoposto in quanto colpevole dei reati di detenzione e porto illegale di arma clandestina e ricettazione. Dovrà scontare la pena di un anno e otto mesi;
• tratto in arresto PESCE SAVINO, 55enne di Rosarno, pregiudicato per reati associativi, intraneo all’omonima cosca di ‘ndrangheta, in ottemperanza all’ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica di Palmi, dovendo scontare la pena residua di mesi 2 in quanto riconosciuto definitivamente colpevole del reato di inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità, per fatti commessi in Rosarno nel 2011; 
− i Carabinieri della Compagnia di Palmi hanno arrestato:
• assieme ai colleghi della stazione di Bagnara Calabra e dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, GRAMUGLIA ANNUNZIATA, 51enne e il figlio GENTILUOMO VINCENZO, 29enne entrambi di Bagnara Calabra, perché, nel corso di perquisizione domiciliare, sono stati trovati in possesso di un fucile, occultato in una stanza destinata all’essicazione dei salumi ed una pistola con matricola abrasa, modificata per il cal. 6,35 e completa del relativo munizionamento.

La perquisizione, estesa all’intera proprietà, ha consentito di rinvenire occultati in una stalla e un fienile 5 piante di marijuana e dei semi già interrati, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente;

Ultima modifica il Venerdì, 01 Giugno 2018 16:42

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses