Rosarno – La Burocrazia Comunale fa Perdere Giovani Studenti. Bambini di contrada Bosco penalizzati e senza autobus

914
Riceviamo e pubblichiamo:
“Lunedì 20 settembre è iniziato l’anno Scolastico ma non ci saranno i pulmini che porteranno i nostri Bambini a Scuola, questa è l’amara notizia che noi del Comitato Mamme del Bosco di Rosarno abbiamo appreso tra sgomento ed indignazione.

Siamo molto arrabbiate, scoraggiate e sfiduciate verso le Istituzioni locali in quanto il problema del trasporto dei Giovani Studenti dalla Contrada Bosco verso Rosarno centro, dove sono ospitate le classi della Scuola media e verso San Ferdinando dove ci sono le classi della Scuola Elementare, era stato posto già nei mesi passati ed ancora discusso durante un incontro tenutosi il 20 luglio presso il palazzo Comunale tra il Comitato Mamme rappresentato dal Dott. Teodoro De Maria e la Sub Commissaria Dott.ssa Maria Luisa Tripodi, la Dirigente Comunale Architetta Domenica Corigliano, la Dott.ssa Verducci ed il Dirigente Scolastico Eburnea.

Durante questo meeting è stato deciso che i Giovani Studenti di Contrada Bosco avrebbero svolto l’attività Didattica per l’anno scolastico 2021 smistati tra le nuove sedi Scolastiche di Rosarno centro n. 24 Studenti Scuola Media e quelli del Comune di San Ferdinando n. 60 Alunni Scuola Elementare e, che ovviamente il problema di natura logistica legato allo spostamento quotidiano presso Comuni adiacenti a quello di residenza sarebbe stato ovviato fornendo alle Famiglie come sempre fatto il servizio degli autobus Comunali con assistenza alla Persona.

Ad oggi però i mezzi che dovevano accompagnare i nostri Figli a Scuola sono ancora sprovvisti di revisione, tagliando e quindi inagibili per effettuare il trasporto dei Giovani Studenti, assurdo ma vero.

Ora ciò che indigna di più in questa brutta storia, e lo diciamo sia da Cittadine che da Mamme attive e rispettose delle regole è che ancora una volta ci ritroviamo a dover lottare, alzare la voce per chiedere qualcosa che i nostri Bambini dovrebbero avere garantito.

Vorremmo ricordare a chi di competenza che il Diritto all’Istruzione e dunque il facile accesso all’attività Scolastica, per un Bambino, non dovrebbe neppure essere messo in discussione.

Per non parlare del fatto che paradossalmente in questa situazione a vedersi maggiormente penalizzate sono quelle Famiglie con più Figli, frequentanti due o addirittura tre strutture Scolastiche diverse sparse sul Territorio della Piana.

Vi sembra normale che un Genitore debba prendere più macchine, ammesso che le abbia a disposizione per fare la staffetta tra diversi Paesi per accompagnare a Scuola i propri Figli? A noi no, tutto ciò è assurdo anzi informiamo le Autorità competenti che alcuni Genitori hanno dovuto ritirare i propri Bambini da Scuola Perché purtroppo non tutte le Famiglie possono organizzarsi.

Si dà per scontato ancora una volta che le Famiglie si adattino e compensino alle mancanze del Sistema Burocratico.

Noi Mamme stavolta non ci stiamo e visto che troviamo profondamente ingiusto che i nostri Figli vivano un trattamento di inferiorità semplicemente perché vivono in un quartiere meno centrale, siamo qui a chiedere che i nostri Diritti di Cittadini siano rispettati.

La Famiglia è la base della Società e la Società progredisce attraverso la Cultura e l’Istruzione; rendiamo per favore più semplice l’andare a Scuola ai Nostri Figli.”

 

 

Articolo precedente Calabria – bimba di 11anni precipitata da balcone: dichiarata morte cerebrale
Articolo successivoIncidente mortale a Gioia Tauro