Coldiretti Calabria: calo dell’occupazione in agricoltura del 2,2%, ma occorre ripartire​

45

Il calo della produzione olivicola in Calabria dovuta anche al  caldo eccessivo e siccità estrema che ha costretto la pianta a sacrificare parte della sua produzione contribuisce a far crollare del 2,2% su un totale della regione di 5.273.218, le ore lavorate in agricoltura e questo si unisce alle difficoltà del settore che deve affrontare gli effetti del mix esplosivo tra aumento dei costi e cambiamenti climatici che hanno tagliato i raccolti.

É quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi al mercato del lavoro nel terzo quadrimestre del 2022 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno che invece evidenzia un aumento delle ore lavorate nel complessivo sistema economico (+2,7%). A rischio – commenta Coldiretti – ci sono le forniture alimentari anche per la difficoltà di reperire manodopera nelle campagne. Una situazione che va affrontata nella manovra di bilancio – precisa la Coldiretti – con le formule più adeguate che garantiscano maggiore semplificazione per le imprese e le necessarie tutele per i lavoratori agricoli attraverso il confronto con le Istituzioni e i sindacati. E’ necessario ripartire e quindi – conclude la Coldiretti – occorre anche emanare immediatamente il decreto flussi 2023 per l’ingresso regolare di almeno centomila lavoratori migranti stagionali necessari al settore agricolo già dai primi mesi del nuovo anno per garantire la manodopera nei campi, combattere il caporalato, potenziare la produzione di cibo dell’Italia e difendere la sovranità alimentare nazionale.

Articolo precedente Operazione Revolvo – arrestati un carabiniere e tre imprenditori
Articolo successivoFocus ‘ndrangheta: Servizio di controllo del territorio – arrestate due persone per furto di energia elettrica