10042020Ven
Aggiornato ilGio, 09 Apr 2020 3pm

A distanza di un mese dalla morte di Mango, scomparso a 60 anni a causa di un infarto, un altro grande della musica Italiana ci ha lasciati questa notte. Si tratta di Pino Daniele, cantautore napoletano che il 19 marzo avrebbe compiuto anch'egli 60 anni. Pino Daniele , sofferente di cuore da tempo, si sarebbe sentito male nella sua casa di campagna in Toscana, dove si trovava con la figlia Cristina. Immediata la corsa in macchina per raggiungere Roma, interrotta, come se non bastasse, anche dalla foratura di una gomma. Ma i tentativi di soccorso purtroppo si sono rivelati vani. Pino ci ha lasciati questa notte, anche il suo cuore ha smesso di battere. A pochi giorni dall'inizio del nuovo anno una brutta notizia che ha sconvolto il mondo della musica. Il primo a dare la tragica notizia sul web è stato l'amico e collega Eros Ramazzotti che, postando una foto del cantante sorridente, ha scritto: "Anche Pino ci ha lasciato. Grande amico mio, ti voglio ricordare con il sorriso mentre io, scrivendo, sto piangendo. Ti vorrò sempre bene perché eri un puro ed una persona vera oltre che un grandissimo artista. Grazie per tutto quello che mi hai dato fratellone, sarai sempre accanto al mio cuore. Ciao Pinuzzo". Innumerevoli messaggi di solidarietà e cordoglio per la famiglia. A Napoli è De Magistris ha dichiarato il lutto cittadino. 

Tragedia in seguito ad una festa di compleanno in Brianza. Un ragazzo 17enne, Michael Minunno è stato trovato privo di vita dalla donna delle pulizie, che ha subito dato l'allarme. In coma invece il festeggiato, un ragazzo di 18anni. I due avevano festeggiato un compleanno la sera precedente nella stessa casa in compagnia di altri amici. Secondo i carabinieri la tragedia potrebbe essere stata causata da esalazioni di monossido di carbonio o dall'assunzione di un cocktail di alcol e sostanze stupefacenti. Tuttavia, dopo i primi accertamenti, non sarebbero state trovate tracce di droga nell'appartamento, né stufe difettose.

Un uomo di 52 anni è morto assiderato ieri sera a Rossano in provincia di Cosenza. Andresei Cieliwski, polacco senzatetto è stato vittima del freddo gelido che in questi giorni ha invaso tutto la Calabria con temperature quasi ovunque al di sotto dello zero. A trovare il corpo dell’uomo, ormai senza vita, nei pressi della stazione ferroviaria della cittadina del cosentino è stato un connazionale che era andato a portargli da mangiare proprio dove era solito dormire il quale ha subito chiesto aiuto e soccorso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri ed i sanitari del 118 che però non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo. Il medico legale, giunto anch’egli sul luogo ha ipotizzato la morte per assideramento del senzatetto polacco.

Ancora un morto a causa di un incidente in Calabria. A perdere al vita un ragazzo di Soverato (Catanzaro) di 26 anni del quale non è stato reso noto il nome. Il giovane è morto nella notte tra lunedì e martedì a causa di un incidente stradale avvenuto a Davoli Marina nel catanzarese.  L’incidente che ha causato la morte del ragazzo di Soverato è avvenuto su viale Cassiodoro sulla Strada Statale 106, tristemente nota come la strada della morte. Secondo le prime ricostruzioni sull’accaduto sembrerebbe che il ragazzo abbia perso il controllo della sua auto per cause in corso di accertamento. Sul posto sono intervenuti i carabinieri i quali stanno ricostruendo la dinamica dell’incidente. Il ragazzo è stato trasportato in ospedale immediatamente ma purtroppo non vi è stato nulla da fare.

Si bagnano ancora di sangue a causa di un incidente mortale le strade della Calabria. Nella notte tra sabato 20 dicembre e domenica 21, un uomo di 34 anni  ha perso la vita a Vibo Valentia. L’uomo, del quale ancora non è stato reso noto il nome, si trovava a bordo della sua autovettura, una Y10, quando ha perso improvvisamente il controllo ed è andato ad impattare violentemente contro un albero lungo il viale delle Accademie Vibonesi. Sul posto sono giunti immediatamente in sanitari del 118 che però non hanno potuto far niente, atteso che l’uomo è morto sul colpo.

