Smantellata rete di pedopornografia – tra gli arrestati medici e forze dell’ordine

737

Agenti della Polizia di Stato sotto copertura su Telegram, coordinati dalla Procura della Repubblica di Milano, hanno smantellato un’associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento ed abuso di minori online.

Più di 150 uomini della Polizia di Stato hanno eseguito perquisizioni e arresti in tutta Italia nell’ambito di una imponente operazione contro la pedopornografia online, che ha smantellato una vera e propria associazione a delinquere.

Una lunga e delicata attività di indagine sottocopertura online durata oltre un anno ha consentito agli investigatori del COSC della Polizia Postale di Milano, di dare un nome ai nicknameutilizzati dagli indagati per rimanere nell’anonimato della rete.

Si accertava che, sfruttando le potenzialità della piattaforma Telegram, partecipavano a “canali” e “gruppi” finalizzati alla produzione e alla condivisione di foto e video ritraenti violenzesessuali su minori, bambine e bambini in tenera età e, in alcunicasi, anche neonati.

Una rete di soggetti che – dalla ricostruzione degli investigatori della Postale all’interno di un gruppo Telegram creato ad hoc e regolato da severe regole volte a preservarne l’anonimato,aveva ruoli e compiti ben precisi: promotori, organizzatori, partecipi, una vera e propria associazione a delinquere finalizzata ad acquisire e diffondere materiale pedopornografico.

Sono 29 gli italiani identificati dal Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica della Postale meneghina, tra i quali due appartenenti alle forze armate in servizio nel Lazio e due medici che esercitano la professione in Emilia-Romagna e Veneto, di cui 10 arrestati nel corso delle attività per il possesso di ingente quantitativo di materiale pedopornografico, residenti nelle città di Milano, Imperia, Rovigo, Busto Arsizio (VA), Martinengo (BG), Taranto, Vicenza, Torre Annunziata (NA) e Parma.

Tra i soggetti su cui occorrerà procedere ad ulteriore vaglio investigativo per accertarne le responsabilità, tra i quali vi è un soggetto di Reggio Calabria, si annoverano persone di estrazione sociale ed età molto eterogenee, quali affermati professionisti, operai, studenti, pensionati, impiegati privati e pubblici e diversi disoccupati, con età anagrafiche che oscillano tra i 19 e i 69 anni.

Le perquisizioni personali, locali e sui sistemi informatici, decise da11a Procura Distrettuale di Milano, coordinate dal C.N.C.P.O. – Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale di Roma, hanno portato al sequestro di telefonini, tablet, hard disk, pendrive, computer e account di email e profili social. Durante le perquisizioni sono stati altresì rinvenuti gli account utilizzati per la richiesta del materiale pedopornografico e dell’ulterioremateriale illecito custodito sui supporti informatici sottoposti a sequestro.

La Procura della Repubblica di Milano e la Polizia Postale, con operatori altamente specializzati impegnati in un incessante monitoraggio della rete e in investigazioni delicate ecomplesse, si confermano anche con questo importanterisultato sempre in prima linea nel contrasto al fenomeno dello sfruttamento sessuale dei minori online.

Fondamentale è comunque ricordare a tutti gli utenti la possibilità di segnalare eventuali contenuti illeciti rinvenuti sul web rivolgendosi alla Polizia Postale, sia mediante il Commissariato di P.S. Online (www.commissariatodips.it) che attraverso la rete di Centri e Sezioni Operative per la Sicurezza Cibernetica su tutto il territorio nazionale.

Articolo precedente Bambino lasciato solo in classe, il Garante Marziale: “La scuola chiarisca perché i fatti denunciati sono gravissimi”
Articolo successivoReggio Calabria – tenta di rubare quad: arrestato 28enne