Affiliati clan con reddito di cittadinanza- sequestro beni

849

Incassavano il reddito di cittadinanza, ma non possedevano i requisiti di legge perché sottoposti a misure cautelari personali per reati come associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, rapina, violazione di norme in materia di armi, sostanze stupefacenti ed atti persecutori.

A 23 soggetti, tutti residenti in provincia di Vibo Valentia, è stato notificato un decreto di sequestro preventivo di beni, emesso dal gip del Tribunale di Vibo Valentia su richiesta della locale Procura, per un totale di 80.672 euro.

L’indagine ha evidenziato come i 23 destinatari abbiano indebitamente riscosso l’aiuto statale rendendo false dichiarazioni all’atto della richiesta o omettendo di comunicare informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca entro i termini previsti, durante l’erogazione del beneficio.

In particolare i beneficiari, all’atto di presentazione della domanda o durante l’erogazione, avevano omesso di comunicare all’Inps di essere sottoposti a misura cautelare personale, anche a seguito di convalida dell’arresto o del fermo.

Articolo precedente Incidente su ss 106, scontro auto tir, muore donna
Articolo successivoInvestire con successo, i consigli pratici