Nuove imprese a tasso zero, una nuova occasione per il proprio business

45

Parlare di imprenditorialità giovanile e femminile implica porre l’accento sulle misure di sostegno economichefinalizzate a ottenere il credito necessario per avviare delle attività.

La voglia di fare impresa è sempre più forte. Si scontra, però, con una serie di difficoltà in un periodo storico caratterizzato da una pandemia che ha portato con sé una crisi economica che sta mettendo i bastoni tra le ruote a tanti giovani e a tante donne che sognano di mettersi in proprio.

Per questo motivo misure come Nuove Imprese a Tasso Zeropotrebbero essere la soluzione per realizzare i propri sogni in campo imprenditoriale.

Si tratta, nello specifico, di una serie di misure pensate per incentivare le micro e piccole imprese nate dalla voglia di fare impresa di donne e under 36. Sono inclusi nel programma di aiuti sia contributi a fondo perdutoche prestiti a tasso zero, ma anche servizi di tutoraggio per favorire lo sviluppo e la crescita delle suddette imprese.  

Un pacchetto completo, quindi, che interessa diversi settori economici. Si parla, ad esempio, di imprese che operano nel settore turistico e culturale, di progetti per l’innovazione sociale, di aziende che offrono servizi alle persone o alle altre imprese, di aziende che si occupano di commercio di beni e così via.

Come detto possono attingere ai contributi tutte quelle micro e piccole imprese nate da non oltre 60 mesi e composte per oltre la metà da donne o da soggetti under 36. Il finanziamento in questione, che può arrivare a coprire fino al75%-90% delle spese totali ammissibili, è un ottimo aiuto per chi decide di aprire la propria attività in un anno complesso come quello che stiamo vivendo.

Nella guida di Contributi PMI sulle Nuove Imprese a Tasso Zero sono state inserite tutte le novità del 2021 in materia. Una risorsa utile per chi è alla ricerca di un sostegno per le proprie ambizioni e vuole sfruttare quest’occasione.

La domanda è da presentare a Invitalia secondo quelli che sono i termini e le modalità definite dal Ministero dello Sviluppo Economico. Alla base della concessione delle agevolazioni ci sarà una procedura di valutazione delle singole domande.

Se la richiesta verrà accolta si passerà, poi, alla stipula del contratto del finanziamento e all’erogazione dello stesso. Tutto ciò avverrà in tranche secondo alcuni passaggi definiti a monte, basati sullo stato di avanzamento dei lavori. L’ultimo pagamento verrà concesso dopo aver controllato la realizzazione effettiva del programma di investimento.

Articolo precedente Crisi COVID – Calabria: persi mille liberi professionisti e il 50% degli studi con dipendenti in un anno
Articolo successivoRifiuti Calabria: assicurati conferimenti nelle discariche pubbliche