Porto di Gioia Tauro, Idà incontra il Premier Conte e chiede un impegno concreto del Governo

(DIRE) Roma, 22 feb. – “Abbiamo chiesto al premier di occuparsene personalmente convocando ad un tavolo anche la delegazione dei sindaci affinché si impegni in una vicenda che interessa le nostre comunità e l’intera regione Calabria: i tagli annunciati di circa 500 dipendenti di Medcenter che potrebbero essere licenziati”. Giuseppe Ida’, sindaco di Rosarno e presidente dell’Assemblea dei sindaci della piana di Gioia Tauro, lo spiega all’Agenzia Dire dopo aver partecipato alla cerimonia nell’Aula della Camera ‘Lo Stato dei beni comuni’, con i sindaci e i presidenti dei Consigli comunali. 
  Prima di lasciare Montecitorio, Ida’ incrocia il premier Giuseppe Conte e il presidente della Camera Roberto Fico ai quali parla della questione.
   “Ho spiegato al presidente Conte e al presidente Fico- dice il primo cittadino di Rosarno – e hanno assicurato un loro impegno. Il nostro è un comprensorio che non può permettersi il lusso di vedere licenziamenti, specie di 500 giovani padri di famiglia nella maggior parte dei casi. La nostra, purtroppo, è una terra in cui c’è un fenomeno criminale tra i più potenti in Italia in Europa e proprio in quel contesto l’esigenza di lavoro è ancora più presente che in altre parti d’Italia. Conte mi ha assicurato un suo impegno diretto e nei prossimi giorni chiederemo questa convocazione al tavolo” interministeriale. (Mar/DIre)