Cerimonia d’apertura degli impianti di risalita a Lorica

36

Nella giornata di sabato 10 dicembre,  è stato inaugurato il Presepe di ghiaccio a Botte Donato e sono stati riaperti gli impianti di risalita di Lorica, in una giornata favorita dal tempo mite che ha permesso di giungere fino al taglio del nastro senza pioggia.
In attesa della caduta abbondante della neve, i visitatori potranno visitare il paesaggio silano, quest’anno allietato da una maestosa opera di ghiaccio, il Presepe del maestro Luca Mazzotti, scultore campione
italiano e vicecampione del mondo, composto da statue alte circa un metro che l’artista continuerà a “curare” per tutto il tempo della permanenza a Lorica, fino al 15 gennaio.
Il Presepe, che ha ricevuto la benedizione del parroco di Lorica, frate Sergio Tropea, è un’opera composta da 11 statue di circa due metri, inserite all’interno di una cella refrigerata a vista, di ampiezza 3×9 metri, che consentirà di mantenerle inalterate per tutta la durata dell’esposizione.
Il Presepe di ghiaccio è stato collocato presso la stazione di monte, in località Monte Botte Donato, la cima più elevata dell’altopiano della Sila, situata a 1928 metri di altitudine nel comune di Casali del Manco (Cs).
Un evento straordinario curato e prodotto da Piano B che ha programmato anche altri eventi durante la permanenza a Lorica del Presepe.
L’amministratore Unico di Ferrovie della Calabria, Ing. Ernesto Ferraro, ha ringraziato tutti i dirigenti e i dipendenti dell’Azienda per
l’impegno profuso e ha dichiarato: “Ricominciamo oggi l’attività qui a Lorica, nonostante il tempo sia stato poco generoso nei nostri confronti, manca la neve ma la nebbia rende tutto ancora più suggestivo. Il Presepe è bellissimo, è uno spettacolo nello spettacolo, gli impianti di risalita sono ora attivi, aspettiamo la neve per poter sciare. Il Presepe di ghiaccio è una delle tante iniziative che saranno messe in campo per rendere più fruibile il rifugio, attività collaterali che però ci aiutano a valorizzare ancora di più le bellezze della Sila. Oggi il Presepe di ghiaccio” ha concluso l’Ing. Ferraro, “poi uno show cooking (“Alla scoperta dei dolci della Tradizione Natalizia Calabrese”, curata della Maccarony Chef Academy) per assaggiare i nostri prodotti tipici, prossimamente il trombettista di Ennio Morricone che accompagnerà il lavoro del maestro scultore”.
Alla manifestazione hanno preso parte numerose autorità, tra cui il vicepresidente del Consiglio regionale Pierluigi Caputo: ”è una bella giornata a prescindere dalla presenza della neve, che però attendiamo
per vivere al meglio il paesaggio. Inauguriamo il Presepe di ghiaccio,
una iniziativa tra tante utile a rilanciare la nostra amata Sila e lo facciamo in questo luogo suggestivo perché abbiamo la necessità di far riscoprire e di curare il nostro territorio”.
La neo assessore regionale ai Trasporti Emma Staine, intervenuta alla manifestazione, ha dichiarato: “Le temperature ancora troppo alte non
consentono l’apertura della stagione sciistica, ma gli impianti sono già
pronti ad accogliere i turisti. È nostra intenzione coniugare obiettivi e competenze, in modo che l’investimento turistico generi ricchezza per le comunità silane in una logica di sostenibilità ambientale e sociale.
C’è massima disponibilità all’ascolto, perché il coordinamento tra istituzioni, enti locali e operatori economici ci consentirà di individuare soluzioni strategiche in grado incrementare e migliorare lo sviluppo economico ed occupazionale dei nostri territori. L’obiettivo, conclude l’assessore, è far vivere la montagna tutto l’anno”.
Il programma previsto per l’ 11 dicembre, che prevedeva il concerto
“Omaggio ad Ennio Morricone” del la “tromba del cinema italiano”, Nello
Salza, il trombettista interprete delle più celebri colonne sonore del cinema internazionale e collaboratore del Maestro Premio Oscar Ennio Morricone, è stato spostato al prossimo 27 dicembre.
La manifestazione è una produzione di Piano B, sostenuta da Ferrovie della Calabria, con la collaborazione della Regione Calabria, della Provincia di Cosenza, dei Comuni di Casali del Manco e San Giovanni in
Fiore e del Parco Nazionale della Sila.

Articolo precedente demA Calabria su soldi spesi per Villaggio di ghiaccio a Milano: “Il cielo è sempre più su”
Articolo successivoScoperta struttura residenziale per anziani abusiva – tre persone denunciate