20092019Ven
Aggiornato ilGio, 19 Set 2019 7pm

 

Si terrà domani, martedi 28 aprile, come da programma, con inizio alle ore 17.30, presso il Salone delle Conferenze del Palazzo della Provincia sito in Piazza Italia a Reggio Calabria, la cerimonia di premiazione della trentatreesima edizione della Corrireggio, la corsa/passeggiata per tutti che si è svolta il 25 aprile. Quest'anno la scelta della sede  per la cerimonia ha un significato particolare, in considerazione del fatto che la Corrireggio, quale evento dai forti connotati culturali,  fa parte a pieno titolo del vasto programma degli Stati generali della Cultura, proposto dall'Assessorato provinciale cultura e legalità. Numerosi anche per questa edizione i premi che andranno oltre che ai primi assoluti, maschile e femminile, della gara competitiva e non competitiva, al 1° maschile e alla 1ª femminile delle numerose categorie d’età. Tra tutti i partecipanti, che hanno portato regolarmente a termine la gara o hanno almeno effettuato il viraggio, nel corso della serata saranno sorteggiati altri premi offerti dagli sponsor o assegnati dall’organizzazione.

Intanto Legambiente non si culla sugli allori. Nonostante gli entusiastici commenti che continuano ad arrivare soprattutto attraverso facebook e gli altri social, l'associazione mette nel bilancio della gara anche alcune cose che non sono andate per il verso giusto, considerando i suggerimenti di chi la corsa l'ha vissuta utili per migliorare ancora. Tutte le classifiche e i premiati della Corrireggio 2015 saranno visibili sul sito: www.corrireggio.it

In attesa di una “primavera metereologica” che indugia ad arrivare, sono in pieno fermento i preparativi per la Corrireggio, la tradizionale e molto attesa manifestazione organizzata da Legambiente che, anche quest'anno, concluderà con la corsa podistica del 25 aprile una intensa settimana di eventi di sport, volontariato ambientale, cultura.

La popolare iniziativa che giunge  all'invidiabile traguardo della trentatreesima edizione, presenta all'interno di uno schema organizzativo consolidato alcuni importanti elementi di novità.

In particolare per questa edizione la corsa cambierà parzialmente il percorso a causa dell'inagibilità del corso Garibaldi, interessato ai lavori di riqualificazione e in molti tratti area di cantiere. Pertanto la corsa-passeggiata, dopo la tradizionale partenza nella zona in prossimità di Piazza Indipendenza, accanto alla Rosa dei Venti, e dopo aver percorso, in direzione sud, il lungomare Falcomatà e la via Barlaam, attraverso il sottopasso in adiacenza al Calopinace accederà nella zona a mare cosiddetta del Tempietto. Percorrerà poi in successione le vie Fortino a mare, Rada delle Mure Greche, Passeggiata a mare Vittorio Emanuele III per concludersi in prossimità del Piazzale del Lido Comunale, dove, come per gli scorsi anni, verrà allestito il punto di ristoro. Rispetto agli anni scorsi il percorso sarà anche più breve per favorire una partecipazione più ampia: soltanto 4, 5 chilometri.

I partecipanti alla gara competitiva invece giunti alla conclusione del giro iniziale dovranno virare verso la zona così detta dei Risciò e attraverso la breve rampa dell'aiuola limitrofa dovranno ritornare sul lungomare per compiere ancora altri due giri e concludere, infine, la loro prestazione, come i non agonisti, sulla pista ciclabile accanto al piazzale del Lido Comunale. Per loro il percorso totale sarà di 12,5 chilometri.

Il punto di viraggio per tutti, agonisti e non, sarà all'uscita del sottopasso ferroviario cioè in ingresso all'area Tempietto.

Una sezione speciale per i non agonisti sarà riservata al fitwalking, altra novità molto interessante di questa edizione.

La scelta del percorso è dovuta, oltre che a motivi tecnici, legati alla necessità di offrire, tra quelli possibili, un percorso di gara valido e sicuro, alla opportunità di accendere i riflettori dell'attenzione e della consapevolezza istituzionale e sociale  sull'area urbana del litorale con specifico focus sulla zona Argine Calopinace-Castelnuovo (comunemente denominata  “del Tempietto”).

In realtà – spiega Legambiente – è questo uno dei luoghi più belli, suggestivi ed evocativi del litorale e dell'intera città, recuperato alla disponibilità dei cittadini ma che bisogna in gran parte ancora scoprire e soprattutto sottrarre al degrado e valorizzare ora, con progetti credibili e in modo eco-sostenibile, secondo le sue enormi potenzialità.

Il tema che, in questa edizione, farà da filo conduttore dei vari eventi, sarà “la filosofia, la cultura e il benessere del camminare”. Un tema che, approfondito da varie angolature, richiama chiaramente l’impegno ad umanizzare le città e insieme a cambiare abitudini e stili di vita. Oltre ad avere il patrocinio morale di vari Enti (Comune, Regione, Ente Parco), e la collaborazione di Associazioni e Enti privati, la Corrireggio aderisce agli Stati Generali della Cultura promossi dall’Amministrazione Provinciale.

Riceviamo e pubblichiamo

Mentre ancora si sente l’eco della Corrireggio, che ha riscosso uno straordinario successo, la FIDAL sta procedendo alla convalida delle classifiche della corsa podistica per la premiazione dei vincitori assoluti e delle diverse categorie previste dal regolamento di gara..

Ma continuano domenica 27 aprile alle ore 10.30 presso il Campo Rugby San Cristoforo di Reggio Calabria le manifestazioni in programma con l’incontro di Rugby solidale tra le Società C.A.S. Rugby Reggio Calabria e A.S.P.I Rugby Padre Monti di Polistena.

Il rugby è uno sport di contatto, quindi moltiplica le occasioni di confronto, esattamente nello spirito dello slogan “da soli non si può” della Corrireggio 2014 e del sostegno che la manifestazione da trentadue anni profonde per lo sport vero, corretto, pulito, solidale e rispettoso delle regole.

Precederà l’incontro - a cui si invitano tutti i reggini a partecipare numerosi - uno scambio simbolico delle magliette della Corrireggio 2014 con quelle delle due società sportive per sancirne il gemellaggio. Saranno presenti, tra l’altro, oltre allo staff della Corrireggio e della  Legambiente, i rappresentanti del Forum del Terzo Settore e del CSV-Centro Servizi al Volontariato di Reggio Calabria, partners della trentaduesima edizione della Corrireggio, Mario Cosenza, delegato regionale della FIR-Federazione Italiana, e i rappresentanti provinciali e altre autorità invitate.

Mercoledì 30 aprile alle ore 17.30 presso il Salone del Palazzo della Provincia in Piazza Italia si terrà la cerimonia di premiazione dei vincitori alla Corrireggio: oltre al 1° assoluto maschile e alla 1ª assoluta femminile della gara podistica competitiva e della corsa a passo libero non competitiva saranno premiati il 1°, 2° e 3° classificato e la 1ª, 2ª e 3ª classificata delle seguenti categorie d'età:

nati dopo il 2004 (ANNI 0-10); B) dal 2003 al 2001 (ANNI 11-13); C) dal 2000 al 1997 (ANNI 14-17); D) dal 1996 al 1985 (ANNI 18-29); E) dal 1984 al 1975 (ANNI 30-39); F) dal 1974 al 1965 (ANNI 40-49); G) dal 1964 al 1955 (ANNI 50-59); H) dal 1954 al 1945 (ANNI 60-69); I) nati prima del 1944 (ANNI oltre 70).

Altri premi saranno assegnati dall'organizzazione, nel corso della premiazione, secondo particolari criteri. Tra tutti i partecipanti, che abbiano regolarmente terminato la gara o almeno effettuato il viraggio e porteranno il pettorale, dopo la premiazione saranno sorteggiati dei premi offerti dagli sponsors.

Reggio si rimette le scarpe da podismo e si presenta alla partenza della trentaduesima edizione della Corrireggio la corsa podistica del 25 aprile, organizzata da Legambiente, in collaborazione con il Forum del Terzo Settore e il CSV-Centro Servizi al Volontariato di Reggio Calabria.

Il raduno è fissato per le ore 9 presso la stele Falcomatà, in Piazza indipendenza all’inizio del Lungomare. Qui potranno procedere alle iscrizioni alla gara coloro che non l’avessero fatto nei giorni precedenti, a partire dai partecipanti venuti da fuori città. La corsa podistica, festa collettiva di sport e solidarietà nella sua duplice accezione di competitiva e non competitiva, conclude un intenso programma d’iniziative che quest’anno si sono estese anche alla provincia come dimostra la tappa assai interessante a San Luca. Il programma ha spaziato dalle manifestazioni sportive a quelle ambientali e artistiche come testimoniato i vari tornei, il flashmob sui rifiuti, le proiezioni, fino alla caccia ai tesori del volontariato, un eco tour collegato dallo slogan significativo “Le braccia per rialzarsi, le gambe per correre, l’impegno per cambiare”, che si è snodato mercoledì in varie tappe fino a concludersi in serata al Museo dello strumento musicale con la mostra di Osvaldo Pieroni dedicata alla Corrireggio dal titolo “Con le gambe e con il cuore” e con la performance di SpazioTeatro “Il pifferaio di Hamelin”, scritto e interpretato da Gaetano Tramontana.

Proprio il tema del volontariato è stato il filo che ha collegato tutte le iniziative, con riferimento a quel “grande magazzino” di competenze  e di generosità, vera risorsa a cui attingere per un riscatto e una ripresa della città. La corsa passeggiata di domani, 25 aprile, potrà essere una felice occasione per mettere in vetrina tante realtà impegnate quotidianamente a portare avanti, in mezzo a mille difficoltà, gli ideali dell’arte, dello sport, della bellezza. Questo è considerato da Legambiente un valore aggiunto ad un evento, come la Corrireggio, che ha il suo punto di forza nel mix formidabile tra sano agonismo sportivo e semplice gioia di esserci e stare insieme agli altri, nel nome dell’ecologia, dell’arte e della solidarietà. Sarà assai bello e significativo cogliere al raduno o durante la corsa anche i segni caratterizzanti delle diverse realtà cittadine o del territorio regionale e non solo.

Da qui l’invito alla partecipazione che è anche un invito ad un protagonismo attivo a favore della città, unendo gli sforzi, sintetizzato nella scritta che i partecipanti avranno impresse sulle belle magliette di Corrireggio: “da soli non si può!”

Va sottolineato che la manifestazione si fonda sul lavoro di  persone che volontariamente mette a disposizione il proprio tempo libero per esprimere un atto d’amore alla città, divertirsi, far divertire e riflettere. Non solo i volontari ambientalisti, ma anche persone che contribuiscono con premi, la fornitura per il punto ristoro o quelli dei vari gruppi della protezione civile provinciale, che fanno capo al Comando della Polizia Provinciale e che si occuperanno di supportare forti della loro esperienza, la vigilanza lungo i punti più delicati del percorso. Ci sarà come sempre anche l’assistenza attenta dell’ufficio comunale circolazione e traffico e della Polizia Comunale. La manifestazione ha come partner privilegiati il CSV e il Forum del Terzo Settore e si è avvalsa quest’anno del sostegno della Provincia, attraverso il proprio Assessorato alla Cultura e allo Sport, e della Presidenza del Consiglio Regionale della Calabria, accanto all’Ente Parco Nazionale d’Aspromonte e al patrocinio morale del Comune e, per quanto riguarda la caratteristica più prettamente sportiva, del CONI. 

Prima della partenza, verranno consegnati i premi Corrireggio alle “virtù civiche”, il Memorial Pippo Ponzio e i premi speciali “25Aprile” mentre la cerimonia di premiazione dei vincitori e il sorteggio sono previsti alle 17.30 del 30 aprile presso il Salone della Provincia in Piazza Italia.

Sempre in materia di premi un altro momento significativo si avrà a Gambarie sabato 26 aprile alle ore 16 presso l’Hotel Centrale con la consegna dei riconoscimenti “Il Bello dello Sport 2014”, che mira a dare un riconoscimento a tutte quelle realtà sportive che si sono contraddistinte nel corso dell’anno nel promuovere e sviluppare progetti sportivi educativi significativi. L’iniziativa è organizzata di concerto da Legambiente e CSI a suggello di una collaborazione che, nel corso della Corrireggio ha avuto un momento esaltante nel torneo dell’”Altro sport” tenutosi ad Arghillà. Sarà questa l’apertura scelta per la seconda edizione di EduSPORT, il campus formativo organizzato e promosso dal CSI Reggio Calabria rivolto agli operatori nel campo socio– portivo.

Con le iscrizioni presso piazzetta San Giorgio al Corso, è cominciato il conto alla rovescia di avvicinamento alla trentaduesima edizione della Corrireggio, la tradizionale corsa podistica per tutti - il più atteso appuntamento della primavera reggina - promossa da Legambiente in collaborazione con la Fidal e numerose associazioni di volontariato, e patrocinata dall’Assessorato alla Cultura e allo Sport della Provincia di Reggio Calabria. Si stanno curando gli ultimi dettagli organizzativi della manifestazione, che certamente anche quest’anno si svolgerà all’insegna dell’allegria, della solidarietà e del gusto di ritrovarsi e stare insieme. Al centro della CORRIREGGIO, infatti, c’è l’obiettivo di promuovere lo sport come diritto di tutti, come momento di partecipazione collettiva e di diffusione dei principi dell’ambiente e vivere sano, di convivenza civile nel rispetto delle differenze.

