26022020Mer
Aggiornato ilMer, 26 Feb 2020 9am

Con un netto 3-0 la pallavolo Jolly Cinquefrondi passa a Martina Franca in Puglia,25-13 ,25-19 e 25-15 i parziali per capitan Burriesci e compagni.

Partita mai in discussione e sempre condotta dalla formazione della piana che in 70 minuti chiude i conti.Polimeni parte con Piedepalumbo al palleggio, Palmeri opposto,Dipasquale e Boscaini di banda,Scopelliti e Blanco centrali e come oramai è consuetudine manda in campo il doppio libero,Galiano in ricezione e Davoli in difesa.

Nel corso della partita spazio per tutti i componenti della rosa,che nei 3 set,hanno dimostrato una buona condizione fisica dimostrando di essere pronti alle chiamate del mister reggino.

Tre punti importanti per la classifica e per un mese di dicembre che si preannuncia interessante;sabato prossimo in casa ore 18,30 con il Brolo Messina a seguire il derby a Cosenza per poi chiudere il 2014 con il Latina in casa.

 

16 novembre 2014- Una domenica come tante, tra una passeggiata e una pennichella, tra un aperitivo ed un caffè. Domenica, il giorno dei grandi pranzi in famiglia e delle partite di pallone. Una domenica un po' cupa che sembrava quasi presagire  però un grande dolore. Un tragico incidente è avvenuto infatti sulla strada Jonio-Tirreno all’altezza di Cinquefrondi. Un impatto frontale che ha coinvolto due autovetture, una mini cooper con a bordo 4 ragazzi di Siderno, Giuseppe Figliomeni, Luigi Mory  e due fratelli Gabriele e Napoleone Luciano, e una Yaris, con padre e figlio, Pasquale e Francesco Barbaro di Platì. Vite separate, diverse, unite da un unico tragico destino. Da un lato 4 ragazzi diretti a Rosarno, 4 tifosi del Siderno calcio, in trasferta per seguire la propria squadra del cuore, dall’altro un padre e un figlio di ritorno da un pomeriggio di compere al centro commerciale. Un impatto frontale, su quella strada dove tante persone hanno tragicamente perso la vita. Non si conosce bene la dinamica dell’incidente, ma la polizia stradale durante le operazioni di recupero ha rinvenuto il tachimetro fermo su 210km, una velocità spaventosa, considerando la tipologia di strada e di veicolo. I ragazzi sulla mini cooper diretti a Rosarno per la partita contro la Nuova Rosarnese, purtroppo non sono riusciti ad arrivare a destinazione, così come Francesco  e suo padre non hanno concluso la giornata come sicuramente avrebbero voluto. Una morte improvvisa, che forse si sarebbe potuta evitare. In quella maledetta strada dove qualche mese fa, anche Francesco Zerbi Il Lupo , ha perso la vita, non molto lontano da dove si è verificato l’incidente ieri. Da un lato sarebbe opportuno prendere dei seri provvedimenti per quel tratto di strada che innumerevoli volte ha stroncato la vita di tanta gente, dall’altro sta al buon senso anche dei guidatori rispettare le regole stradali, e far si che queste tragedie possano non verificarsi più. Da quanto si è appreso i giocatori e la tifoseria del Siderno una volta arrivati presso il campo sportivo di Rosarno, si sarebbero accorti della mancanza di una autovettura e precisamente la mini cooper. E’ stato, dal momento in cui è circolata in rete la notizia dell’incidente, che i sospetti e la paura si sono trasformati in certezza e dolore. La mini cooper coinvolta nel sinistro era la stessa di quella mancante. Il Siderno calcio purtroppo ha fatto rientro in casa con una sconfitta molto più grande, la perdita di 4 ragazzi, quattro amici. Indipendentemente dalla strada, dalla velocità, dalla provenienza delle vittime, indipendentemente dalle inutili effimere ed inappropriate accuse e discussioni nate in seguito sui social per attribuire colpe di quanto accaduto, questa mattina al risveglio, un pensiero è andato alle famiglie, parenti ed amici delle vittime, che tragicamente hanno perso la vita, proprio nella giornata mondialedelle vittime della strada, lasciando le famiglie nello sconforto. La redazione Zmedia si unisce al dolore.

