Carcere di Paola: aggredito agente Polizia Penitenziaria

259

Avrebbero preteso, atteggiandosi con modi mafiosi, di far allontanare dalla loro sezione due detenuti di origine africana a loro non graditi. E, per questo, prima hanno aggredito anche con degli sputi i due e, successivamente, si sono scagliati contro un sovrintendente di Polizia penitenziaria che uno di loro ha anche preso a schiaffi.

L’episodio si è verificato lo scorso sabato nel carcere di Paola.

A segnalarlo, il segretario regionale del sindacato Sappe Calabria Damiano Bellucci.
“Non è purtroppo la prima volta, che nella struttura di Paola si verificano atti di aggressione nei confronti del personale di Polizia penitenziaria: urgono urgenti interventi, un congruo incremento di organico per fronteggiare la criminalità che persiste nell’istituto di pena nonostante la detenzione. Credo che la Polizia penitenziaria di Paola, che ha pure dimostrato grande professionalità e senso del dovere, non debba pagare le tensioni legate, sotto il profilo della sicurezza e dell’ordine interno, alle minacce ed alle proteste violente di alcuni ristretti violenti che evidentemente pensano di stare in un albergo e non in un carcere”.

Solidarietà è stata espressa agli agenti da Donato Capece, segretario generale del Sappe.

“Il nostro sindacato – afferma Capece – denuncia da tempo che le carceri sono diventate un colabrodo per le precise responsabilità di ha creduto che allargare a dismisura le maglie del trattamento a discapito della sicurezza interna ed in danno delle donne e degli uomini della Polizia penitenziaria. Sono decenni – prosegue – che chiediamo l’espulsione dei detenuti stranieri, un terzo degli attuali presenti in Italia, per fare scontare loro, nelle loro carceri, le pene come sollecitiamo anche di prevedere la riapertura degli Ospedali psichiatrici giudiziari dove mettere i detenuti con problemi psichiatrici, sempre più numerosi, oggi presenti nel circuito detentivo ordinari. Ma servono anche più tecnologia e più investimenti: la situazione resta allarmante, anche se gli uomini e le donne della Polizia penitenziaria garantiscono ordine e sicurezza pur a fronte di condizioni di lavoro particolarmente stressanti e gravose”

Articolo precedente Agli arresti domiciliari aveva allestito market droga: arrestato 28enne
Articolo successivoNaufragio migranti: proseguono le ricerche dei dispersi