Operazione “Svevia”: 46 persone arrestate

724

I finanzieri del comando provinciale di Catanzaro hanno dato esecuzione dalle prime ore di oggi, ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari, emesse dal GIP presso il Tribunale di Catanzaro, nei confronti di 49 indagati. Le persone coinvolte sono accusate di associazione a delinquere finalizzate al traffico di sostanza stupefacente, e altri reati, a vario titolo loro rispettivamente contestati, in materia di armi, anche da guerra, e tentata estorsione.

Nel dettaglio, 40 persone indagate sono destinatarie della misura cautelare in carcere, 6 indagati della misura degli arresti domiciliari e 3 indagati sono sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Le investigazioni, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia e delegate ai Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Lamezia Terme, traevano spunto dall’arresto in flagranza di reato, ad opera della stessa Guardia di Finanza, di uno degli indagati, all’epoca, trovato in possesso di mezzo chilogrammo di marijuana e due pistole con matricola abrasa.

L’ampia attività di indagine si sviluppava attraverso operazioni tecniche di tipo intercettivo, i cui risultati venivano corroborate dai relativi riscontri acquisiti mediante specifici servizi sul territorio, di controllo, dirette osservazioni,
perquisizioni e sequestri di sostanza stupefacente, arresti dei detentori e/o corrieri dello stupefacente.

Gli esiti degli articolati e complessi approfondimenti investigativi, accolti nella ordinanza cautelare, hanno consentito di delineare (nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa), la gravità indiziaria circa l’operatività di una associazione, armata, dedita al traffico di sostanza stupefacente, del tipo cocaina, eroina, hashish e marijuana, avente sede nel cuore del quartiere Capizzaglie di Lamezia Terme, con basi logistiche, per il deposito, la custodia, la manipolazione e l’occultamento, in Lamezia Terme, e fonti di approvvigionamento tanto lametine quanto della provincia di Reggio Calabria ( Rosarno e San Luca) nonché collocate fuori dal territorio calabrese, in particolare a Roma.

La gravità indiziaria acquista a livello cautelare ha riguardato la struttura gerarchica del sodalizio, con a capo uno degli indagati già condannato per la sua partecipazione all’associazione di tipo ‘ndranghetistico operante a Lamezia
Terme e riconducibile alla c.d. cosca GIAMPA’, nonché la disponibilità di numerose armi da fuoco, anche da guerra e ad alto potenziale.

A riscontro delle acquisizioni investigative, nel corso dell’attività di indagine, si è proceduto all’arresto in flagranza di reato di 4 soggetti, al sequestro di oltre 10 chilogrammi di sostanze stupefacenti tra cocaina, eroina, hashish e marijuana e al sequestro di 650 munizioni di vario calibro per armi da fuoco (anche da guerra). Il procedimento per le fattispecie di reato ipotizzate è attualmente nella fase delle indagini preliminari.

Articolo precedente Calabria – 33enne trovato morto in un casale abbandonato
Articolo successivoReggio Calabria – reddito di cittadinanza senza averne diritto: denunciati in 120