Orrore a Cosenza, gatto fatto a pezzi trovato in strada

Orrore a Cosenza, dove nella serata di ieri è stato rinvenuto su Viale Mancini un gatto fatto a pezzi accanto ad una scatola. La vicenda è stata denunciata sia presso chi di competenza, e in seguito anche pubblicamente, tramite infinite condivisioni sui social. Il post apparso sulla pagina Facebook Cosenza 2.0:

“Parcheggio su viale mancini per rientrare a casa e vedo una scatola. Mi avvicino, sembrava strana, accendo la torcia e vedo che dentro era PIENA DI SANGUE come se fosse zampillato proprio li dento, guardo meglio intorno e noto un laccio insanguinato,forse usato per chiudere la scatola..al lato di essa trovo un GATTO FATTO A PEZZI, tagliato e dilaniato. (I randagi passando devono aver finito l’opera togliendolo dalla scatola in cui era stato messo e squartato e lo hanno fatto a pezzi ancora più piccoli, mancava la testa, qualche zampa..non si capiva bene). Avverto le autorità alle ore 00.19 (perchè si tratta, conoscendo i fatti della zona in cui avviene il ritrovamento, di tortura) che ovviamente SI SONO DISINTERESSATE, ho registrato la chiamata per tutela e ho richiesto l’intervento per CONSTATARE ALMENO il fatto sicchè la tortura ad animali (COME MI DICEVA ANCHE L’OPERATORE DI TURNO DELLE FORZE DELL’ORDINE) è R E A T O !!! Ma non hanno voluto mandare la pattuglia. Appena ho detto “mi trovo a viale mancini” l’agente stesso ha detto “per caso davanti l’HOME CLUB RESIDENCE?” e io dico di si e lui “AH…ALLORA HO CAPITO!” dopo di che mi passa un altro agente il quale, quando io dico “pronto?” sicchè non parlava, mi dice testualmente, ed è registrato “Si…Peppì cchi tti serva? Chi ti fa male Peppì?” quindi ANCHE PRESO IN GIRO E TRATTATO CON POCHISSIMA PROFESSIONALITA’ ! e mi ha anche chiuso il telefono in faccia! Richiamo e tra una cosa e l’altra non si risolve niente ma ci tiene a ribadire, l’agente, “si ma ho capito, le ho detto io che sapevo anche la zona, ho capito..”
Purtroppo SI SA CHE IN QUESTA ZONA DI COSENZA c’è una persona nota a tutti o quasi
(E DICE CHE SONO I RAGAZZINI AD AMMAZZARE I GATTI DELLA ZONA MA NON é ASSOLUTAMENTE VERO!!!)”.

Il post apparso sulla pagina e riportato anche da testate giornalistiche, ha suscitato ovviamente l’indignazione dei Cosentini, e non solo. Molteplici infatti i messaggi di rabbia, e soprattutto di stupore, in quanto pensare che al giorno d’oggi esistano ancora persone che commettono atti di similie crudeltà, è davvero inacettabile e inconcepibile. Di seguito le immagini