Scilla – bracconiere sorpreso a cacciare con fucile artigianale

117

Nel corso di una servizio di controllo finalizzato alla repressione del bracconaggio, i carabinieri forestali di San Roberto nei giorni scorsi hanno sorpreso ed arrestato, in flagranza di reato, un bracconiere di 51 anni intento a cacciare in contrada Solano Superiore del comune di scilla, del tutto privo di licenza di caccia e di porto d’armi.

M.P, classe 1970, residente a Scilla e con numerosi precedenti penali, aveva predisposto un appostamento mimetico di fortuna all’interno di un uliveto di proprietà di terze persone, dall’interno del quale sparava all’avifauna locale, attirata utilizzando un richiamo elettroacusticoillegale riproducente il verso delle prede, in particolare ilTordo Bottaccio (Turdus philomelos ) ed il Merlo (Turdus merula).

Ma stavolta il richiamo acustico è risultato fatale per il bracconiere; ad essere attirati sono stati i Carabinieri Forestali di pattuglia nella zona, i quali hanno sorpreso il cinquantunenne all’interno del capanno, armato con un fucile artigianale calibro 36 del tutto privo dei necessari marchi identificativi, una cospicua scorta di munizioni dello stesso calibro e con n. 4 esemplari abbattuti tra merli e tordi. Il tutto senza alcuna licenza di caccia né del necessario porto di fucile, arma peraltro costruita assemblando pezzi di altri fucili, che è valsa al bracconiere anche l’accusa di ricettazione. Inevitabile quindi l’arresto e la traduzione in carcere, già convalidato dall’Autorità giudiziaria, nonché il sequestro di tutto il materiale rinvenuto.

Articolo precedente La statale 106 in Calabria tra le più pericolose d’Italia
Articolo successivoStrade interne della Calabria, Melicchio (M5S): in arrivo più di 17 milioni in Calabria