18112017Sab
Aggiornato ilSab, 18 Nov 2017 1pm

Il Tribunale di Palmi in composizione collegiale, presieduto dal Dott. Gianfranco Grillone (Dott. Maione e Dott.ssa Monforte a latere), ha assolto Pasquale Papasergio, difeso dall’Avv. Francesco Nizzari.

Il sig. Papasergio, ritenuto dagli inquirenti intraneo alla cosca di ‘ndrangheta della famiglia Gallico, era stato tratto in arresto il 16 giugno 2016 con l’accusa di estorsione e spaccio di droga aggravati dal metodo mafioso ai danni di una persona diversamente abile, quale coautore morale in concorso con altra persona.

In esito al dibattimento, il Tribunale ha accolto la tesi difensiva volta a dimostrare che il Papasergio, all’oscuro delle finalità perseguite dal proprio presunto concorrente, si fosse limitato a fornire al proprio interlocutore alcune indicazioni su come comportarsi nella sua veste di creditore per aver fornito uno stock di magliette alla persona offesa.

Nessun elemento, dunque, per ritenere la sussistenza di alcuna attività illecita in capo al Papasergio né in relazione alla presunta attività estorsiva e di spaccio, né avuto riguardo alla vicinanza da parte dell’imputato ad ambienti criminali di tipo mafioso.

La Corte ha disposto l’immediata liberazione dell’imputato, che si trovava agli arresti domiciliari, dopo un lungo periodo di reclusione in carcere.

Anas comunica che, a causa di un incidente tra più veicoli avvenuto in corrispondenza del km 404,000 della A2 “Autostrada del Mediterraneo” il traffico è attualmente rallentato in direzione nord e si registrano Code. Nel sinistro alcune persone sono rimaste ferite.

Per il traffico leggero è attualmente consigliata l’uscita allo svincolo di Bagnara dove, attraverso viabilità locale, è possibile riprendere l’autostrada dallo svincolo di Palmi.

Sulla zona si è abbattuta una forte ed improvvisa grandinata.

Sul posto è presente personale Anas, del 118 e delle Forze dell’Ordine.

E’ calato il sipario sulla rassegna musicale nazionale dedicata ai musicisti in erba. Il concorso di esecuzione musicale per Flauto e Musica d’insieme “Francesco Cilea” ha decretato il vincitore assoluto della quarantesima edizione. Anche quest’anno la manifestazione si è svolta all’Auditorium della Casa della Cultura “Leonida Repaci”, a Palmi. A salire sul podio è stato il duo formato dai talentuosi Jacopo Taddei (sax) e Luigi Nicolardi (pianoforte) che hanno concorso nella sezione Musica d’insieme e ai quali andrà un premio in  denaro di duemila euro (i finalisti sono stati accompagnati dal vivo dall’Orchestra “Grecìa”).

 Un grande evento culturale, organizzato dall’associazione “Amici della Musica Nicola Antonio Manfroce”, tra i più ambiti della Penisola,  che ha confermato, ancora una volta, Palmi città-regina della cultura e della musica e che ha premiato oltre al talento, anche il merito dei giovani musicisti italiani  che vi hanno partecipato.

 Un solo primo posto e un unico vincitore: questo è stato il verdetto finale dei giurati che hanno rispettato la verità del concorso preferendo ai soliti “premi di consolazione”  un unico concorrente da premiare.

Nessun secondo classificato, dunque, per la  giuria presieduta da Alessandro Solbiati e composta da musicisti internazionali alcuni dei quali hanno cominciato la carriera proprio da questa prestigiosa manifestazione: Federico Mondelci, Roberto Galletto, Davide Formisano, Francesco Loi, Antonio Amenduni, Giuseppe Albanese.

 Al vincitore saranno offerti una proposta di contratto di un anno con l’Agenzia NORMAN MUSIC, a Roma; tre concerti nella Capitale e due offerti da Amici della Musica; un concerto (con registrazione dal vivo) nella Sagrestia del Borromini, Chiesa di Sant’Agnese in Agone – Piazza Navona – Roma; infine, la stampa di 400 dischi.

