Decapita moglie e cani poi tenta il suicidio, trovato senza un occhio e un braccio

Una tragedia che forse si sarebbe potuta evitare, quella accaduta a Phoenix in Arizona, dove un uomo 43enne, ha ucciso la moglie, decapitandola, i suoi due cani, ed ha tentato poi il suicidio, segandosi un braccio e cavandosi un occhio dalle orbite. L’uomo in passato era stato arrestato perché aveva già tentato di uccidere alcuni membri della sua famiglia. A scoprire quanto successo un vicino di casa, che entrando nell’abitazione della coppia, ha trovato l’uomo in una pozza di sangue nudo senza un occhio e un braccio, a vegliare sul cadavere della donna. Immediata la chiamata del vicino, che ha denunciato l’accaduto alla polizia, la quale fermato l’omicida, che avrebbe confessato quanto fatto. Nella casa, piena di sangue, sono stati trovati diversi coltelli, anche se non è chiaro quale sia stato utilizzato per il delitto. La moglie dell’omicida si chiamava Trina Heisch, aveva 49 anni e, da quanto si è appreso, aveva conosciuto il compagno durante un periodo in una clinica psichiatrica, le generalità dell’uomo invece non sono state rese note.