24102017Mar
Aggiornato ilLun, 23 Ott 2017 10pm

Vecchia, malconcia e povera: il ritratto dell’Italia fornito da ISTAT nel 2017

Pubblicato in ITALIA
17 Maggio 2017
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

1,6 milioni di famiglie in stato di povertà assoluta, il 28,7% a rischio povertà o esclusione sociale e il 70% degli under 35 vive ancora coi genitori.  Fa impressione leggere i dati che ci fornisce l’ISTAT riguardanti quella che è stata per Secoli culla di civiltà e di ricchezze: l’Italia

La ricostruzione societaria effettuata dall’Istituto Nazionale di Statistica dipinge un quadro sconfortante: la disuguaglianza aumenta inarrestabilmente. L’ISTAT poi suddivide la nostra società in nove gruppi: i “BLUE COLLAR”, famiglie in cui il principale percettore di reddito ha in media 45 anni ed è un operaio assunto a tempo indeterminato e le famiglie a basso reddito: gruppo in cui è confluita anche la vecchia classe operaia; gli impiegati, gli operai in pensione e le famiglie tradizionali di provincia: questo è il gruppo in cui è confluita quella che una volta si configurava come piccola borghesia. Un gruppo a basso reddito di anziani soli, un gruppo di giovani disoccupati, quello delle pensioni d’argento e quello della classe dirigente.

Le disuguaglianze, sempre più cristallizzate, sono specchio di una società che ha bloccato qualunque tipo di ascensore sociale. Anzi, l’ascensore funziona solo verso il basso, ma i piani alti oramai sono raramente raggiungibili

Altro dato sconfortante è la scomparsa dei giovani: 1,1 milioni quelli scomparsi nell’ultimo decennio. Gli ultra 65enni superano il 20% della popolazione rendendo l’Italia la Nazione più vecchia d’Europa

Ma, visto che non c’è mai fino al peggio, il dato allarmante che riguarda i giovani è quel 70% che vive ancora coi genitori. Non mammoni come qualcuno disse tempo fa, ma giovani che trovano una grande difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro

Se Dante fosse nato oggi avrebbe scritto gli stessi versi di allora: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!”

Christian Carbone 

Banner colonna 28

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses