L’Inter vince lo scudetto e il COVID sparisce – polemiche per assembramenti

78

Trentamila persone sono scese ieri per le strade di Milano per festeggiare la vittoria dello scudetto dell’Inter.

I punti di maggiore concentrazione sono stati largo Cairoli e piazza Duomo, dove in centinaia si sono arrampicati sulla statua centrale.

Le forze dell’ordine hanno impedito che la folla si fermasse sul sagrato della Cattedrale e in galleria Vittorio Emanuele, dove gli accessi sono stati chiusi anche grazie alla collaborazione della polizia locale. Poi alle 22 la Polizia con gli agenti in tenuta antisommossa e le camionette è intervenuta in Piazza Cairoli per disperdere la folla.

Tante polemiche però per quanto accaduto ieri, in cui ogni tipo di protezione individuale in periodo COVID, sembra essere venuta meno. E così mascherine sul collo, sul braccio, in testa, ovunque tranne che su naso e bocca. Distanziamento impossibile, baci abbracci e chi più ne ha più metta.

Tanti i commenti sui social: “I tifosi possono fare casino, i comuni mortali devono rispettare le regole anche per andare a mangiare una pizza?”.

Il Sindaco di Milano Sala, è stato criticato aspramente per la gestione di una situazione che, a detta di molti, “poteva essere prevista”. C’è qualcuno tra i commenti lasciati sotto l’ultimo post del primo cittadino che ne chiede le dimissioni. “È scandaloso che non sia riuscito a prevedere e arginare una cosa del genere. Si dimetta”, scrivono gli utenti.

 

Le forze dell’ordine sono intervenute solo per “preservare il sagrato e la Galleria, i cui accessi sono stati chiusi”, come ha spiegato la Questura, e per disperdere la folla in alcune occasioni, senza particolari interventi sul rispetto delle norme anti-Covid.

Articolo precedente Uccisa e fatta a pezzi – corpo trovato nel cassonetto. Il fidanzato impiccato
Articolo successivoNdrangheta : scambio elettorale politico mafioso, corruzione. Operazione Alibante: 17 arresti