Guerra in Ucraina – attacco alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

220

Le forze militari russe hanno preso il controllo della centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhia, la più grande d’Europa, dopo una notte di angoscia per i possibili rischi derivanti dal bombardamento dello stabilimento, denunciato dal presidente Zelensky come un atto di “terrore nucleare”.

Il secondo round dei colloqui diretti fra Ucraina e Russia sulla frontiera con la Bielorussia si è chiuso con un nulla di fatto, tranne una intesa sull’apertura di corridoi umanitari per evacuare i civili dalle città, sotto il fuoco dei bombardamenti.

Le forze russe colpiscono la centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Secondo le autorità ucraine stamane “il personale operativo sta monitorando le condizioni delle unità di potenza” della centrale, dopo che è stato domato l’incendio scoppiato nella notte, senza che si siano registrate vittime o fughe radioattive.

L’attacco a Zaporizhzhia ha causato forte allarme nel mondo intero durante la notte: tanto Kiev come l’agenzia atomica dell’Onu (Aiea) e il presidente americano Joe Biden, hanno chiesto a Mosca di sospendere le operazioni militari intorno alla centrale. Il premier britannico Boris Johnson, ha detto di voler convocare d’urgenza il Consiglio di Sicurezza dell’Onu. (Ansa)

 

 

Articolo precedente Coldiretti Calabria: partita la campagna assicurativa fondamentale assicurare le produzioni contro i rischi dei cambiamenti climatici
Articolo successivoMalore durante allenamento – muore 15enne