La cannabis esce dalla tabella ONU degli stupefacenti. Potrebbe curare Parkinson, epilessia ed alleviare dolori cancro

Dopo mezzo secolo, l’Organizzazione delle nazioni unite ha deciso di togliere la cannabis dalla “tabella IV”, la più restrittiva, che include sostanze come eroina e cocaina. La cannabis non viene considerata più come uno stupefacente. L’Onu ha riconosciuto il valore terapeutico, per cui, come sottolineato dalla stessa Organizzazione mondiale della sanità, esistono ormai ampie evidenze scientifiche.

Quasi tutta l’Unione Europea e le Americhe hanno votato a favore di questo cambiamento, raggiungendo la maggioranza per un solo voto. Anche l’Italia ha firmato per il sì. Gran parte dei paesi asiatici e africani, invece, si sono opposti. La cannabis potrebbe aiutare a curare il Morbo di Parkinson, la sclerosi, l’epilessia e alleviare anche i dolori del cancro.