Immutato il programma della corsa-passeggiata per tutti, fissata per il 25 aprile, che si snoderà lungo il caratteristico percorso nel cuore della città tra lungomare e corso Garibaldi. La partenza è fissata per le ore 10.30 presso la stele Falcomatà all’inizio del Lungomare, nei pressi di Piazza Indipendenza.

Continuano intanto le iniziative collaterali all’evento sportivo che hanno registrato nel giorno della pasquetta un momento di partecipazione e svago collettivo presso il Parco di Ecolandia ad Arghillà, con la visita guidata e gli oltre 400 partecipanti al ristoro curato dalla cooperativa “Collina del Sole”, dopo un’escursione alla scoperta del quartiere.

Si prosegue domani, mercoledì 23 aprile, nel giorno della festa patronale di San Giorgio con la “Caccia ai tesori del volontariato”, una sorta di eco tour - in collaborazione con il Forum del Terzo Settore e il CSV-Centro Servizi al Volontariato - alla scoperta delle risorse spesso trascurate su cui Reggio può contare. La 32ª edizione ha, infatti, come filo conduttore lo slogan significativo “Da soli non si può!” e come  protagonista proprio il mondo del volontariato, quello reale, attivo, le cui energie è necessario liberare per dare un futuro alla nostra città in questo momento di profonda difficoltà e sfiducia. La finalità è mettere in campo la capacità di impegnarsi concretamente di tante realtà così diverse e variegate (lo scautismo, le federazioni, le società e le associazioni di promozione sportiva, le associazioni culturali e ambientaliste, le associazioni culturali, le associazioni di protezione civile, di servizio ai disabili o agli anziani, ecc.) un magazzino di ricchezza e di potenzialità  per una città più pulita, più sostenibile, più giusta.

Domani, le tappe previste della “Caccia ai tesori del volontariato” vedranno riuniti in diversi luoghi i diversi settori in cui operano queste numerose realtà.

Si partirà alle 9.30 dalla sede del Centro ambulatoriale ACE di Pellaro, straordinaria realtà di medicina sociale, per poi raggiungere alle 11.00 Villa Gullì, in Via Gebbione, per incontrare le imprese sociali che garantiscono assistenza agli anziani, ai malati, ai bambini, ai soggetti diversamente abili, o occasioni di recupero a chi esce da esperienze difficili o di dipendenza.

L’ecotour proseguirà nel pomeriggio con l’appuntamento alle 15 nella sede dell’ARCI, nella ex stazione ferroviaria delle OMECA, dove saranno riunite le associazioni che si occupano di legalità e lotta alle mafie, di accoglienza degli immigrati, di donne.

Alle 16.30 al Politeama Siracusa, sul Corso Garibaldi, andremo alla scoperta delle numerose associazioni culturali che in città si occupano di cinema, teatro, danza e letteratura, per poi raggiungere alle 18 il Museo Nazionale della Magna Grecia, in Piazza De Nava, dove saranno riunite le associazioni ambientaliste e di protezione civile.

Tutti insieme si raggiungerà, infine, alle 19.30 il MUSTRUMU - Museo dello strumento musicale dove si concluderà l’ecotour con l’inaugurazione della mostra fotografica “CON LE GAMBE E CON IL CUORE” di Osvaldo Pieroni, fotografo, sociologo e grande ambientalista recentemente scomparso, che sarà visitabile fino a Domenica 27 Aprile.

Alle 20.30 l’iniziativa si concluderà con lo spettacolo di SpazioTeatro “Il Pifferaio di Hamelin”, scritto e interpretato da Gaetano Tramontana (ingresso gratuito).

Sarà Arghillà domani (Mercoledì 9 aprile 2014) a fare da “palcoscenico d'apertura” del programma della Corrireggio 2014, la popolare manifestazione organizzata da Legambiente, in collaborazione con molte associazioni reggine, che ha il suo clou nella corsa podistica per tutti del 25 aprile, come sempre preceduta però da una serie di eventi sui temi ambientali e della qualità urbana.

Nell'edizione dedicata al volontariato, proprio il quartiere di Arghillà è stato scelto da Legambiente in quanto prototipo di tanti territori della futura città metropolitana oggi caratterizzati dal degrado e dalla conflittualità sociale, ma su cui è necessario scommettere a partire da una rilettura nuova capace di individuarne potenzialità e positività da mettere al centro di un progetto di radicale cambiamento.

