Decimo Giardino della Memoria realizzato in collaborazione con il comune di S.Onofrio

46

È stata l’area limitrofa al cimitero di S.Onofrio il decimo luogo ad ospitare il “Giardino della Memoria”.

La piantumazione è avvenuta ieri pomeriggio ed ha visto la creazione di un’area verde limitrofa al cimitero cittadino e questa attività rappresenta la nona di una serie di piantumazioni su scala nazionale.
Attività
 realizzata grazie ai proventi del libro STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, frutto del progetto di Associazione Valentia mirato a raccogliere le testimonianze di piccoli e grandi imprenditori, del panorama politico, economico e sociale nazionale.

L’evento simbolico ha visto la piantumazione di 4 alberi di ulivo con una targa per ricordare chi oggi non c’è più, avvenuto alla presenza dei dirigenti nazionali e referenti territoriali dell’Associazione: Anthony Lo Bianco, Valentina Fusca, Raffaele Trapasso, Paolo Defina e Salvatore Losiggio, il sindaco di S.Onofrio Ing. Onofrio Maragò, l’assessore Antonio Ferito, il parroco Don Franco Fragalà.


“Chi pianta un albero, pianta speranza” diceva la scrittrice americana Lucy Larcom ed il progetto STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, nasce proprio con questo intento: ridare speranza. 

 

“Piantare un albero è un gesto importante, un segno capace di attraversare il tempo – queste le parole del presidente Anthony Lo Bianco  che ha ringraziato il sindaco e l’assessore di S.Onofrio, i referenti per il comune di S.Onofrio dell’Associazione Valentia e Don Franco.

I componenti della segreteria nazionale presenti dichiarano : Con queste aree verdi che stiamo inaugurando simbolicamente su scala nazionale, vogliamo ricordare chi purtroppo a causa della pandemia non c’è più. La donazione di alcuni alberi ha simbolicamente un grande valore.

Il referente e il Vice referente dell’Associazione Valentia sezione di S.Onofrio, Paolo Defina e Raffaele Trapasso, unitamente al segretario Salvatore Losiggio, si dicono molto entusiasti per l’iniziativa appena intrapresa, ringraziando l’amministrazione comunale di S.Onofrio, il parroco e tutti i presenti.

È stato un piacere donare il nostro piccolo contributo per una grande causa – sostengono i referenti – , abbiamo voluto manifestare tutta la nostra solidarietà alle numerose vittime che questa pandemia ha mietuto in tutto il mondo, a chi dopo tante sofferenze non è riuscito a vincere la propria battaglia; alle diverse famiglie di S.Onofrio che hanno trascorso un anno difficile, subendo gravi e inaspettati lutti in famiglia.

Gli ulivi che abbiamo piantato – concludono –  sono simboli di pace e di rinascita, con la speranza che il nostro amato territorio e il Paese intero, possano ritornare presto alla tanta agognata normalità.

Il sindaco di S.Onofrio, Ing. Onofrio Maragò, ha voluto ringraziare vivamente tutti i componenti dell’Associazione Valentia per l’iniziativa appena svolta, per l’impegno profuso in tutto il territorio calabrese.

“Grazie di vero cuore a nome di tutta l’amministrazione comunale e di tutti i santonofresi. Questo gesto rende il giusto omaggio alle persone tragicamente scomparse nel corso di quest’anno a causa del Coronavirus. Un’area verde che ci permetterà di ricordare per sempre le tante persone che hanno lottato con tutte le loro forze per vincere questa terribile malattia, ma non ci sono riuscite.

Le piante d’ulivo, poste di fronte al cimitero, nel punto più alto di S.Onofrio dove si scorge tutto il magnifico paesaggio, simboleggiano la pace, la vita, la rinnovata speranza, quella di cui il nostro paese ha veramente bisogno.

Conclude l’assessore Ferito:” 
Un sentito ringraziamento a tutti i giovani dell’associazione Valentia per aver voluto portare avanti tale iniziativa anche nel nostro comune, avvenuta con la piantumazione di alberi di ulivo in ricordo delle Vittime di Covid.
Un pensiero va a tutte le persone che stanno lottando contro questa malattia, con la speranza di poter tornare alla normalità”.

Un evento importante per ricordare le numerose vittime che la pandemia ha mietuto durante il 2021.

Articolo precedente Ndrangheta: traffico internazionale di droga, 20 arresti
Articolo successivoDiscarica comunale chiusa ma ancora in uso- sequestro