Catturati fratelli latitanti messinesi, uno si suicida

Una brillante operazione dei carabinieri è finita in tragedia questa notte a Lentini (Siracusa).  Due fratelli messinesi, Calogero e Vincenzino Mignacca, latitanti dal 2008, sui quali pendeva una condanna definitiva all’ergastolo per i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidio ed estorsione, sono stati scovati in un casolare dai carabinieri di Siracusa e di Messina. Al momento dell’irruzione dei militari uno dei due fratelli, Vincenzino Mignacca ha impugnato una pistola e si è suicidato, il fratello Calogero anch’egli armato è stato prontamente bloccato dalle forze dell’ordine.
Il vicepremier e Ministro dell’Interno Angelino  Alfano, dalla propria pagina facebook ha così commentato “Mi sono complimentato con il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Leonardo Gallitelli, per l’intervento dei GIS che ha portato, a Lentini, all’individuazione di due latitanti inseriti nell’elenco dei più “pericolosi”. Si tratta di un altro grande successo della Squadra Stato che punta al controllo, in termini di sicurezza, del territorio, intensificando la lotta al crimine organizzato. Ma in questa occasione, se esprimo soddisfazione per l’arresto di uno dei due latitanti, provo profondo dispiacere per il gesto di disperazione compiuto dall’altro che, al momento dell’irruzione, si è tolto la vita“.