26082019Lun
Aggiornato ilSab, 24 Ago 2019 9am

Finale play off Siderno Nuova Rosarnese, cronaca e pagelle

Pubblicato in ROSARNO SPORT
18 Maggio 2015
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font

SIDERNO – NUOVA ROSARNESE 0-0 (dts)

SIDERNO:  Caruso 6.5, Giorgione 6, Lucà T. 6, Costa 6.5, Rodà 6.5, Carabetta 6.5, Fuda 6, Nucera 6, Valente 6.5 (2’sts Pizzata sv), Serra 6 (15’sts Lucà D. sv), Rumbo 6.5 (38’st Barranca 6).

In panchina: Commisso, Stalteri, Ferraro, Bruzzese. Allenatore: Costa.

NUOVA ROSARNESE: Sgrò 7, Catalano 7, Cutrì 7, Ferraro 6.5, Stillitano 6, Oppedisano 6.5, Zungri F. 6 (44’st Carrozza 6), Sibio 6 (36’st Mazzitelli 6), Papalia 6 (8’sts Macrì sv), Romano 7, Zappia 6.

In panchina: Giovinazzo, Mercuri, Zungri G., Matalone. Allenatore: Cotroneo - Paolillo.

ARBITRO: Massaria di Vibo Valentia 6. Assistenti : De Bartolo e Marafioti di Cosenza 6.

MARCATORI: -

NOTE: Espulso al 5’sts Zungri G. per proteste. Ammoniti Caruso, Giorgione, Costa, Carabetta, Valente, Serra (S), Stillitano, Sibio e Papalia (NR). Spettatori 600 circa. Angoli 2-2. Recupero 2’ e 4’, 5’ e 1’ tempi supplementari.

In una gara dove ci si giocava un intera stagione, Siderno e Nuova Rosarnese non vanno oltre lo 0-0, che premia i biancoazzurri essendo la squadra che ha raggiunto il miglior piazzamento in classifica nel corso della stagione. Ma per quello che si è visto in campo e per la voglia di vincere che ha dimostrato nell’arco dei 120’ è stata la Nuova Rosarnese che sotto porta si è rivelata più pericolosa rispetto ai padroni di casa, ma si sa nel calcio tutto è possibile e se ci si aggiunge anche la sfortuna non c’è via d’uscita. Riassumendo la gara nella prima frazione è stato creato ben poco dalle due squadre dove ha prevalso il contatto fisico in mezzo al campo, dove solo due occasioni sono degne di nota, prima la Nuova Rosarnese al 12’ con Romano, che serve con un lancio col contagiri Zappia che aggancia ma calcia di pochi centimetri fuori dalla porta e poi si fa avanti il Siderno al 20’ con Rumbo che tutto solo si invola verso la porta amaranto e dal limite a colpo sicuro calcia di potenza ma ci mette una pezza Sgrò che la respinge con i pugni e successivamente Ferraro la spazza lontano dall’area di rigore. Ripresa più accesa dove i pericoli risultano essere dietro l’angolo ed a premere sull’acceleratore è il Siderno che nei primi 20 minuti di gara ha a favore 4 occasioni utili per andare in vantaggio, dove solo la prima risulta essere quella pericolosa ed esattamente al 54’ dove in occasione di un calcio d’angolo Rodà aggancia il pallone e spara un siluro che Sgrò respinge col piede destro salvando il risultato mantenendo lo 0-0 iniziale, ma le altre tre occasioni due di Fuda e una di Valente si disperdono sul fondo. Dopo il 25’ si rifà viva la nuova Rosarnese che in un contropiede veloce Romano serve Papalia, che si fa anticipare da Caruso, cosi da risultare l’ultima azione pericolosa nei 90’ di gioco. Viste le condizioni in cui si è incanalata la partita, mister Cotroneo decide di mettere forze fresche in vista dei tempi supplementari inserendo Mazzitelli e Carrozza al posto di Sibio e Zungri, alla quale il Siderno risponde ai cambi con Piazzata e Barranca. Inizia il primo tempo supplementare dove si è giocato pochissimo con i padroni di casa che tra perdite di tempo per falli subiti e palloni persi ovunque l’unica azione è quella di Romano che al 4’ di recupero su punizione da 20-25 metri sfiora il palo. Negli ultimi 15 minuti di gara la Nuova Rosarnese tenta il tour de force, visto che il Siderno ormai non ha nulla da perdere, solo il tempo, nei 5 minuti finali gli amaranto sfiorano il gol per ben due volte prima al 11’ con Oppedisano che riceve un ottimo lancio da Romano su palla inattiva, ma il centrocampista amaranto stacca sul portiere. Ma la più clamorosa di tutte è a 30 secondi dalla fine dove sempre sugli sviluppi di un calcio di punizione Romano effettua una sciabolata disperata in area che viene spizzicata da Oppedisano finendo sui piedi di Ferraro che a due metri dalla porta colpisce la traversa e sulla respinta un attaccante amaranto prova ad appoggiarla in rete ma il portiere la respinge, salvando il pareggio e chiudere il discorso playoff. Al termine della gara i due mister hanno espresso il loro parere sulla partita, dove mister Costa rammenta: “Nonostante abbiamo vissuto una stagione tra alti e bassi soprattutto inizialmente dove ci ritrovavamo ultimi in classifica, e nella parte finale dove abbiamo perso molti punti per strada, sono soddisfatto del lavoro fatto dai miei ragazzi, che senza dubbio hanno fatto una partita perfetta contro la Nuova Rosarnese riuscendo a passare il turno. Ora ci giocheremo lo spareggio contro il Parenti a viso aperto sperando di vincere per noi e per i tifosi che meritano il ritorno in Promozione”. Ha speso due parole anche mister Cotroneo dicendo: “ Sono orgoglioso di aver allenato questa squadra, dove ho vissuto dei bei momenti anche se tra qualche situazione spiacevole per la squadra, mi dispiace moltissimo e sono molto rammaricato per come è finita questa avventura perché oggi abbiamo dimostrato di essere una squadra che meritava senza alcun dubbio di approdare in Promozione, ma soprattutto di non essere inferiori a nessuno. Ringrazio tutte le persone che mi sono state vicino dal Presidente Iannaci, al direttore Macrì, a tutti i dirigenti ai calciatori ed ai tifosi che mi hanno fatto passare dei bellissimi insieme vincendo e soffrendo insieme”.

Francesco Tripodi

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses