Taurianova: Il Sindaco Biasi e l’Assessore Monteleone gettano le basi per il rilancio dell’agricoltura della Piana

129

Intervenute le amministrazioni di: Candidoni, Seminara, Feroleto della Chiesa, Molochio, Giffone, Terranova S.M., Serrata, Maropati, Scido, Melicuccà.

Visto il momento di grande difficoltà e di incertezza che stanno attraversando gran parte delle imprese agricole e che sta percorrendo nello specifico tutta l’agricoltura, si è svolto ieri nella sala consiliare del Comune di Taurianova il primo incontro per l’avvio della rinascita dell’agricoltura calabrese con gli amministratori della Piana.

Su invito dell’Assessore all’Agricoltura Simona Monteleone e del Sindaco Rocco Biasi sono stati presenti Sindaci e amministratori della Piana, congiuntamente alla presenza del Dottore Alfredo Iatì, di fondamentale importanza per esporre dei progetti innovativi sul settore agrumicolo.

Diversi gli argomenti trattati: dalla questione delle gelate attuali e primaverili, alla volontà di far ripartire il settore agrumicolo-olivicolo della Piana, dando quindi priorità ad arance, clementine, limoni nonché all’olio di oliva, specialità della nostra terra.

Uno dei punti all’ordine del giorno e di fondamentale importanza è stata la volontà delle amministrazioni della Piana di voler coinvolgere i produttori-imprenditori per la costituzione di un Consorzio.

Successivamente alle diverse idee proposte, di comune accordo, si è deciso di fissare un ulteriore incontro per delineare le linee guida del progetto, avendo l’obiettivo comune di rilanciare un settore come l’agricoltura considerato l’industria del futuro.

L’attenzione è rivolta ai giovani agricoltori, al come far ritornare il comparto agricolo un obiettivo professionale, le nostre produzioni d’eccellenza devono rinascere, siamo di fronte ad un momento di svolta che deve unire, tutto un intero territorio.

Articolo precedente Caporalato: Operazione “Rasoterra”. Lo sfruttamento degli immigrati dell’Africa nella Piana di Gioia Tauro
Articolo successivoCinquefrondi: assegnate le prime case ad 1 euro