 Giada Zurzolo

Sono state identificate le vittime coinvolte nell'incidente avvenuto nel primo pomeriggio sulla strada Ionio-Tirreno. Luigi Mori ('88), Giuseppe Figliomeni ('86), e due fratelli  Gabriele e Napoleone Luciano . I quattro viaggiavano a bordo della mini cooper rimasta coinvolta nell'incidente. Appartenenti alla tifoseria del Siderno, si stavano dirigendo presso il campo sportivo di Rosarno per  l'incontro tra Nuova Rosarnese e Siderno. Sull'altra autovettura, la Yaris, viaggiavano due uomini di Platì, Pasquale e Francesco Barbaro. La redazione Zmedia si stringe vicino ai familiari delle vittime.

Dalle prime informazioni raccolte sembrerebbe che tra le vittime coinvolte nell'incidente di oggi pomeriggio avvenuto sulla statale Jonio Tirreno nei pressi di Cinquefrondi vi fossero dei giovani tifosi del Siderno calcio a bordo della Mini Cooper, che si stavano recando a Rosarno per assistere alla partita di calcio di Prima Categoria tra la Nuova Rosarnese ed il Siderno. Dalle prime indiscrezioni sembrerebbe che tra i giovani morti della mini cooper due fossero fratelli e che a bordo dell'altro veicolo, una Yaris, le vittime fossero di Platì (Reggio Calabria).

Secondo gli ultimi aggiornamenti due corpi sono balzati oltre il guard-rail del cavalcavia precipitando da un’altezza di 40 metri, inoltre la lancetta della mini cooper sembrerebbe si sia fermata a 210 km/h.

Nel primo pomeriggio si è verificato un gravissimo incidente sulla strada Statale Jonio-Tirreno, nei pressi di Cinquefrondi, in cui hanno tragicamente perso la vita sei persone. Dalle prime ricostruzioni sembra che le due automobili , una Yaris e una mini cooper, si siano scontrate frontalmente. Lo scontro tra i mezzi sembra essere stato molto violento, al punto da rendere difficile anche il riconoscimento delle macchine. La Mini Cooper, a causa del violento impatto, è come se si fosse sventrata, mentre una parte della Yaris è rimasta sulla carreggiata, e l'altra è precipitata nel burrone profondo una quarantina di metri. Gli accertamenti della polizia stradale risultanto particolarmente difficili a causa delle condizioni delle autovetture, i pezzi infatti sono disseminati ovunque, ed ancora non si è riusciti a trovare i documenti delle sei vittime, per cui non si conoscono ancora i nomi dei morti nell'incidente. Dai primi accertamenti, però, sembra che le due auto siano intestate a persone residenti in due comuni della fascia Jonica reggina. Sul luogo dell'incidente sono intervenuti gli agenti della polizia stradale che hanno avviato gli accertamenti per ricostruire la dinamica. Il traffico sulla strada Jonio-Tirreno al momento è bloccato in attesa che vengano ultimati gli accertamenti.

Jonio-Tirreno

 I consiglieri comunali del Gruppo Consiliare “Rinascita per Cinquefrondi” Michele Conia e Flavio Saverio Loria, hanno presentato una interrogazione a risposta scritta al sindaco di Cinquefrondi Marco Cascarano, in merito alla situazione della raccolta differenziata dei rifiuti effettuata nella cittadina della piana.

I due consiglieri hanno depositato l’interrogazione che di seguito integralmente riportiamo

“il servizio per la gestione dei rifiuti riveste un'importanza vitale per la salvaguardia dell'ambiente e del decoro del paese, oltre a rappresentare un indicatore sostanziale del senso civico di una comunità;

la modalità di raccolta del rifiuto differenziato c.d. “porta a porta”, servizio da incentivare ulteriormente, rappresenta una molla utile alla corretta educazione dei cittadini incontrando peraltro il consenso, già esplicitato nelle sedi opportune, da parte di questo gruppo consiliare;

CONSIDERATO CHE

come riportato negli ultimi tempi dagli organi d'informazione locali, la situazione debitoria del comune di Cinquefrondi per questo settore non può non rappresentare un motivo di preoccupazione per i cittadini già gravati da una tassazione via via crescente;