Il “Cilea” è, insomma, un passaggio necessario per chi intenda far carriera. Il concorso è strettamente legato al presidente di “Amici della Musica” Antonio Gargano, da sempre impegnato in preziose manifestazioni artistiche e musicali. La serata si è conclusa con il suggestivo tributo a Mina del “Roman Jazz Quintet”.

 

Nella giornata di ieri 11 ottobre 2016, in Palmi (RC), i Carabinieri del N.O.R.M. della Compagnia hanno tratto in arresto, in esecuzione ordinanza di applicazione di misura cautelare personale emessa in data 10 ott 16 dal Tribunale di Palmi – ufficio G.I.P. sottoindicati:

-        C. F. di anni 28, da Palmi, disoccupato, incensurato, ritenuto responsabile di produzione, coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente;

-        ORTUSO Giuseppe Gaetano di anni 29. da Palmi (RC), già noto alle FF.PP., ritenuto responsabile del reato di detenzione continuata ai fini di spaccio di sostanza stupefacente;

Il provvedimento restrittivo recepisce integralmente le risultanze investigative emerse ambito attività di indagine, cordinata dal Comandante della Compagnia Capitano Antonino Spinnato.

Gli arrestati, così per come disposto dall’A.G. venivano sottoposti al regime degli arresti domiciliari presso le proprie abitazioni.

Un rocambolesco incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi intorno alle ore 15.00 a Palmi nella centralissima via Roma proprio di fronte al Tribunale Civile. Una Fiat Idea, per cause ancora in fase di accertamento è andata ad impattare con un'auto parcheggiata ai bordi della strada per poi capovolgersi e terminare la sua corsa. Fortunatamente non si sono registrati feriti. Sul luogo dell’incidente sono i giunti i carabinieri per i rilievi.

Il 26 agosto 2016, i Carabinieri della Compagnia i Palmi, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Palmi su conforme richiesta di quella Procura della Repubblica che ha pienamente concordato con le risultanze investigative, hanno tratto in arresto:

–        ORTUSO Giuseppe Gaetano, 29enne da Palmi;

–        ORTUSO Andrea, 27enne da Palmi;

–        ROMEO Francesco, 35enne da Palmi;

–        MESSINA Libero, 31enne da Palmi;

già noti alle FF.OO., ritenuti responsabili dei reati di produzione di sostanze stupefacenti.

Nello specifico, nel corso di mirati servizi finalizzati alla repressione della coltivazione illecita di sostanza stupefacente, gli operanti avevano individuato, lo scorso luglio, in un’area boschiva di Palmi, una piantagione di “cannabis indica” estesa per circa 90 mq. e composta da oltre trecento piante, nonché un sistema di irrigazione perfettamente efficiente. Immediate attività di indagine hanno consentito, in tempi brevi, di pervenire all’identificazione dei responsabili della coltivazione dello stupefacente e, contestualmente, ad impedire che lo stesso potesse essere immesso nel locale mercato della droga.

Contestualmente all’esecuzione dei provvedimenti, nel corso di perquisizione domiciliare effettuata presso l’abitazione di uno degli arrestati, i militari hanno, altresì, rinvenuto:

-         gr. 950 di “marijuana”;

-         gr. 20 di “cocaina”;

-         un bilancino elettronico di precisione unitamente a materiale vario per il taglio e il confezionamento dello stupefacente;

-         euro 5.500,00 in contanti, suddivisi in banconote di piccolo taglio, verosimile provento dell’attività di spaccio.

Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari.

L’operazione portata a termine dai Carabinieri della Compagnia di Palmi testimonia ancora una volta la costante presenza sul territorio dell’Arma.

Nota stampa del Comando provinciale dei Carabinieri di Reggio Calabria

01.07.2016, in Palmi (RC), i Carabinieri del locale Nucleo Operativo e Aliquota Radiomobile hanno tratto in arresto RADEV Todor Nedyalkov, bulgaro di anni 24, da Seminara (RC), in atto sottoposto agli arresti domiciliari, per il reato di evasione poiché veniva sorpreso dai militari operanti mentre si allontanava illecitamente dal luogo di detenzione.

  01 luglio 2016, in San Ferdinando (RC), i Carabinieri della locale Stazione unitamente a personale dell’Aliquota Radiomobile e della Capitaneria di Porto hanno tratto in arresto GRASSO Giovanni, di anni 24 da Rosarno, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale poiché si opponeva, con fare violento e minaccioso, all’identificazione da parte dei militari operanti, che riuscivano a generalizzarlo solo dopo plurimi tentativi.

  01 luglio 2016, in Rosarno (RC), i Carabinieri della locale Tenenza hanno tratto in arresto CANANZI Domenico, di anni 68 da Rosarno, in atto sottoposto agli arresti domiciliari, per il reato di evasione poiché veniva sorpreso dei militari operanti mentre passeggiava sulla pubblica via, in palese violazione delle prescrizioni imposte.

Con Delibera di Giunta n° 58/2016, la Provincia di Reggio Calabria ha erogato il contributo previsto dal Piano per il diritto allo studio ai Comuni che ne hanno fatto richiesta nell’ambito del servizio trasporto.

La Provincia, in particolare, ha dato seguito alla delibera di Giunta Comunale n° 40 dello scorso 27 gennaio, erogando un contributo di 90.000 euro, per l’acquisto di due nuovi scuolabus.

Si tratta di un risultato importante che completa il rinnovo del parco scuolabus in uso al Comune di Palmi iniziato nel 2013 con l’acquisto di un primo veicolo.

Occorre ricordare che, del resto, prima del 2012, risultavano acquisiti al patrimonio del Comune tre scuolabus risalenti al 1998, al 2003 ed al 2007 e, quantomeno in parte, obsoleti.

Non può che esprimersi, dunque, piena soddisfazione e sensi di gratitudine nei confronti del Presidente Giuseppe Raffa e dell’Organo di Governo provinciale, anche in questo caso pronto ad intercettare le istanze della Città.

La battaglia per il diritto allo studio è una priorità irrinunciabile e la piena attuazione del piano richiedeva, soprattutto per quanto attiene al servizio di trasporto degli studenti, uno sforzo programmatico.

Ricordiamo ancora le preoccupazioni delle famiglie palmesi, in particolare dei residenti fuori dal centro storico, espresse con forza nel settembre del 2011 rispetto ad un problema che, se tralasciato, può porre evidenti limiti allo sviluppo culturale uniforme della Città.

Quello sforzo, che ha dato il primo risultato ormai quasi tre anni fa, si concretizza definitivamente oggi.

Dott. Giovanni Barone

Avv. Giuseppe Saletta

Avv. Antonio Papalia

Lotta all’evasione fiscale a 360 gradi nella Piana da parte degli uomini della Guardia di Finanza, le Fiamme Gialle, infatti hanno portato a termine un’accurata e complessa attività di Polizia economico-finanziaria, nei confronti di una società cooperativa, operante su tutto il territorio nazionale.

Gli inquirenti hanno infatti scoperto l’omessa presentazione di alcune dichiarazioni fiscali e l’occultamento di scritture e registri contabili obbligatori.

In particolare, l’attività ispettiva, svolta dalle Fiamme Gialle della Compagnia della Guardia di Finanza di Palmi, ha consentito di ricostruire l’effettivo volume d’affari conseguito, accertando un imponibile, nascosto al Fisco, di circa 9.300.000,00. Inoltre, sono stati segnalati all’A.G. nr. 2 soggetti, in quanto rappresentanti legali della società, per violazioni al D. Lgs 74/2000, con riferimento alla mancata presentazione delle prescritte dichiarazioni ed occultamento/distruzione delle scritture contabili.

Rosa Landi, 59 anni, originaria di Palmi, è stata uccisa dal marito, Ciro Vitiello, incensurato, con 5 colpi di pistola alla schiena, nella loro casa a Genova. L'uomo l'avrebbe sorpresa mentre confidava al figlio al telefono di voler andare da un avvocato per separarsi. Dopo l'omicidio, ha poi chiamato la polizia confessando.Vitiello deteneva regolarmente 5 pistole.

I Più Letti della Settimana

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses