11122018Mar
Aggiornato ilLun, 10 Dic 2018 10pm

“Noi siamo la memoria che abbiamo e la responsabilità che ci assumiamo. Senza memoria non esistiamo e senza responsabilità forse non meritiamo di esistere”: questa frase di José Saramago rappresenta il filo conduttore di una giornata importante per la comunità di Cittanova, che lunedì 21 maggio alle ore 17 e 30, al Polo della Legalità, renderà indelebile il legame con i nomi e le storie dei concittadini vittime innocenti di ‘ndrangheta. L’Amministrazione comunale, che ha già intitolato il Polo a Francesco Vinci e una sala della struttura al vice brigadiere Rosario Iozia, completerà questo ideale percorso della memoria con la titolazione ad altri nove cittanovesi che hanno versato il loro sangue innocente a causa della barbarie mafiosa: Antonio Bertuccio, Giacomo Catalano, Michele Germanò, Giuseppe Giovinazzo, Francesco Longo, Giovanni Mileto, Michele Piromalli, Luigi Timpano e Giovanni Ventra.

 

L’iniziativa al Polo della legalità, che ha come tema “La Memoria è impegno”, prevede la partecipazione del referente di Libera per la Calabria, don Ennio Stamile, e di tre importanti magistrati: Luciano Gerardis, presidente della Corte d’Appello di Reggio Calabria, Gaetano Paci, attuale Procuratore facente funzioni di Reggio Calabria, Ottavio Sferlazza, Procuratore di Palmi. Due saranno i momenti in cui sarà diviso l’evento: il dibattito con i tre magistrati e il referente di Libera – nell’ambito della rassegna “Book To Play”, organizzata dall’associazione Incroci – che sarà introdotto dal Sindaco Francesco Cosentino e moderato dai giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo e, a seguire, l’intitolazione del Polo alle nove vittime innocenti di ‘ndrangheta alla presenza dei familiari.

«È per noi una grande emozione poter completare questo percorso di grande valore ideale e civile con l’intitolazione del Polo alle vittime innocenti della ‘ndrangheta di Cittanova», spiega il sindaco Cosentino. «Un percorso che rappresenta in pieno i valori che Cittanova e la sua Amministrazione comunale intendono perseguire giorno per giorno, rendendo onore a chi è stato ucciso dalla violenza mafiosa, sostenendo i familiari delle vittime e le associazioni che aiutano a trasformare il dolore per la perdita del proprio congiunto in impegno sociale e civile. La memoria di chi ha sacrificato la propria vita ci ricorda che la legalità non è un concetto astratto, ma è legato profondamente ai valori costituzionali di libertà, uguaglianza e solidarietà. Valori che Cittanova, con le sue tante iniziative culturali e sociali, con l’impegno delle associazioni, con le sue eccellenze in vari settori amministrativi, vuole promuovere tra i cittadini con particolare attenzione alle giovani generazioni». Conclude il sindaco: «Invito tutti ad essere presenti all’iniziativa del 21 maggio pomeriggio al Polo della legalità, per manifestare non solo la nostra vicinanza ai familiari delle vittime innocenti di ‘ndrangheta, ma anche per ribadire, come spiega efficacemente il tema dell’evento, che la Memoria è impegno».

Oggi sarebbero 74 anni: il 3 marzo 1944 Teresa Talotta Gullace, nata a Cittanova l'8 settembre 1907, fu uccisa dai soldati nazisti durante l'occupazione di Roma mentre tentava di raggiungere il marito appena fatto prigioniero. La sua figura divenne quasi subito un simbolo della resistenza romana e l'anno successivo ispirò il grande regista Roberto Rossellini per il personaggio della Sora Pina, interpretata da Anna Magnani nel film capolavoro "Roma città aperta".
L'Amministrazione comunale di Cittanova, non volendo sovrapporre il ricordo della trentaseienne martire della Resisistenza alle imminenti consultazioni elettorali ha spostato alla prossima settimana gli eventi dedicati a Teresa Talotta Gullace. I tre giorni di memoria e di riflessioni partiranno giovedì 8 marzo, giorno in cui la cittanovese sarà interprete anche dei valori alti della festa della Donna. La mattina nei licei classico e scientifico Antonino Orlando ricorderà la sua figura con gli studenti che saranno così preparati ai due eventi del 9 e del 10. Il pomeriggio incontro nelle scuole primarie per illustrare il concorso per studenti "una mimosa per Teresa".

