Gioia Tauro, Bellofiore conferma le dimissioni

15

Dopo un tira e molla durato venti giorni, Renato Bellofiore ha gettato la spugna, confermando, o meglio non ritirando le dimissioni da primo cittadino di Gioia Tauro. Nonostante gli incontri con il segretario provinciale Seby Romeo e con quello regionale del PdErnesto Magorno, non è stata ricucito lo strappo con i consiglieri Cento e Savastano successivamente al mancato accoglimento di un emendamento dagli stessi presentati  da cui ha preso il via la crisi dell’amministrazione Bellofiore. Cento in particolare accusa l’ex sindaco di aver preferito “dimettersi pur di non aprire un naturale confronto all’interno del partito democratico” aggiungendo “che il bilancio comunale doveva essere oggetto di discussione all’interno del partito e mai ho affermato che non lo avrei votato. Considerato che non c’era nessuna scadenza imminente per l’approvazione del documento contabile, non si capisce per quale motivo il sindaco abbia deciso di non ritirare le dimissioni per riaprire la necessaria fase del confronto democratico”. Finisce così l’era Bellofiore a Gioia Tauro, esperienza iniziata in maniera trionfale e logorata lentamente dal suo interno.

Articolo precedente Cittanova, marocchino accoltella connazionale. Fermato in Liguria
Articolo successivoProvincia Rc. Cgil, Cisl e Uil: Il Prefetto si farà portavoce delle istanze sindacali