VISTI

i preannunciati rincari, a partire dal prossimo anno, da parte della Regione Calabria  per il servizio di conferimento in discarica dell'indifferenziata che comporterà un incremento di spesa anche per le nostre casse comunali;

i costi maggiori rispetto al passato come stabiliti nel contratto stipulato il 01/12/2013 con la ditta Camassambiente per il servizio di trasporto e raccolta rifiuti “porta a porta”, che inevitabilmente si caricheranno sulle utenze;

le ulteriori somme (circa € 20/30.000,00 annui) dovute per lo smaltimento dei rifiuti ingombranti e per la cernita di quelli differenziati ad opera della ditta Radi di Palmi, indispensabili per il completo espletamento del servizio come attualmente organizzato;

i piani di rientro per i debiti pregressi solo su questo settore, ammontanti a circa € 500.000,00 dall'insediamento di questa amministrazione, e per i quali esistono dei ritardi accumulatisi nel tempo per i quali non conosciamo né le ragioni né se esiste un piano d'intervento in atto;

la situazione debitoria esistente per l'anno 2012 per un importo di oltre € 150.000,00, per la quale è stato inviato il ruolo ad Equitalia per la riscossione coatta con ulteriori oneri a nostro carico;

EVIDENZIATO CHE

la Regione Calabria, stante la grave difficoltà finanziaria in cui versa con particolare ripercussione nella gestione del settore dei rifiuti, sta provvedendo ad intimare i comuni morosi, quali il nostro, ad effettuare i pagamenti dovuti arrivando sinanche alla prossima nomina di commissari ad acta;

VISTO, INOLTRE, CHE

con la Delibera di Giunta n.85/2014 è stato avviato l'iter necessario per l'attivazione del servizio di spazzamento meccanico e/o manuale delle piazze e vie cittadine senza ulteriori specificazioni circa modalità ed inevitabili costi da aggiungersi;

si giungerà, rebus sic stantibus, ad un inevitabile aumento delle tariffe per lo smaltimento dei rifiuti nel prossimo piano tariffario collegato al bilancio di previsione 2014 da approvarsi entro il 30 settembre;

RITENUTO CHE

la situazione debitoria per come sopra esposta merita un approfondimento nell'esclusivo interesse del servizio e dei contribuenti e che trattasi di debiti relativi al servizio smaltimento rifiuti accumulati esclusivamente da questa amministrazione comunale.

Tanto premesso e considerato i sottoscritti Consiglieri Comunali

CHIEDONO

a Codesta Spett.le Amministrazione, nella persona del Signor Sindaco, con ogni consentita urgenza di conoscere:

nei dettagli la situazione debitoria ad oggi relativa al servizio dello smaltimento dei rifiuti degli anni propri di questa amministrazione comunale (2010-2014);

se sono stati predisposti degli atti, o, comunque, se intende predisporne per il futuro, utili ad alleggerire la pesante situazione che compromette le disponibilità di spesa del nostro comune e che, soprattutto, insiste sulle tasche dei cinquefrondesi;

se si intendono attuare, nei limiti consentiti, meccanismi di incentivazione diretta per favorire le utenze virtuose nel conferimento dei rifiuti differenziati;

l'indirizzo politico di questa amministrazione sull'avviando servizio di spazzamento meccanico e/o manuale delle strade pubbliche di cui alla D.G. n.85/2014, essendo demandato al responsabile del settore, per come riportato nel corpo della delibera “l'avvio delle procedure secondo le normative vigenti” senza null'altro specificare;

se, infine, tale servizio da istituirsi “nell'immediato” si tramuterà in un ulteriore aggravio di spesa che, inevitabilmente, graverà sulle casse comunali e, pertanto, su tutte le utenze indistintamente, ovvero se si intendono avviare azioni atte al contenimento di ulteriori costi stante la situazione debitoria determinatasi."

Cinquefrondi (Reggio Calabria). Notte di paura a Cinquefrondi, dove due ladri sono entrati nella casa di un’anziana signora, con l’intento di svaligiare l’abitazione della stessa sita in nel centro storico della cittadina della Piana. Ma il progetto criminale dei malfattori non è andato come prestabilito, a casa della donna infatti, si trovavano dei parenti della stessa, tornati in Calabria in occasione delle vacanze estive. Proprio questi sentendo dei rumori andando a verificare quanto stesse accadendo si trovavano davanti i due topi di appartamento, ed affrontando gli stessi, sono stati aggrediti con dei coltelli. I ladri hanno feriti due parenti della signora alla braccia e la stessa alla testa. Fortunatamente nessuno dei tre feriti si trova in gravi condizioni.