Venerdì 9 marzo primo appuntamento alle 9 con gli studenti del liceo scientifico per BooktoPlay, organizzato dall'associazione culturale incroci: una mattinata al Cinema Gentile per vedere insieme il film "Roma Città aperta" e poi commentarlo con il giornalista Rai Piero Badaloni e con il sociologo Giap Ercole Parini. Modereranno i giornalisti Paola Bottero e Alessandro Russo.
Alle 17 l’Amministrazione comunale incontrerà i cittadini, le associazioni e i giornalisti al Polo della Legalità. RICORDARE PER SAPERE CHI SIAMO: questo il titolo e l’obiettivo della tavola rotonda cui parteciperanno il giornalista Rai Piero Badaloni, il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, il presidente del Parco Nazionale d’Aspromonte Giuseppe Bombino, il sindaco della Città Metropolitana di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà e il sindaco di Cittanova Francesco Cosentino.
“Il ricordo è il tessuto dell’identità”, insegnava Nelson Mandela. Partendo dal ricordo di Teresa l'obiettivo sarà quello di tessere insieme l'identità di Cittanova Città Gentile, che proprio in questo 2018, il 12 agosto, compirà 400 anni.

Sabato 10 marzo doppio appuntamento teatrale: la mattina con gli studenti del liceo classico, la sera con i cittadini, per "Teresa", rappresentazione della Compagnia della Rosa.

Nella giornata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, assieme ai colleghi del  Gruppo Carabinieri Forestale di Reggio Calabria, hanno svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori e alla verifica del rispetto della normativa ambientale e agroalimentare, con particolare attenzione alla corretta gestione degli animali da allevamento.

Militari della Stazione Carabinieri di Cinquefrondi con il supporto della Stazione dei  Carabinieri Forestali di Cittanova hanno proceduto al controllo di un allevamento di ovi-caprini sito ad Anoia accertando, con l’ausilio di personale dell’A.S.P.,  la mancata tracciabilità, attraverso identificazione e registrazione di 18 caprini e 8 ovini. Gli animali sono stati sequestrati elevando sanzioni amministrative.

L’attività svolta ha consentito poi di rinvenire attrezzatura e mezzi agricoli rubati, restituendoli ai legittimi proprietari. Nel terreno dell’allevatore, infatti,  è stata trovata una macchina cernitrice risultata provento di un furto commesso in una proprietà agricola a Cittanova il 5 febbraio, e l’uomo dovrà quindi rispondere anche del reato di ricettazione.

In un vicino terreno demaniale, inoltre, nascosto tra le sterpaglie è stato rinvenuto anche un motoraccoglitore per olive risultato provento di un furto commesso a settembre a Varapodio.  

I controlli continueranno anche nel prossimo futuro in tutto il territorio volti a ricercare attrezzatura e materiali agricoli rubati e a garantire il rispetto della normativa ambientale e sanitaria per la corretta e sicura gestione degli animali da allevamento.

Sarà l’associazione Piana Libera, che riunisce i familiari delle vittime innocenti delle mafie, a ricevere il Premio San Girolamo, il riconoscimento che la città di Cittanova assegna ai cittadini e alle realtà eccellenti che operano sul territorio. Il premio, istituito per volontà della Parrocchia di San Girolamo, dell’Amministrazione comunale e della Società Artistica Operaia, sarà assegnato durante la cerimonia che si terrà sabato 30 settembre nella Chiesa Matrice di Cittanova, dopo la messa delle 19.

