San Ferdinando-Libro scritto in 48 ore: la sfida del 16enne Domenico Pio Rizzo

499

San Ferdinando-Libro scritto in 48 ore: la sfida del 16enne Domenico Pio Rizzo

Questa è la storia di un sedicenne calabrese che in poco tempo ha realizzato la sua seconda opera.

San Ferdinando- Domenico Pio Rizzo, sedicenne calabrese, ancora una volta, si è voluto cimentare in una nuova sfida e in questa circostanza, contro il tempo! Ha redatto e pubblicato il secondo libro dal titolo “Le squisite”, con al suo interno ricette culinarie e, non solo! È riuscito ad incastrare cenni storici, tra cui curiosità che riguardano personaggi come il grande Leonardo da Vinci, Giacomo Leopardi e Giuseppe Verdi e filastrocche in tema, da lui composte.

Il tutto parte con un annuncio su Twitter alle ore 13:20 del 14 aprile 2021 dove comunica l’inizio della stesura del nuovo libro da redigere e pubblicare in ore 48, ricoprendo anche la figura di editore.

Sfida completamente vinta in quanto, alle ore 02:09 del 16 aprile 2021, il libro era già online.

Il ragazzo, già impegnato alla redazione di altri scritti, di generi completamente diversi, si è voluto confrontare con la sfida titanica contro il tempo scrivendo, di sana pianta e scegliendo un argomento in cui era già efferato e avendo a disposizione un bagaglio notevole di conoscenze.

L’autore è convinto che, per un continuo stimolo della creatività, per ogni individuo nella vita in genere e, per ogni artista nello specifico, sia elemento imprescindibile mettersi continuamente alla prova con le proprie capacità per non atrofizzare l’inventiva.

A conferma, infatti, il sedicenne sta già lavorando ad una serie di nuovi progetti, tra i quali un documentario relativo alla fondazione del paese, dove vive sin dalla nascita, fino ai giorni nostri e ,uno speciale sull’anniversario della creazione del suo sito web, www.culturaebuonemaniere.it.

Articolo precedente In auto con quasi mezzo kg di cocaina -arrestato 34enne
Articolo successivoCoronavirus, Cartabellotta (pres. Gimbe): “Rischio ragionato? Se verrà inteso come liberi tutti la situazione a metà maggio peggiorerà. Se dovesse ripartire la curva rischiamo di giocarci la stagione estiva. Riaperture sul filo del rasoio”