Coronavirus Rosarno- aumento dei casi positivi. Chiuso palazzo comunale

Gli aggiornamenti del Sindaco di Rosarno, Giuseppe Idà, sulla situazione Coronavirus:

“Cari concittadini, oggi nella nostra Città sono stati registrati ulteriori 3 casi di positività al COVID-19.

Già ieri vi avevamo comunicato la positività di due Assessori, ai quali si aggiunge anche l’Assessore Calarco. Anche in questo caso, l’essere stato al servizio della comunità, ha avuto delle conseguenze per la salute, nonostante tutte le prescrizioni del caso siano state sempre osservate con rigore.

A partire da domani, in via del tutto cautelativa, il Palazzo Comunale sarà chiuso fino a Mercoledì 4 Novembre, rimanendo attivi solamente i servizi indifferibili (atti di nascita o morte, servizio manutenzione straordinaria), al fine di consentire una sanificazione straordinarie e di favorire una più dettagliata attività di monitoraggio e controllo.

Dopo aver effettuato le dovute valutazioni, abbiamo ritenuto indispensabile procedere anche con la sospensione del mercato rionale del sabato, a breve verrà pubblicata la relativa Ordinanza che ne definirà i termini e le condizioni.

In questa fase dell’emergenza, la priorità è quella di tutelare la salute di tutti noi, infatti, attraverso costanti interlocuzioni con il Presidente della Giunta Regionale e con tutte le Autorità territorialmente competenti, stiamo vagliando la possibilità di adottare ulteriori provvedimenti a carattere restrittivo, che ci consentiranno di limitare al minimo ogni occasione di assembramento, tant’è che sono state già avviate le procedure che porteranno alla chiusura di tutte le piazze della Città.

Noi abbiamo il dovere di rimanere su campo, ma a voi raccomandiamo vivamente di stare in casa il più possibile, evitate uscite indispensabili e limitate i contatti extrafamiliari non necessari.

Vi comunichiamo che verranno intensificati controlli e nei confronti di chi non rispetta le regole verranno erogate tutte le sanzioni possibili, non possiamo permetterci il lusso di sottovalutare una situazione che ci sta mettendo a dura prova e che rischia di aggravarsi ancora di più.”