‘Ndrangheta- si è costituito il boss Mammoliti

Nella tarda mattinata di ieri si è costituito alla Polizia di Stato Antonio MAMMOLITI destinatario della misura della custodia cautelare in carcere  nell’ambito dell’  “operazione Koleos”,promotore ed organizzatore, insieme ad altri, di un’ associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, membro di spicco dell’omonima cosca operante sulla fascia ionica della Provincia di Reggio Calabria.

MAMMOLITI Antonio, classe ‘86,  fratello di Domenico e di Francesco, già coinvolti dalle misure cautelari,  sentitosi braccato, si è consegnato volontariamente nelle mani degli investigatori del Commissariato di P.S. di Siderno (RC), dopo che questi ultimi  si erano prodigati incessantemente al suo rintraccio all’indomani delle fasi strettamente operative dell’operazione di polizia giudiziaria eseguita il 22 luglio scorso nel territorio della Locride.

Solo un mese fa infatti gli uomini del Commissariato di Siderno (RC) unitamente a quelli della Squadra Mobile di Reggio Calabria avevano dato esecuzione, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, all’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di numerosi indagati all’esito di una corposa indagine diretta e coordinata dal Procuratore Aggiunto Dott. Giuseppe Lombardo, dal Sostituto Procuratore Diego Capece Minutolo e dal Sostituto Procuratore Alessandro Moffa, nata dalla ricerca del latitante Rocco MAMMOLITI e sviluppatasi poi con la ricostruzione di un importante traffico di cocaina gestito anche dalla famiglia GIORGI di San Luca, grazie al quale la sostanza stupefacente veniva esportata fino in Puglia e in Sicilia.

Le risultanze investigative avevano consentito di registrare nel periodo compreso fra il mese di ottobre dell’anno 2015 e quello di febbraio dell’anno 2016 la movimentazione di quasi 160 kg di cocaina per un valore all’ingrosso di circa 7 milioni di euro.

Antonio MAMMOLITI al termine degli atti di rito è stato condotto presso il carcere San Pietro di Reggio Calabria.