Un giovane originario della Calabria, del quale non è stato reso noto ancora il nome è morto in un incendio a Frosinone. Il venticinquenne si trovava nella sua abitazione sita al primo piano dello stabile, vicino a piazza De Matthaeis, quando intorno alle 23 di ieri giovedì quattro dicembre è divampato un incendio del quale ancora non si conosce l’origine. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri di Frosinone.

Un incidente mortale si è verificato a Rossano, in provincia di Cosenza dove un camion ha travolto una bicicletta a bordo del quale si trovava un uomo che è morto subito dopo il violento impatto. La vittima, un rumeno di quaranta anni stava percorrendo la statale 106 nei pressi della contrada Momena a bordo della sua bici insieme alla moglie, la quale è riuscita a salvarsi lanciandosi dal mezzo prima dell’impatto. Il camionista dopo l’incidente mortale si è dato alla fuga ed è ora ricercato dalla polizia stradale.

Giuseppe Cersosimo, un operaio di 43 anni è stato trovato morto dal personale del commissariato della Polizia di Stato di Cittanova. L’allarme per la scomparsa dell’uomo, del quale non si avevano notizie da domenica,  è stato dato dalla sorella che preoccupata ha avvertito la Polizia. Gli agenti hanno pertanto fatto irruzione nella casa di Cersosimo dove l’hanno trovato riverso per terra vicino al letto. Sulla morte dell’uomo la Procura della Repubblica di Palmi ha aperto un’inchiesta, dai primi accertamenti sembrerebbe però che il decesso sia dovuto a fatti naturali anche perché accanto al cadavere è stato trovato del vomito. L’esito dell’autopsia svelerà il perché della morte di Giuseppe Cerosimo.

Una "normale" rissa è finita in tragedia a Reggio Calabria. Un  uomo di 61 anni è morto dopo la colluttazione a causa di un malore nel quartiere Arghillà. L’episodio è avvenuto sabato scorso quando nel quartiere alla periferia della città è scoppiata una rissa fra residenti e una parte della comunità rom. Dopo i primi diverbi sono volate sempre parole più grosse, fino a quando i due gruppi si sono  scontrati. La causa della mega rissa è da rinvenire probabilmente a problemi di vicinato. Solo dopo lo scontro l’uomo si sarebbe sentito male ed è stato soccorso, ma è giunto morto in Ospedale. Sull’episodio indaga la polizia che ha già tratto in arresto tre persone, fra cui il figlio della persona deceduta.

Domenico Natale, 21enne di Caserta, è morto in seguito ad una diagnosi sbagliata. Al giovane infatti era stata diagnosticata una frattura al ginocchio, in realtà era affetto da un tumore osseo. Durante il lungo calvario, al ragazzo era stato anche amputato l'arto nel tentativo di fermare la diffusione della malattia. I medici che sbagliarono la diagnosi sono ora indagati dalla Procura di Roma per omicidio colposo. La storia di Domenico inzia a Maggio, quando il ragazzo, accusa un forte dolore alla gamba. Per l'ortopedico si tratta di un problema all'articolazione del ginocchio, una frattura forse rimediata giocando a calcetto. Anche un altro specialista, radiologo, conferma la diagnosi e il 21enne, che fin da subito dichiara ai medici di non aver preso colpi, viene operato. L'intervento chirurgico, però, aggrava la situazione e il tumore si espande.  Purtroppo soltanto a giugno i medici si accorgono che il problema è un altro. La situazione è ormai divenuta drammatica e si è costretti a procedere con l'amputazione della gamba. Inizia così una lotta disperata per la vita ma il 30 ottobre, alle 4 del mattino,Domenico muore, circondato dai suoi cari, totalmente ignaro di cosa gli sia successo e del grave errore commesso dai medici. Ortopedico e radiologo sono ora indagati per omicidio colposo, ed alla Magistratura tocca capire come sia stato possibile aver preso un abbaglio del genere, soprattutto di fronte alle dichiarazioni del ragazzo che ha sempre sostenuto di non aver subito traumi all’arto, colpi che giustificassero la frattura dello stesso.

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses