Il SitofexR e il commercio illegale

Riceviamo e pubblichiamo

Il Sitofex® è un fitoregolatore prodotto dalla società tedesca AlzChem Trostberg GmbH ed utilizzato in agricoltura per regolare la dimensione del grappolo e degli acini nell’uva da tavola, per migliorare il calibro del kiwi e per prevenire il cancro batterico dell’actinidia (PSA). 

AlzChem è la sola titolare in Italia dell’autorizzazione del Ministero della Salute dell’unico prodotto fitosanitario Sitofex®1 e, in ambito europeo, del principio attivo forchlorfenuron, come regolatore della crescita delle piante.

Negli ultimi anni, in Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Puglia, Lazio, Calabria e Sicilia, sono stati riscontrati numerosi casi di contraffazione, relativamente al Sitofex®, consistenti nel tentativo di riproduzione del prodotto attraverso l’imitazione del contenuto, dell’etichetta e delle bottiglie. Inoltre, risulta che in alcune zone d’Italia, il prodotto illegale viene anche commercializzato come sostanza solida confezionata in bustine.

E’ il motivo per cui a novembre 2017, la AlzChem, in persona dei suoi legali rappresentanti, ha sporto denuncia-querela contro ignoti presso le Procure di Bari, Reggio Calabria, Latina e Ravenna per i reati che si rinvengono dai fatti narrati, al fine di contenere l’espansione del mercato di prodotti illegali a base di forchlorfenuron, attraverso una sistematica azione di contrasto nei confronti dei canali distributivi, anche di commercio elettronico.

La AlzChem non mancherà di costituirsi parte civile nei processi penali che scaturiranno dalle indagini dell’Autorità Giudiziaria. 

L’utilizzo di prodotti fitosanitari illegali costituisce – soprattutto – un rischio per la salute degli operatori agricoli, per i consumatori e per l’ambiente. La composizione dei prodotti illegali non è conosciuta e anche modifiche parziali delle caratteristiche fisico-chimiche possono condurre a degli effetti tossici ed inquinanti non accettabili. Agli imprenditori agricoli viene artatamente riferito che trattasi di prodotto che proviene dalla stessa fonte di quello presente nelle rivendite autorizzate e che trattasi di una mera strategia di vendita dell’azienda produttrice!! È chiaro che ciò non risponde assolutamente al vero, ma in tal modo gli imprenditori agricoli acquistano la merce contraffatta ritenendo presumibilmente solo di procedere ad un affare commerciale, senza la consapevolezza di incorrere in una fattispecie di reato!!

Non da ultimo, per le aziende agricole è previsto l’obbligo di compilazione dei quaderni di campagna sui quali annotare i trattamenti fitosanitari. Pertanto, quando gli imprenditori agricoli subiscono controlli amministrativi dando luogo all’analisi delle foglie, può essere accertato per un certo periodol’utilizzo del p.a. forchlorfenuron. E’ evidente che le aziende prive di documentazione di regolare acquisto del Sitofex®, hanno fatto ricorso con ogni probabilità a prodotti illegali e sono suscettibili di ulteriori accertamenti nel corso dei quali si può verificare se il quantitativo acquistato regolarmente sia congruo al fabbisogno effettivo dell’azienda.

In questo contesto si rende noto che – ormai da tempo – sulle bottiglie da 1 litro di Sitofex® originali della AlzChem si individua un QR-code che consente all’acquirente di verificare l’originalità del prodotto acquistato. 

Nella denuncia-querela di cui sopra, è stata evidenziata alle Autorità Giudiziarie la necessità di effettuare controlli/indagini da parte degli organi di controllo nel periodo di maggiore utilizzo del Sitofex® e, quindi della possibilità di un suo accertamento.

In virtù dei fatti fin qui enunciati, l’AlzChem auspica che siano individuati i fornitori originari dei prodotti illegali. Allo stesso tempo, la società ha avviato una capillare azione informativa indirizzata aimprenditori agricoli e a titolari di rivendite in modo da evitare che loro rimangano coinvolti inprocedimenti penali qualora – consapevolmente o raggirati – dovessero far ricorso a prodotti contraffatti o non autorizzati e come tali illegali.  

La AlzChem ringrazia i propri clienti della loro comprensione e rimane a disposizione per ogni ulteriore informazione rivolgendosi al seguente indirizzo mail: sitofex-tutelalegale@alzchem.com . 

Assistenza legale in Italia

della società AlzChem Trostberg GmbH