16072019Mar
Aggiornato ilLun, 15 Lug 2019 5pm

Incendio alla tendopoli di San Ferdinando, Di Giacco: tragedia annunciata

Pubblicato in TUTTO PIANA POLITICA
27 Gennaio 2018
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

Ennesimo incendio nella notte all’interno della tendopoli di San Ferdinando. Si tratta di una tragedia annunciata. A farne le spese una donna nigeriana di trent’anni che ha perso la vita. Si registrano altri ustionati. La tendopoli illegale e di fortuna, tenuta in piedi con la compiacenza in primis del Ministro Minniti, al momento ospita circa mille migranti impiegati nel lavoro agricolo stagionale e pare si sia incendiata a causa di fuoco acceso dai residenti per riscaldarsi. E’ evidente che la nuova tendopoli messa in piedi dalla Protezione Civile, che proprio il 4 novembre 2017 ho visitato accompagnando il Vice Presidente del Senato, Maurizio Gasparri, non ha sortito alcun effetto positivo. Da quì deduco che il mio grido abbia un forte significato. I poteri forti si ostinano a volere il male dei deboli e a farne le spese sono proprio gli ultimi, piu' che mai figli di Dio.

In qualita’ di Dirigente Comunale dei Diritti Umani e Liberta’ Civili di Forza Italia esprimo grande dolore per la donna deceduta e per i feriti, denunciando il diritto alla difesa e alla protezione delle donne e dei deboli senza differenza di razza e di nazionalita’,di religione o di condizione economica e sociale.

Gli apparati dello Stato si ostinano a voler tenere in piedi una tendopoli illegale da tutti i punti i vista, senza assumersi, per vilta', la responsabilita' di questa gente che in Italia non trova cosi la vita dignitosa verso cui crede di andare incontro ma diventa merce per chi vuole arricchirsi illecitamente.

Ritengo sia  veramente cinico lasciare che la tendopoli scompaia proprio bruciando letteralmente e seminando morti. A tal fine, chiedo subito l’apertura di un’inchiesta per verificare la responsabilità penale, amministrativa e politica delle “forze” che mantengono in piedi questa situazione solo per interesse personale, in una zona Zes che serve da volano per la nostra area portuale  in ginocchio a causa di una irreversibile crisi lavorativa che attanaglia ogni settore produttivo.

Personalmente e politicamente mi battero' con ogni forza perche' la tendopoli venga dismessa, anche se so di essere sola in questa battaglia che ha come punto basilare e imprescindibile il rimpatrio immediato degli irregolari.  Concludo esprimento un giudizio altamente negativo nei confronti di questa piaga sociale che investe vergognosamente il nostro territorio per cui mi spendo ogni giorno con grande impegno e spirito di abnegazione.

Maria Carmela Digiacco

Dipartimento DULC

Forza Italia

Ultime Notizie

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses