Brogli comunali a Reggio Calabria: chiesto processo per Castorina

39

L’udienza preliminare sui presunti brogli alle elezioni per il rinnovo del Consiglio comunale di Reggio Calabria del settembre 2020, inizierà il sei dicembre.
A deciderlo, il gup Vincenzo Quaranta che ha fissato l’udienza dopo  la richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, il sostituto Stefano Musolino, coordinatore del gruppo, e i pm Paolo Petrolo e Nunzio De Salvo, di rinvio a giudizio per i 36 imputati.

Tra questi c’è l’ex capogruppo del Pd Antonino Castorina. Per l’accusa, alle comunali avrebbero votato un centinaio di anziani che in realtà non si sono mai recati al seggio.

In alcuni casi si trattava di persone addirittura decedute. I brogli sarebbero stati messi in atto grazie ai duplicati delle tessere elettorali ritirati negli uffici comunali da Castorina e dal suo entourage.

L’ex capogruppo del Pd è accusato di essere stato “promotore, organizzatore e capo indiscusso” di un’associazione per delinquere finalizzata a “commettere più delitti in materia elettorale” finalizzati ad ottenere l’elezione in consiglio dello stesso Castorina.

Quest’ultimo, stando all’accusa, avrebbe mantenuto “i rapporti con gli altri accoliti”, ai quali avrebbe dato “personalmente direttive in ordine al modus operandi da porre in essere per la materiale contraffazione dei registri e delle schede elettorali”. A Castorina vengono contestati vari episodi di corruzione. Per la Procura, infatti, ci sarebbero stati almeno tre “accordi corruttivi” tra presidenti di seggio, anche loro imputati. Dalle intercettazioni è emerso, tra l’altro, che, in cambio dell'”illecita contraffazione dei registri/liste elettorali e sezionali” e dell'”illecita compilazione delle schede elettorali”, ad un presidente di seggio era stato garantito un “incarico al Comune”.

La Procura aveva chiuso l’inchiesta lo scorso luglio quando ha notificato l’avviso agli indagati per i quali adesso è stato chiesto il processo. Oltre a vari presidenti di seggio e allo staff di Castorina, tra gli imputati c’è pure l’ex presidente del Consiglio comunale Demetrio Delfino, accusato, assieme al segretario dell’ufficio elettorale Antonio Covani, di abuso d’ufficio in relazione all’autonomina di Castorina a componente della commissione elettorale.

Articolo precedente Calabria: regione con più alto tasso di mortalità infantile
Articolo successivoPartivano da Sicilia per prendere migranti in Tunisia: 18 arresti