«Dopo la decisione unanime, lo scorso anno, di assegnare il premio al nostro don Giuseppe Borelli – spiega Francesco Cosentino, sindaco di Cittanova – il 2017 ci ha portato in modo naturale a una scelta che non è solo un riconoscimento a donne e uomini che hanno trasformato il dolore per l’immane tragedia subita in energia civile per una nuova stagione di impegno sociale, ma è anche per tutti noi l’emblema di una scelta di campo chiara e inequivocabile nella lotta contro la ‘ndrangheta e contro tutte le organizzazioni criminali. L’Associazione Piana Libera – prosegue Cosentino – nel 2017 ha compiuto dieci anni dalla sua fondazione ed ha avuto con l’Amministrazione comunale di Cittanova un rapporto che, con il passare del tempo, è diventato sempre più intenso. Mi piace ricordare, tra le altre cose, l’incontro che abbiamo organizzato tra i familiari delle vittime delle mafie aderenti a Piana Libera e Fiorella Mannoia: un momento di grande intensità emotiva e di condivisione, in cui una delle più grandi artiste del panorama musicale italiano ha potuto ascoltare dal vivo storie di grandi sofferenze ma anche di grande dignità e speranza». Conclude il sindaco: «Invito dunque tutti i cittadini a stringersi attorno all’associazione Piana Libera e ai familiari delle vittime delle mafie, partecipando numerosi all’incontro di sabato 30 settembre, in cui consegneremo il Premio che prende il nome del nostro Patrono e che quest’anno sarà rappresentato da una scultura di Giuseppe Guerrisi. Sarà un’occasione per festeggiare il nostro Patrono ma anche per manifestare, tutti insieme, la nostra vicinanza a chi è stato colpito dalla violenza mafiosa e chiede a tutti noi di impegnarci a costruire un futuro diverso per chi vuole vivere in questa terra senza chinare il capo e senza rassegnarsi».

Istituito nel 1997, il Premio San Girolamo è alla sua 20ma edizione (nel 2008 non è stato assegnato).   Fino al 2013 erano tre i riconoscimenti assegnati ogni anno, indicati, uno per ciascun ente, dalla Parrocchia di San Girolamo, dall’Amministrazione comunale e dalla Società Artistica Operaia. Negli ultimi tre anni, invece, la scelta è stata univoca: nel 2014 è andato alla memoria di Arturo Zito De Leonardis, l’amato ex sindaco scomparso il 9 agosto dello stesso anno, nel 2015 è stato assegnato alla memoria ad Angelo Tripodi, operaio amato e rimpianto da tutti i cittadini, mentre nel 2016 la scelta è ricaduta su don Giuseppe Borelli che a Cittanova è conosciuto semplicemente come don Nuccio.

 

Si terrà oggi presso la Villa comunale “C. Ruggiero” di Cittanova l‘ultima giornata del Villaggio Ecologico di Piana Eco Festival.

Grande successo per le prime due giornate di un importante appuntamento giunto alla terza edizione, promosso dall’Associazione culturale EcoPiana, presieduta da Carmela Guerrisi. Una ricca e interessante tre giorni avviatasi venerdì che si concluderà oggi, domenica tre settembre.

Il progetto Piana Eco Festival è stato ideato nel 2015 dal giovane imprenditore Girolamo Guerrisi ed è finalizzato alla sensibilizzazione sui temi del rispetto dell’ambiente e del territorio, delle buone pratiche del riciclo e della riduzione degli sprechi.

 “Energia e ambiente: beni comuni” sono i temi che hanno caratterizzato l’edizione di quest’anno del Villaggio Ecologico, per la direzione artistica del regista e autore televisivo Sergio Malatesta. Nel corso delle prime due giornate si sono tenute numerose attività all’insegna di proposte e nuove possibilità per salvare il pianeta dall’inquinamento e dallo spreco di risorse. Grande attenzione da parte del pubblico nel corso dei primi due giorni della manifestazione e del ricco programma composto da laboratori, attività interattive e dimostrative, tavole rotonde, spettacoli musicali.

I bambini hanno avuto modo di divertirsi con il laboratorio di “Burattinando. Fare burattini riciclando” a cura di Paola Nasti di Legambiente Reggio Calabria Città Metropolitana. La realtà di Re Mida Bologna Terre d’Acqua ha insegnato ai più piccoli come gli scarti aziendali per la loro funzione-non funzione hanno spesso forme particolari, che a uno sguardo attento possono suggerire continue metafore figurative fino ad un riuso creativo degli scarti. Per i più grandi invece i tutorial di Riciclo creativo curati dall’Associazione Solidal’è onlus che hanno dimostrato com’è possibile riutilizzare oggetti in disuso con un tocco di design.

Un percorso guidato all’interno del Villaggio Ecologico, portato avanti dalle più recenti ricerche dall’Università della Calabria, dall’Università di Salerno e dall’Università Federico II di Napoli; di particolare interesse il focus sulla domotica del Laboratorio Smart Home, con la presentazione di un modello di casa automatizzata, curato dal Centro Studi Smart City del Dipartimento di Ingegneria Meccanica Energetica e Gestionale dell’Unical e dello spin-off accademico Smart City Instruments; è poi possibile assistere alle attività dimostrative e interattive dei Dipartimenti di Chimica e Tecnologie Chimiche dell’UniCal, dedicati in particolare alla relazione tra patrimonio marino e sostenibilità ambientale e conoscere l’Associazione Futuro Solare Onlus di Siracusa che presenta il proprio lavoro sulla speciale vettura ecosostenibile costruita dal gruppo, grazie anche a una stampante 3D. Nella prima giornata, inoltre, è stato possibile conoscere l’importante spin-off accademico “Sigmawater” del Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Unical”, che si occupa di ingegneria idraulica sostenibile.

La prima Tavola rotonda di venerdì scorso – moderata dal giornalista e componente del direttivo nazionale Legambiente Nuccio Barillà - è stata incentrata proprio sul tema principale del Villaggio Ecologico “Energia – Ambiente: beni comuni” e docenti e ricercatori dell’Unical – Alessandra Crispini, Silvia Mazzuca, Massimo La Deda e Salvatore Falco - hanno proposto alcune soluzioni riguardanti materiali green e bioedilizia e hanno dimostrato alcuni prodotti riguardanti l’ingegneria civile, con particolare attenzione ai campi dell’ingegneria Idraulica sostenibile. All’incontro, sono intervenuti anche l’agronomo Walter Cricrì e l’artista Cesare Berlingeri. Il primo giorno al Villaggio Ecologico è stato suggellato infine dalle splendide voci de I Karma che si sono esibite in un bellissimo spettacolo musicale.

La seconda giornata è stata all’insegna de “I protagonisti dell’energia” con proposte dal punto di vista della mobilità, con eProLab dell'Università di Salerno - che ha realizzato un kit per convertire un veicolo convenzionale in ibrido-solare, riducendone consumi ed emissioni e migliorando le prestazioni –, con Vincenzo Di Bella presidente dell’Associazione Futuro Solare e con Livio De Santoli energy manager dell’Università degli Studi La Sapienza di Roma. Tra gli altri, è intervenuta anche la responsabile di Re Mida Bologna Terre d’Acqua Carlotta Ferrozzi. A conclusione della seconda giornata la premiazione presso il Cinema Teatro “R. Gentile” del concorso video lanciato dall’Associazione EcoPiana “BestGreen Buone pratiche per l’ambiente” che ha visto il coinvolgimento di numerosi partecipanti, studenti e non, da tutta Italia. Dopo la premiazione, la proiezione del medio metraggio “Asphyxia”, vincitore dell’ultima edizione del “Global Short Film Awards” a Cannes come Best Action Film, e interessante l’incontro con la regista del film Alessandra Angeli.

Stamattina, alle ore 9.30, si avrà la possibilità di partecipare a un Percorso naturalistico guidato a cura del Parco Nazionale dell’Aspromonte, alla scoperta delle rare bellezze del nostro territorio. Dalle 10.30 per la tutta la giornata ancora laboratori per bambini, attività interattive e dimostrative e la Mostra fotografica “Coste e Fiumi - paesaggi in mutazione” - curata da Legambiente e dall’Ordine degli Architetti di Roma. Alle ore 18.00, l’ultima tavola rotonda sul tema “Il futuro dell’Energia e dell’Ambiente”, una conversazione con rappresentati del mondo accademico e di quello istituzionale sulle possibili soluzioni per l’ecosistema.

A conclusione della tre giorni, due grandi appuntamenti: il Cooking show dello Chef Gaetano Alia e lo spettacolo musicale dei Bamboo; questi ultimi con i loro strumenti costruiti con oggetti di riciclo trascineranno il pubblico tra sonorità reggae pop ed elettroniche.

Il Piana Eco Festival - di cui è presidente onorario l’economista e filosofo di fama internazionale Serge Latouche – si avvale del patrocinio del Comune di Cittanova, della Regione Calabria, del Consiglio regionale della Calabria, della Città Metropolitana di Reggio Calabria, dell’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, dell’Università della Calabria, dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, di Legambiente, Comieco, Coldiretti, Inap e della collaborazione di varie realtà associazionistiche Mammalucco onlus, Nuovamente, Solidal’è onlus.

Il 29 agosto 2017, nel primo pomeriggio, a Cittanova (RC), i Carabinieri del N.O.RM. della Compagnia di Taurianova diretta dal Capitano Marco BARONE, coadiuvati da personale delle Stazioni CC di Cittanova, Taurianova e Molochio, hanno arrestato RASO Antonio classe ‘82 (rivenditore di autovetture, incensurato), FONDACARO Saverio Alessandro classe ‘82 (rivenditore di autovetture, precedenti per furto, ricettazione, riciclaggio e reati in materia di stupefacenti) e GIOVINAZZO Rocco classe ’83 (rivenditore di autovetture, precedenti per furto, ricettazione, falso, associazione per delinquere e reati in materia di stupefacenti), tutti responsabili di riciclaggio in concorso.

 Durante un servizio esterno, i militari avevano individuato un’autovettura Audi Q5, la quale, dopo aver attirato l’attenzione degli operanti per via dell’andatura particolarmente circospetta del conducente, è risultata oggetto di un furto in abitazione perpetrato a Taurianova solo pochi giorni prima.

 Inoltre, nel corso del pedinamento così intrapreso dai militari in attesa del momento migliore per procedere al controllo, gli operanti riscontravano che il conducente, poi identificato per FONDACARO, stava dirigendo il mezzo in un garage di Cittanova, allo scopo – successivamente riscontrato – di occultarlo.

Nella stessa circostanza i Carabinieri appuravano che l’Audi era seguita da un’altra autovettura con a bordo RASO e GIOVINAZZO, diretta in quello stesso luogo, ove i tre avevano poi sostituito la targa dell’Audi con un’altra, e infine avevano tentato di allontanarsi indisturbati. 

Solo l’immediato intervento dei Carabinieri consentiva di bloccare e arrestate in flagranza i tre malviventi, nonché di sottoporli a perquisizione domiciliare e locale.

Difatti, all’esito dell’attività è stato complessivamente rinvenuto e sequestrato il seguente materiale:

—    svariati effetti personali trafugati nel corso del citato furto in abitazione perpetrato a Taurianova (Rc);

—    10 targhe di autovetture, nonché svariate carte di circolazione e certificati di proprietà, il tutto di provenienza furtiva;

—    2 apparati G.P.S. del tipo installato dalle compagnie assicurative a bordo delle autovetture;

—    31 sedie, 13 termosifoni, 1 caldaia, 5 centraline di impianti di videosorveglianza e svariati altri arredi, il tutto oggetto del furto perpetrato il 28 febbraio 2017 presso il Centro Polifunzionale Comunale di Taurianova (Rc).  

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, su disposizione della Procura della Repubblica di Palmi (Rc) sono stati tradotti presso la locale Casa Circondariale.

 

Il video della piantagione di marijuana scoperta a Cittanova

Alle prime ore della mattina di ieri 04 settembre, i Carabinieri della Compagnia di Taurianova, unitamente a militari dello Squadrone Cacciatori Calabria, hanno tratto in arresto VERSACI Biagio, di anni 42 da Scido (RC), e CURINGA Salvatore, di anni 38 da Cittanova (RC), entrambi già noti alle FF.OO., per coltivazione di sostanza stupefacente.

Le attività di sistematico monitoraggio di tutte le aree rurali della zona avevano portato negli ultimi giorni a concentrare l’attenzione in Contrada Petrara di Cittanova, ove i militari avevano più volte avvertito, anche a distanza, un fortissimo odore di marijuana, percependo quindi la presenza in zona di una coltivazione in piena fioritura.

I conseguenti servizi di osservazione e controllo attivati hanno consentito di rilevare nella mattinata il sopraggiungere dei due arrestati che, dopo aver parcheggiato poco distante l’autovettura, percorrevano a piedi un tragitto non tracciato, fino poi ad inerpicarsi su una scala a pioli, appositamente creata lungo un muro di contenimento, raggiungendo così un terreno abbandonato di proprietà comunale, originariamente destinato alla realizzazione del nuovo campo sportivo.

Si poteva così individuare una vasta piantagione di marijuana e accertare che i due si erano lì recati per accudirla.

I due venivano immediatamente bloccati e tratti in arresto e la piantagione così rinvenuta è risultata composta da circa 400 piante (tutte dell’altezza compresa tra 2 e 3 metri accuratamente ordinate in filari, ciascuno assicurato da bastoni di sostegno e raggiunta dall’impianto di irrigazione), che venivano quindi estirpate, campionate e distrutte sul posto.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati associati alla Casa Circondariale di Palmi.

L’ambiente, la sua tutela e valorizzazione, al centro della tre giorni del Villaggio Ecologico di Piana Eco Festival dal 2 al 4 settembre alla Villa comunale “Carlo Ruggiero” di Cittanova, in provincia di Reggio Calabria.

 Seconda edizione per il progetto promosso dall’Associazione culturale EcoPiana, che punta in primo luogo a informare, sensibilizzare, coinvolgere i singoli e le comunità sui temi relativi alla sostenibilità ambientale e per promuovere e diffondere una vera cultura ecologica.

Il Festival - ideato dal giovane imprenditore Girolamo Guerrisi nel luglio 2015 e che vanta come presidente onorario l’illustre filosofo ed economista Serge Latouche - è incentrato sui tre fattori chiave Riusa/Riduci/Ricicla e intende porre l’attenzione sull’importanza del riciclo, della lotta allo spreco e della riduzione dei consumi.

 Presidi informativi ed espositivi, incontri-dibattiti, tavole rotonde, laboratori, varie attività rivolte alle diverse fasce d’età e un ricco cartellone culturale caratterizzeranno l’evento organizzato dall’Associazione culturale, guidata dalla presidente Carmela Guerrisi, con la collaborazione di diverse realtà associazionistiche e imprenditoriali del territorio.

 L’evento rientra nel cartellone dell’estate cittanovese, si avvale del patrocinio del Comune di Cittanova e di altri importanti partner istituzionali, il Ministero dell’Ambiente, il Consiglio Regionale della Calabria, l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, l’Ente Parco Nazionale dell’Aspromonte, l’Associazione dei Sindaci della Piana “Città degli Ulivi” e il Gal Batir.

 Una manifestazione ampia e partecipata, dunque, che sarà avviata con l’apertura del Villaggio Ecologico venerdì 2 settembre alle ore 16.00 e che si concluderà domenica 4 con lo spettacolo musicale della band Riciclato Circo Musicale alle ore 22.00.

 Tre le tavole rotonde, con il coinvolgimento di esperti, giornalisti e rappresentanti del mondo istituzionale e associazionistico, sulle tematiche: “Dalla montagna al mare: criticità ed emergenza ambientale in Calabria”; “Comunità capaci di futuro: valorizzare il territorio e le sue risorse”; “Buone pratiche, comuni a confronto”.

 Tante le attività laboratoriali per grandi e bambini con la collaborazione dei partner Legambiente Reggio Città Metropolitana, Auser Territoriale di Gioia Tauro e Verdidee Onlus, il workshop “Dalla carta al gioiello” con Marcella Stilo, artigiana e fondatrice del brand Cartalana Gioielli di Carta, il Laboratorio di Silvoterapia con la naturopata Adelaide Zaita e ancora presidi informati ed espositivi a cura di Slow Food Calabria, Solidal’è onlus e Anpana Gepa.

 In programma, anche un evento dedicato alla gastronomia, a cura dell’Istituto Nazionale Assaggiatori Pani (Inap). L’agronomo e direttore Inap, Walter Cricrì, terrà una Degustazione guidata di pani con il coinvolgimento dei panificatori del territorio.

 Per il cartellone culturale, spettacoli musicali, film e mostre artistiche animeranno la tre giorni. Dalla performance musicale di Tato Barresi ed Enzo Argirò ai film, presso il CineTeatro “R. Gentile”: “La città incantata” (vincitore del premio Oscar nel 2003), capolavoro di Hayao Miyazaki, regista simbolo dell’amore per la natura e della salvaguardia dell’ambiente, e ancora il docu-film “Green Generation” di Sergio Malatesta, 52 minuti dedicati ad illustrare cause, effetti e possibili soluzioni del “global warming” o riscaldamento globale.

Durante i tre giorni, sarà possibile inoltre ammirare le mostre fotografiche “Dal punto di vista della terra: Rifiuto” di RC into the woods, “I Monologhi del Mare” di Nadia Giovinazzo e le opere artistiche di Erelin.

 Un evento ricco, interessante e articolato, dunque, che vuole anche essere un’occasione in grado di valorizzare il patrimonio culturale, paesaggistico, artistico ed eno-gastronomico del territorio, nell’ottica di uno sviluppo serio e consapevole.

 

L'associazione Cittanova Radici, presieduta da Girolamo Giovinazzo, presenta con il patrocinio del comune di Cittanova e della locale Banca di Credito Cooperativo la settima edizione del " Premio  Radici - i valori attuali sullo sfondo della storia e delle tradizioni".

 L'evento si terrà domenica 21 agosto alle ore 18.00, nei locali del Centro Congressi Bcc "Giulio Cosentino".

 Le tradizioni e le memorie che si tramandano con l' obiettivo di mantenere vivo il senso di appartenenza alla comunità di origine; il legame imprescindibile tra passato e presente per affrontare al meglio l' era della post modernità con un bagaglio culturale fatto di valori incrollabili rispetto al continuo flusso delle mode del momento; un segnale tangibile per i nostri giovani, affinché anche le nuove generazioni possano appropriarsi di quel valore aggiunto della storia di Cittanova e dei suoi protagonisti, per dimostrare che la memoria e' il presente.

 Questi solo alcuni degli obiettivi che l' associazione Cittanova Radici si propone di realizzare.