L'incontro che è organizzato in collaborazione con il Comitato di Quartiere, la Parrocchia, le Associazioni ha il titolo significativo “Come ti Vorrei: Arghillà da ghetto ad ecoquartiere”.

Ad introdurre l'incontro sarà il parroco, don Francesco Megale, mentre l'introduzione alla discussione sarà affidata a Nicoletta Palladino, presidente del Circolo Legambiente di Reggio Calabria. Seguiranno gli interventi di Giuseppe Fera, docente dell’Università Mediterranea, Carmelo Idone, referente del Comitato di quartiere, Francesco Morabito, coordinatore del Laboratorio di Quartiere, e Katia Colica, autrice di un libro-inchiesta su Arghillà. Concluderà l’incontro Nuccio Barillà, della Segreteria Nazionale di Legambiente.

 

L'inizio dell'incontro è fissato per le ore 18 nella Sala della Chiesa Parrocchiale di Arghillà.

 

Si apre con la ormai consueta raccolta dell'olio vegetale esausto il programma della 32ª edizione della Corrireggio, programma che coprirà l'intero mese di aprile e che sarà ufficialmente presentato nei prossimi giorni.

“La scelta della raccolta dell’olio vegetale esausto come anteprima della Corrireggio – dichiara Nicoletta Palladino, presidente del circolo cittadino - vuole sottolineare l’importanza delle buone pratiche, che ciascuno di noi può mettere in atto, quale segno importante per dimostrare amore per l’ambiente in cui viviamo e contribuire al miglioramento della città e della qualità urbana”.

La raccolta, realizzata dalla Cooperativa Sociale "Felici da Matti" con il supporto di Legambiente, proprio in occasione della Corrireggio, aggiunge un’importante novità: l'avvio di un secondo punto di conferimento presso il centro commerciale Auchan di Via De Nava (Ponte della Libertà) dove sarà possibile consegnare gli oli esausti nel pomeriggio di sabato 5 aprile dalle ore 14.30 alle 17.00. Il conferimento presso il Maxi Brico, invece, come di consueto potrà essere effettuato sempre sabato 5 aprile dalle ore 10.00 alle ore 14.00.

In entrambe le postazioni, inoltre, sarà presente un punto informativo sia sulla raccolta degli oli e grassi vegetali che, presso il Maxi Brico, anche sulla mobilitazione nazionale #ItaliaNOogm.

Come nei mesi precedenti, ai cittadini che conferiranno l'olio esausto verrà data in cambio un saponetta di "Bergolio", il sapone Marsiglia aromatizzato con l'essenza di Bergamotto prodotto a cura della Cooperativa Felici da Matti con parte dell'olio raccolto. “Il progetto – conferma Paolo Guarnaccia della Coop. Sociale di Rocella Jonica - ha finora conseguito un riscontro crescente, così come dimostra il "contatore" visionabile sul nostro sito che riporta i dati, Comune per Comune, delle quantità conferite nei diversi mesi. Sullo stesso sito, inoltre, è possibile iscriversi alla news-letter così da essere sempre informati sulle date e i luoghi di raccolta”.

Il progetto di raccolta, avviato a Reggio Calabria il 5 dicembre 2013, è rivolto ai privati cittadini ed è totalmente gratuito. E' possibile avviare a riciclo l’olio fritto, l’olio contenuto nelle scatolette di tonno, di sott’oli e altro, olio non fritto ma non più utilizzabile perché vecchio o sedimentato sul fondo della bottiglia, ecc. ed anche i grassi animali esausti (ad es. lo strutto). L'olio può essere raccolto in un qualsiasi tipo di contenitore (bottiglia o bidone) in latta, plastica o vetro purché ben chiuso e pulito da ogni residuo che conteneva. Se possibile è preferibile separare l'olio di oliva dagli altri oli.

L'obiettivo della raccolta è quello di evitare la dispersione dell'olio esausto nell'ambiente, recuperando un'antica tradizione dei nostri nonni, quella della saponificazione, e avviando a riciclo l'olio rimanente, dal quale si ricavano, oltre la glicerina, lubrificanti vegetali per macchine agricole, estere metilico per il biodiesel, combustibile per recupero energetico e lubrificanti eco-friendly per le automobili. Questo rifiuto, infatti, ha un alto potere inquinante se disperso nell’ambiente, danneggia gli impianti di depurazione se sversato negli scarichi, ma è anche una importante risorsa se recuperato.

 

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses