In onda da oggi THE GOOD MOTHERS, la serie della donne contro la Ndrangheta

554

È disponibile da oggi, THE GOOD MOTHERS, la nuova serie originale italiana targata Disney+ che al Festival Internazionale del Cinema di Berlino ha  vinto il premio Series Award.

Donne contro la mafia tra storia vera e finzione, tra Milano e Calabria e con Micaela Ramazzotti e Gaia Girace rispettivamente ‘madre e figlia coraggio’.

Una serie in sei puntate, su Disney+ in onda da oggi 5 aprile e dirette, nei primi tre episodi, da Julian Jarrold e, nei restanti da Elisa Amoruso.

Basato sull’omonimo bestseller del giornalista Alex Perry, la serie racconta di una giovane e brillante pm, Anna Colace (Barbara Chichiarelli), che ha l’intuizione di attaccare la ‘Ndrangheta facendo leva sulle sue donne, mogli, madri e amanti dei boss.

Tutto parte dalla storia vera della scomparsa nel 2009 di Lea Garofalo(Micaela Ramazzotti), che aveva testimoniato contro il marito Carlo Cosco (Francesco Colella) per iniziare una nuova vita con la figlia Denise (la Gaia Girace de L’amica geniale). Man mano che il magistrato Anna si addentra nella ‘Ndrangheta, scopre poi le potenti vicende di Giuseppina Pesce (Valentina Bellè) e Concetta Cacciola (Simona di Stefano), due donne molto diverse, ma con la stessa voglia di ribellarsi.

“Sono orgogliosa nell’aver interpretato un personaggio straordinario come la Garofalo che è riuscita a trasmettere i suoi valori e il suo coraggio anche alla figlia che, a sua volta, proprio come lei ha testimoniato” dice la Ramazzotti in conferenza stampa a Berlino. Mentre la Girace che interpreta Denise, sua figlia, fa un parallelo con L’Amica Geniale: “Lì c’era la camorra e il solo punto di vista maschile, c’erano armi e droga. Qui le cose si sono ribaltate, ci sono le donne in guerra e c’è anche spero un messaggio di speranza. E poi – continua – Denise rispetto al personaggio di Lila ha voglia di sradicare un sistema, ha voglia di rivalsa. È una che non si piega”.

Racconta la Bellè della sua esperienza in Calabria per prepararsi al ruolo di Giuseppina Pesce: “Una signora alla quale ho chiesto della Ndrangheta, mi ha subito detto scocciata: “ancora questa storia, non esiste”. Poi dopo un po’ si è invece lamentata nel dire che lo Stato aveva abbandonato i suoi compaesani: ‘Qui non abbiamo nulla, neppure il sindaco e il prete’. È comunque un sistema difficile da sradicare – continua l’attrice – e capisco più chi ci si adegua che chi lo combatte “.

Dice, infine, Elisa Amoruso, regista degli ultimi tre episodi, sul significato universale di questa serie che arriverà in 75 paesi: “È vero in una storia così ci si possono riconoscere anche le donne iraniane e comunque tutte le donne in lotta con il patriarcato, è insomma davvero una storia universale”.

Articolo precedente Rosarno – le segnalazioni dei lettori: la città in stato di abbandono: tra sporcizia e strade dissestate
Articolo successivoScossa di terremoto magnitudo 3.3 tra Calabria e Sicilia