 La cultura nel suo significato più ampio, la storia di una comunità, la riscoperta delle tradizioni fatte di eventi positivi  e personaggi che hanno segnato il tempo passato, la valorizzazione di un patrimonio culturale - popolare che non può e non deve essere dimenticato.

 Il Premio Radici, ormai da sette anni mira a promuovere e far conoscere le potenzialità della nostra storia e del nostro territorio, divulgare e diffondere le  tradizioni nella loro vera essenza. Il meridionalismo e' la nostra identità e la cultura meridionale e' uno dei valori portanti del vivere cittanovese.

 "La cultura - ha dichiarato il presidente Girolamo  Giovinazzo - non si può ottenere se non si conosce la propria storia. Conoscere gli eventi e i personaggi che ci hanno preceduto e' un dovere ed è' un bisogno. Noi - ha spiegato Giovinazzo - ci proponiamo di offrire la cultura vera, senza secondi fini, quella che vola alto seguendo la via tracciata da illustri pensatori e studiosi che non sono più tra noi. L'appuntamento con il Premio Radici - ha concluso - e' un'occasione per rendere concreto il nostro intento".

 Il valore delle radici, dunque,  attraverso la riscoperta delle peculiarità identitarie del territorio, il loro percorso forte e riconoscibile in giro il per il mondo per sottolineare ancora una volta che " la cultura a Cittanova e' sempre al di sopra delle parti".

 Anche per questa nuova edizione il "Premio Cittanova Radici"  sarà un ritorno al passato, una carrellata di personaggi, uomini laboriosi impegnati professionalmente e socialmente nella costruzione di una comunità  che vuole fare la differenza per spirito civile, valori umani, cultura e progresso sociale. E ancora la poesia in vernacolo, la riscoperta degli antichi mestieri, la musica popolare e l'arte fotografica.

 Il programma - In apertura i saluti del sindaco di Cittanova, Francesco Cosentino, a seguire "Una finestra sulla storia" a cura di Antonio Orlando per dare luce e rilievo alla figura dell'allora sindaco Raffaele Terranova, tra i principali protagonisti della ricostruzione di Cittanova dopo il devastante bombardamento del febbraio 1943

 " Lo spazio del vernacolo" con Riccardo Carbone e Rocco Nassi, noti poeti conterranei dialettali, allo scopo di sottolineare l'importanza della lingua madre della nostra terra, considerata tra i valori fondanti di una calabresita'  che stenta a scomparire anche di fronte  all'internazionalizzazione delle lingue moderne.

 I premiati con il trofeo Radici - Cesare Berlingeri, pittore; Pellegrino Mancini, medico, direttore U.O. C. Centro Regionale Trapianti; Mario Caruso, imprenditore - Annunziato Tedesco Liquori 1908; Luigi Grandinetti, giornalista, regista e produttore radio e tv; Giovanni Russo, saggista, autore del libro "le bande musicali in Calabria"; Vincenzina Siciliano, interprete nel fil "Mediterranea"; Graziano Versace, scrittore meridionalista.

 Premio Radici alla memoria a Raffaele Terranova

 Premio Radici "Cittanova nel Cuore" - ad artigiani di antichi mestieri ; per l' impegno sociale alle Associazioni  AIDO e  Un  Amico per la Vita;  per il forte senso di appartenenza ai Cittanovesi emigrati che ritornano.

 La serata sarà allietata dalla musica etnico tradizionale del noto cantautore Ciccio Carere, al quale andrà un Premio Radici Speciale.

 In sala la mostra fotografica di antichi mestieri non più praticati; l'esposizione e la degustazione dei famosi liquori Annunziato Tedesco riportati alla ribalta grazie all'iniziativa e alla capacità di Mario Caruso, titolare della Incal, azienda leader nel settore specifico dei liquori artigianali.

 Il programma si completerà il 23 agosto con il concerto dei giovani cittanovesi Aurelio Marco e Athena Raco, alle ore 21 in piazza Garibaldi.

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses