Villaggio Coldiretti, il grande successo a Cosenza

70

Franz Caruso e Franco Aceto “Una straordinaria collaborazione per un evento da record”.

Nonostante il maltempo che ha imperversato nei tre giorni di Villaggio Contadino Coldiretti, i numeri registrati nel grande evento di Coldiretti Calabria sono da record. Circa 300mila presenze rilevate,  andate bel oltre ogni più rosea aspettativa, oltre centocinquanta stand tra mercati degli agricoltori, un ricco programma con aree del gusto, street food, agriasili, animali della fattoria, orti, fattorie didattiche, agrichef, laboratori, nuove tecnologie e workshop, tutto in grande sicurezza, presso i quali è stato possibile degustare, apprendere, giocare e divertirsi al fianco di migliaia di agricoltori, nonostante il difficile momento legato al caro prezzi, parlano il linguaggio chiaro del successo e di un consenso eccezionale.

“Cosenza ha vissuto un momento di straordinaria valenza e promozione del proprio territorio, di cui ringrazio Coldiretti non solo perché ha scelto la nostra città, ma anche per la sinergia e la collaborazione istituzionale che ha saputo garantire – afferma il sindaco Franz Caruso – L’indotto economico è stato straordinario, se è vero com’è vero, che le strutture ricettive cosentine e dell’intero hinterland hanno fatto registrare il tutto esaurito e che anche i locali pubblici, tra bar e pub,  hanno raddoppiato ed in alcuni casi triplicato le presenze. Si è trattato di una boccata d’ossigeno importante, soprattutto a seguito della crisi pandemica e per il conflitto che si sta ancora combattendo nel cuore dell’Europa”.

«Siamo stati proscenio – ha concluso Franz Caruso –  di un appuntamento che finora aveva toccato soltanto città metropolitane e ne siamo stati all’altezza anche con la nostra organizzazione comunale che ha saputo affiancare con professionalità Coldiretti. Di ciò ovviamente ringrazio gli uffici comunali preposti e la Polizia Municipale. Dopo decenni le luci di Cosenza tornano ad accendersi nel segno della concretezza tornando ad essere punto di riferimento per l’intero territorio provinciale ed attrattiva in tutta la Calabria ed anche oltre.Abbiamo confermato e consolidato un rapporto proficuo con Coldiretti che in futuro porterà tanti altri benefici alla nostra comunità”.

“Per tre giorni abbiamo tenuto accesi i riflettori su una Calabria positiva– afferma Franco Aceto Presidente di Coldiretti Calabria – bella, dinamica, del fare. Abbiamo esaltato un territorio che fa dell’Agricoltura e dell’Agroalimentare il suo punto di forza, dove le produzioni e i prodotti crescono in qualità ogni giorno, attraverso il lavoro della aziende agricole e delle persone. Gli echi di questo straordinario evento dureranno a lungo, oserei dire che apparterranno alla storia della nostra Regione e di Cosenza. Il bilancio fatto di numeri, attività, intrattenimento, attrattività, progettualità, idee che abbiamo stilato a conclusione della grande festa di popolo e di informazione oltre che di condivisione con la collettività, non lascia spazio a dubbi. Penso di poter dire – conclude il leader di Coldiretti Calabria – che abbiamo innescato fiducia e stimoli per il futuro che ci aspetta e su quello che dobbiamo continuare a fare. A conferma dell’importanza dell’evento, abbiamo avuto la presenza di autorevoli rappresentanti Istituzionali, della magistratura, dell’economia, dello spettacolo, del giornalismo, della chiesa, della scuola che, insieme a Coldiretti, hanno detto no a modelli alimentari sbagliati e pericolosi come la diffusione del cibo sintetico”.

Il sindaco Franz Caruso ed il Presidente di Coldiretti Calabria, Franco Aceto ringraziano, per la grande condivisione e collaborazione il Prefetto di Cosenza, Vittoria Ciaramella, il Questore Michele Maria Spina, Il Comandante provinciale dei Carabinieri, Agatino Saverio Spoto, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Giuseppe Dell’Anna e tutti i rappresentanti delle le forze dell’ordine.

Articolo precedente Uomo destinatario mandato arresto europeo per violenza sessuale arrestato a Gioia Tauro
Articolo successivoOspedale Cariati, Straface: «Il “Cosentino” avrà le sue specificità, la Tac è il primo passo»