Tenta di uccidere vicino riempiendogli la casa di gas attraverso foro nel muro – arrestato

866

Un 63enne di Bianzé (Vercelli) è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio. Ha praticato un foro nel muro di un vicino di casa e ha tentato di ucciderlo immettendo nell’abitazione gas tramite un tubo collegato ad una bombola. Alla base del gesto, alcuni dissapori nati nel passato. È stato lo stesso proprietario di casa, rientrato dopo essere andato a fare la spesa, ad accorgersi del forte odore di gas provenire dalla sua abitazione; verificata l’assenza di un’eventuale fuga sia in cucina che nel vano caldaia, ha deciso di ispezionare anche l’esterno dell’abitazione, accorgendosi però che nel muro di cinta posteriore era presente una bombola di gas con un tubo in gomma inserito nella parete.
I vigili del fuoco, allarmati dalla vittima del tentato omicidio, sono arrivati sul posto insieme con i carabinieri del nucleo investigativo di Vercelli. I militari, dopo aver svolto le indagini, hanno arrestato il 63enne.

Articolo precedente Balli nel locale – disposta chiusura
Articolo successivoCasa svaligiata mentre si trova ad un matrimonio – arrestati due reggini