Calabria, prete positivo al covid fa bere fedeli dallo stesso calice

Ha fatto bere decine di fedeli dallo stesso calice durante un’eucarestia nonostante fosse positivo al Covid-19. Protagonista un sacerdote di Lungro (Cosenza), ora in quarantena.

Giuseppe Santoianni, sindaco della cittadina, ha firmato un’ordinanza urgente per chiudere e sanificare la cattedrale di San Nicola di Mira.

Il primo cittadino ha chiuso la cattedrale vista l’assoluta mancanza di osservanza delle regole anti Covid, in nome del rispetto della liturgia, che secondo il rituale bizantino prevede che tutti bevano dallo stesso calice durante l’eucarestia.

 

Inoltre nel momento dell’eucarestia molti fedeli hanno bevuto dallo stesso calice utilizzato dall’officiante, malgrado le disposizioni anti Covid vietino ogni promiscuità, come documentano le immagini del video circolato in rete. Nelle immagini si vedono i fedeli avvicinarsi al calice e utilizzarlo a loro volta.
Il sindaco, in attesa dell’esecuzione dei tamponi a cui dovranno sottoporsi i fedeli presenti alla funzione, ha per questo ritenuto opportuno disporre con una propria ordinanza la chiusura al pubblico della cattedrale San Nicola di Mira, principale chiesa della cittadina sede della Diocesi (Eparchia), fino alla conclusione delle operazioni di sanificazione.