Fame nervosa, le regole per combatterla

Nella vita di tutti i giorni ci troviamo immersi in un vortice di emozioni diverse, non sempre tutte buone e positive anzi spesso dettate da ansia e stress. C’è chi nel momento in cui sente di aver raggiunto il limite esce di casa e si dedica a una passeggiata ristoratrice nel verde o lungo il mare, ma ci sono anche molte persone che invece scelgono di ripiegare sul cibo. Il termine che si utilizza per indicare un simile comportamento è quello di ‘fame nervosa’, altrimenti conosciuta come ‘emotional eating’. Cosa significa? Semplicemente che quando proviamo una sensazione negativa – e sentiamo di non essere in grado di gestirla al meglio – cediamo alla tentazione di sfogarla nel cibo. Il comportamento alimentare è il primo a risentire delle nostre emozioni, così accade spesso che non solo ansia e stress ma anche tristezza e stati depressivi possono condurre a un aumento dell’appetito e agire sulla voglia di lasciarsi andare a cibi-rifugio come cioccolata e dolci. Una sorta di ‘strategia’ difensiva, che distrae la mente dal problema e allontana il momento della sua risoluzione. Si ha la percezione che il gesto di mangiare sia utile a sconfiggere le difficoltà del momento e viene percepito dalla mente come un motivo utile per fare un break e concedersi una pausa. C’è chi lo sfrutta per scaricare rabbia e tensione – spesso ci si mette proprio ai fornelli, per astrarsi completamente – e chi invece sente il bisogno di saziare una voglia inconscia di dolce, che fa solo male alla linea.

Gli integratori sono utili per non cadere in tentazione
Bisogna partire dal presupposto che le situazioni stressanti nella vita capiteranno sempre, per cui trovare un’alternativa virtuosa alla fame nervosa è essenziale per stare bene con il proprio corpo. E’ possibile ricorrere a degli specifici integratori alimentari naturali, pensati proprio per andare a regolare la fame nervosa e l’appetito, evitando così di ‘cadere in tentazione’. Sono capaci di innescare un effetto saziante rapido, ecco perché integratori come questi vengono molto richiesti al giorno d’oggi. Una corretta attività fisica e un’alimentazione equilibrata rappresentano il contorno ideale per assumere simili prodotti, che agiscono sullo stomaco creando un composto dal piacevole gusto in grado di ridurre velocemente la sensazione di fame. Sarà utile imparare a distinguere la fame biologica (il semplice appetito) da quella nervosa e per farlo potreste iniziare ad annotare quali sensazioni ed emozioni anticipano il bisogno di cibo e la comparsa dell’emotional eating. Si tratta di un trucco utile per andare alla scoperta di sé e della propria emotività, in modo da riuscire da astrarsi dalla specifica sensazione e imparare a dominarla. Perdere il controllo, infatti, è sempre sbagliato in qualsiasi situazione della vita. E in particolare quando si tratta di abitudini alimentari sapersi regolare diventa essenziale, anche ricorrendo agli integratori, visto che il benessere e la salute personale passano anche da una corretta dieta, priva di eccessi e sregolatezze. Ritagliatevi lo spazio necessario a una breve passeggiata tutti i giorni, anche in questo modo riuscirete a scaricare lo stress che non resterà tra le mura di casa.