Naufragio migranti – sei corpi recuperati. In ospedale bimba superstite chiede dei genitori

36

Tre corpi sono stati recuperati dalla Guardia costiera, nella giornata di ieri,  nella zona del naufragio nel mar Jonio di una barca a vela che era partita 8 giorni prima dalla Turchia.

Altri tre cadaveri erano stati prelevati dalle acque in precedenza.

Ora sono dunque 6 in tutto i corpi recuperati. I superstiti – 11, sbarcati ieri a Roccella Ionica – avevano parlato di una sessantina di dispersi.

Tra i superstiti c’è anche Nalina, la più piccola – solo dieci anni – dell’ennesima tragedia in mare, l’affondamento della barca a vela sulla quale si trovava insieme alla sua famiglia e ad un’altra settantina di disperati, una sessantina dei quali spariti nelle acque del mare Ionio a circa 120 miglia dalla costa calabrese e tra loro 26 bambini.

Piange, si lamenta per i dolori alle braccia e non fa che chiedere notizie dei genitori e della sorellina, ma non risparmia gesti inequivocabili di ringraziamento a chi si sta prodigando per lei, medici ed infermieri, abbracciando le loro mani e baciandole.

Lei, insieme ad altri 10 migranti iracheni ed iraniani, si è salvata per essere riuscita ad aggrapparsi alla barca semi sommersa, fino a quando è stata recuperata dall’equipaggio di un mercantile ed affidata alla Guardia costiera che ha portato tutti in salvo nel porto di Roccella Ionica.

Articolo precedente Traffico di cocaina Calabria-Sicilia: 13 misure cautelari
Articolo successivoMorti sul lavoro – Calabria zona rossa