Sul posto sono giunti immediatamente i militari dell’arma dei carabinieri che stanno indagando per scoprire chi sono i due malfattori ed i sanitari del 118, che hanno soccorso i feriti.

Cinquefrondi (Reggio Calabria). Cristiano Sciarrone morto mercoledì mattina il cui corpo senza vita è stato ritrovato dalla madre forse è deceduto per colpa e/o negligenza di alcuni medici dell’Ospedale Santa Maria degli Ungheresi di Polistena.

Sciarrone, 35 anni, ex calciatore, il giorno prima di morire era stato dimessodal pronto soccorso dell’Ospedale di Polistena dopo che era stato accompagnato per alcuni accertamenti atteso che aveva avvertito dei malori, da qui dopo l'esito di alcuni esami che non lasciavano presagire nulla di grave era stato rimandato a casa dopo poche ore. Il giovane, però nella notte aveva continuato a stare male fino alla tragica scoperta della madre del mattino seguente. Tutto era pronto per il funerale, ma il pubblico ministero del Tribunale di Palmi dott. Salvatore Dolce ha bloccato il rito funebre per disporre l’autopsia successivamente alla denuncia presentata dai familiari, insospettiti dal comportamento tenuto dai sanitari del nosocomio della piana. Solo successivamente ai risultati dell’esame autoptico si potrà accertare l’eventuale colpa del personale medico.

Al via giovedì 10 luglio a Cinquefrondi(RC)  alle ore  17:30, l'intitolazione del Palazzetto dello Sport di Via Palmara al primo storico Presidente della Jolly Pallavolo Cinquefrondi, avvocato " Italo Bonini", a seguire partita amichevole tra la " Nazionale Pre Juniores" e la " Selezione Calabria Jolly Pallavolo Cinquefrondi".
Lunedì 7 luglio è arrivata in Calabria la Nazionale Pre Juniores di pallavolo maschile, che effettuerà uno stage fino a venerdì 11 luglio. I migliori atleti di tutta Italia classe 1997/98 affiancati da un team di tutto rispetto, i tecnici: Bruno Morganti, Nino Costabile, Federico Cristofori, sotto la supervisione del coach Mario Barbiero.
Questo stage è stato organizzato grazie alla collaborazione tra la FIPAV Comitato Provinciale di RC, il Comune di Cinquefrondi(RC) e la A.s.d. Jolly Pallavolo Cinquefrondi.
Settimana ricca di impegni che ha visto questi atleti allenarsi con costanza, e, settimana storica anche per il movimento pallavolistico cinquefrondese, reggino e calabrese, infatti martedì 8 luglio si è tenuto un corso di aggiornamento per allenatori  Allievo,I, II e III grado, Cinquefrondi infatti, è stata letteralmente invasa da tecnici provenienti da tutte le province calabresi, il corso è stato tenuto dal prof. Barbiero.
Giovedì pomeriggio alle 17:30 ci sarà la cerimonia di intitolazione del Palazzetto dello Sport di Via Palmara al primo presidente, l'avvocato Italo Bonini scomparso 2 anni fa.
A seguire una partita amichevole tra la Nazionale Pre Juniores e la Selezione Calabria Jolly Pallavolo Cinquefrondi, un team di 13 atleti selezionati dal coach Antonio Polimeni,e, tra i 13,  i tifosi cinquefrondesi avranno il piacere di rivedere alcuni volti tanto amati in questi ultimi due anni e precisamente, parliamo di Claudio Cimino,
Fabrizio Ferraiuolo e Omar Sall.

Cinquefrondi (Reggio Calabria). Un operaio, Antonio Auddino, di 51 anni, è morto mentre stava lavorando in un terreno a San Lorenzo, nella periferia di Cinquefrondi. L'uomo, è stato travolto da un motozappa con il quale stava lavorando, per cause ancora in corso di accertamenti. Sul posto sono intervenuti immediatamente i sanitari del 118 allertati dai parenti di Antonio Auddino, ma per lo stesso purtroppo i soccorsi si sono rivelati vani. Sul luogo dell'incidente anche I militari dell'arma dei Carabinieri che hanno avviato gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell'incidente.

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses