20092018Gio
Aggiornato ilMer, 19 Set 2018 10pm

A chi e a cosa serve una Polizza Infortuni

Pubblicato in ITALIA
10 Gennaio 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

Viviamo in un’epoca di incertezze, soprattutto economiche. Cercare di tutelarsi dalle eventualità negative della vita è una necessità più che mai sentita oggi. Ecco perché sempre più italiani scelgono di sottoscrivere una polizza infortuni che li renda più sereni nei confronti del futuro. A chi serve un’assicurazione di questo tipo e soprattutto quando è utile? In questo approfondimento daremo le risposte a queste domande, cercando di fare chiarezza su un argomento di grande importanza.

 

Una polizza contro gli infortuni è un’assicurazione dalle situazioni accidentali che possono avere conseguenze più o meno gravi sulla vita di una persona e sui suoi cari. A fronte di un premio assicurativo annuo o rateale secondo gli accordi con la compagnia prescelta il contraente viene tutelato da fatti fortuiti, tutelando il soggetto e la famiglia, per tutte le necessità. Le polizze infortuni generalmente possiedono due garanzie fondamentali: l’invalidità permanente e il decesso. Si tratta di due eventualità piuttosto gravi che hanno un effetto devastante non solo dal punto di vista morale di una famiglia, ma anche sul suo bilancio, in modo particolare quando coinvolgono il maggior portatore di reddito.

 

Un’assicurazione sugli infortuni, nel caso sopraggiungano invalidità permanenti che impediscano il rientro al lavoro del contraente o la sua morte, corrisponde alla famiglia un capitale che le consenta di gestire la situazione al meglio, coprendo le rate del mutuo sulla casa per esempio o offrendo un adeguato supporto per il sostenimento delle spese mediche o per le cure e la riabilitazione. Ogni contratto può essere personalizzato con l’inserimento di altre garanzie estendendo la copertura ad altre casistiche come l’avvento di un ictus o di un infarto o la copertura per inabilità temporanea previo rimborso di indennità giornaliera o ancora la copertura di altre spese mediche tra cui il noleggio o l’acquisto di apparecchiature specifiche. Alcuni professionisti scelgono di integrare la polizza infortuni con una supervalutazione del danno, nel caso in cui intervengano problemi gravi che impossibilitino l’attività professionale, come gli arti per i chirurghi ad esempio. Si può optare inoltre per una rendita vitalizia qualora giungano situazioni di invalidità permanente grave o totale.

 

                        Polizze Infortuni: cosa coprono

Le coperture previste come abbiamo visto sopra si dividono secondo la gravità del danno. Quando intercorre un’invalidità permanente e il soggetto non potrà più lavorare, il danno viene stabilito secondo le tabelle Ania e Inail.  Rientrano negli infortuni contemplati dalle assicurazioni i danni dovuti a colpi di sole, folgorazioni, assideramento, congelamento, ingestione e assorbimento di sostanze, asfissia da gas o vapori, annegamento, infezioni e avvelenamenti provocati da animali o da insetti, lesioni da sforzo, ernie addominali. In genere le polizze infortuni si basano su conseguenze da eventi fortuiti, ma in alcuni casi possono essere comprese anche colpe gravi del contraente, imperizie e negligenze o se sottoscritto in fase contrattuale anche per eventi derivanti da attività sportive.

 

                        Polizze Infortuni: a chi servono

Gli infortuni hanno conseguenze sulla vita di tutti. Una polizza di questo tipo può fare la differenza per una famiglia con un solo portatore di reddito, soprattutto se con uno o più mutui sulle spalle. Avere queste tutele diventa fondamentale per chi opera in ambienti professionali particolari come i medici chirurghi o i dentisti che non potrebbero più praticare in seguito a gravi lesioni. Qualunque sia la situazione di un soggetto dal punto di vista lavorativo o famigliare è comunque sempre consigliato possedere una polizza infortuni, per affrontare in modo più sereno il domani e tutto quello che riserva.

                        Polizze Infortuni: quanto costano

I costi delle polizze infortuni possono essere detratte in sede di dichiarazione dei redditi, offrendo un rimborso a quanti scelgano di sottoscriverla. Il costo del premio viste le molte variabili è piuttosto variegato. Il modo più immediato per avere un’idea del prezzo definitivo nel nostro specifico caso è consultare un broker online specificando i dati richiesti e si avrà così accesso ai preventivi personalizzati.

Ultima modifica il Giovedì, 11 Gennaio 2018 10:00
Grande2

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses